keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
+32
LIBANO
05.08.20 - 07:250
Aggiornamento : 08:34

Esplosioni al porto, più di 4'000 feriti. Aria inquinata e fuga dalla città

A causare il disastro sarebbe stato un incendio in un deposito dove erano stipate 2'750 tonnellate di nitrato di ammonio

Il presidente libanese ritiene «inaccettabile» che la sostanza fosse immagazzinata al porto in condizioni non sicure. Donald Trump invece ha ventilato la possibilità di un «terribile attentato».

BEIRUT - Si aggrava il bilancio delle terribili esplosioni avvenute ieri al porto di Beirut. Il Ministro della Salute libanese ha infatti precisato che le deflagrazioni hanno provocato almeno cento morti e 4'000 feriti e consiglia di abbandonare la città a chiunque riesca a farlo. «I materiali pericolosi sprigionatisi nell'aria - spiega ai media locali - potrebbero avere effetti a lungo termine mortali».

2'750 tonnellate di nitrato di ammonio - A provocare le devastanti esplosioni è stato un incendio in un deposito dove erano stipate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrate diversi anni fa da una nave. «È inaccettabile», ha sottolineato il presidente libanese Michel Aoun in un Tweet, che una tale quantità di materiale chimico fosse «immagazzinate in condizioni non sicure». 

Simile a un terremoto di magnitudo 3.3 - Le deflagrazioni avvenute nella capitale libanese sono state potentissime. Tanto che i sismografi del servizio geologico statunitense le hanno registrate come se fossero un terremoto di magnitudo 3.3. Gli esperti hanno comunque precisato che la magnitudo riportata non sia comunque «direttamente paragonabile a un sisma di dimensioni simili, essendo l'esplosione libanese avvenuta in superficie» (al contrario di un'onda sismica).

Trump parla di «terribile attentato» - Sulle esplosioni del porto di Beirut ha parlato anche il presidente americano Donald Trump nel corso di una conferenza stampa svoltasi alla Casa Bianca. «Assomigliano a un terribile attentato», ha sottolineato il presidente precisando di aver «incontrato i generali e sembra che non sia un incidente industriale».  I vertici militari pensano che l'esplosione a Beirut sia stata un attacco, una bomba di qualche tipo, ha concluso.

keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
Guarda tutte le 36 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
EUROPA
5 ore
L'Europa si divincola tra record di casi e nuove strette
Una situazione cui i cittadini sembrano reagire con un mix di preoccupazione, noncuranza e ribellione
FRANCIA / TURCHIA
9 ore
Erdogan mette in dubbio la "salute mentale" di Macron
L'Eliseo ha denunciato le frasi del presidente turco, definendole «inaccettabili»
STATI UNITI
11 ore
Elezioni USA: possibile affluenza da record, Trump al seggio
Il Presidente ha preferito, nonostante il Covid, votare dal vivo: «Sono all'antica, immagino»
FRANCIA
14 ore
Lusso: trimestre sopra le aspettative per i principali marchi
Dopo una primavera difficile, gruppi come Moncler e Kering chiudono il 3° periodo dell'anno meglio del previsto.
ITALIA
15 ore
Covid-19: in Italia pronto soccorso «presi d'assalto»
A lanciare l'allarme è il presidente della Società italiana medicina d'emergenza: «C'è chi resta 3-5 giorni».
VIDEO
GERMANIA
15 ore
«Di nuovo: restate a casa»
Con un gesto inusuale, la cancelliera tedesca ha voluto sottolineare come la sua posizione non sia cambiata.
AZERBAIGIAN
16 ore
Crimini di guerra? Scatta l'indagine
Nei due filmati si vedrebbero due armeni uccisi da militari azeri. Per la BBC, sono potenzialmente autentici.
STATI UNITI
20 ore
Joe Biden: «Se vinco, vaccino gratis per tutti»
Il candidato democratico alla Casa Bianca ha parlato del suo piano di lotta alla pandemia
FOTO E VIDEO
ITALIA
1 gior
Guerriglia urbana a Napoli
Migliaia di cittadini contestano il coprifuoco e la possibilità di un lockdown. Scontri davanti alla Regione
STATI UNITI
1 gior
Vaccino Oxford-AstraZeneca, i test possono riprendere
Lo stop era dovuto a due casi di possibile effetto neurologico collaterale su altrettanti volontari
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile