keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
+32
LIBANO
05.08.20 - 07:250
Aggiornamento : 08:34

Esplosioni al porto, più di 4'000 feriti. Aria inquinata e fuga dalla città

A causare il disastro sarebbe stato un incendio in un deposito dove erano stipate 2'750 tonnellate di nitrato di ammonio

Il presidente libanese ritiene «inaccettabile» che la sostanza fosse immagazzinata al porto in condizioni non sicure. Donald Trump invece ha ventilato la possibilità di un «terribile attentato».

BEIRUT - Si aggrava il bilancio delle terribili esplosioni avvenute ieri al porto di Beirut. Il Ministro della Salute libanese ha infatti precisato che le deflagrazioni hanno provocato almeno cento morti e 4'000 feriti e consiglia di abbandonare la città a chiunque riesca a farlo. «I materiali pericolosi sprigionatisi nell'aria - spiega ai media locali - potrebbero avere effetti a lungo termine mortali».

2'750 tonnellate di nitrato di ammonio - A provocare le devastanti esplosioni è stato un incendio in un deposito dove erano stipate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrate diversi anni fa da una nave. «È inaccettabile», ha sottolineato il presidente libanese Michel Aoun in un Tweet, che una tale quantità di materiale chimico fosse «immagazzinate in condizioni non sicure». 

Simile a un terremoto di magnitudo 3.3 - Le deflagrazioni avvenute nella capitale libanese sono state potentissime. Tanto che i sismografi del servizio geologico statunitense le hanno registrate come se fossero un terremoto di magnitudo 3.3. Gli esperti hanno comunque precisato che la magnitudo riportata non sia comunque «direttamente paragonabile a un sisma di dimensioni simili, essendo l'esplosione libanese avvenuta in superficie» (al contrario di un'onda sismica).

Trump parla di «terribile attentato» - Sulle esplosioni del porto di Beirut ha parlato anche il presidente americano Donald Trump nel corso di una conferenza stampa svoltasi alla Casa Bianca. «Assomigliano a un terribile attentato», ha sottolineato il presidente precisando di aver «incontrato i generali e sembra che non sia un incidente industriale».  I vertici militari pensano che l'esplosione a Beirut sia stata un attacco, una bomba di qualche tipo, ha concluso.

keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
Guarda tutte le 36 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
POLINESIA FRANCESE
49 min
Macron promette «verità e trasparenza» sui test nucleari
Parigi non avrebbe mai condotto gli esperimenti in Francia, ha ammesso il presidente. Ma non ha chiesto «perdono».
STATI UNITI
3 ore
Gli Stati Uniti restano spaccati in due... Anche sui vaccini
La frattura tra Stati a maggioranza democratica e repubblicana si riflette anche sul ritmo della campagna vaccinale.
STATI UNITI
12 ore
Vaccinati senza mascherina? Dietrofront degli USA
Secondo l'autorità sanitaria statunitense, in alcuni casi anche i vaccinati dovranno indossarla
ITALIA
14 ore
 Como, la polizia invita a non uscire di casa
La decisione in vista dei temporali previsti nelle prossime ore.
SAN MARINO
14 ore
San Marino raggiunge l'immunità di gregge
Tuttavia, avendo utilizzato Sputnik, i cittadini non avranno diritto al Green Pass in Italia
GERMANIA
19 ore
«Lavate bene frutta e verdura»
Sono trentuno i feriti in seguito all'incidente a Leverkusen, quattro le persone che risultano ancora disperse.
ITALIA
23 ore
Proiettili? No, grandine
Gli strascichi dell'«inferno» d'acqua che ha colpito ieri il Basso Mantovano
STATI UNITI
1 gior
Crollo a Miami, identificata anche l'ultima vittima
Il bilancio definitivo si attesta a 98 morti. I soccorritori però continuano a scavare
ITALIA
1 gior
Vaccinati, ma senza Green Pass: il caso dei volontari di ReiThera
Nel loro organismo ci sono gli anticorpi, ma non possono ottenere il certificato Covid
EUROPA
1 gior
Giovani adulti, sempre più soli
Sia al nord che al sud del Continente, aumentano i giovani europei che si sentono soli
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile