keystone-sda.ch / STR (JONAS NOLDEN)
La polizia tedesca ha isolato la zona degli scavi.
+8
GERMANIA
29.07.20 - 21:100
Aggiornamento : 30.07.20 - 12:23

Maddie, una cantina nel giardino di Hannover?

Le autorità non hanno per il momento confermato il ritrovamento. Le operazioni di perquisizione sono tuttora in corso

Fonte Uski Audino (ANSA)
elaborata da Redazione

HANNOVER - Il cerchio potrebbe stringersi e la svolta nell'indagine per la scomparsa della piccola Maddie McCann, sparita 13 anni fa in Algarve mentre era in vacanza con i genitori, potrebbe essere davvero vicina.

Da due giorni si scava nel piccolo giardino nella città di Hannover dove gli inquirenti sono arrivati in forze martedì mattina, con pale, escavatori, ruspe, sguinzagliando anche i cani poliziotti per fiutare ogni possibile, anche piccolo, indizio. L'operazione è iniziata e resta ammantata dal più stretto riserbo.

Ma iniziano a trapelare i primi dettagli, diffusi da alcuni media asserragliati dietro le transenne per tenere lontani i reporter: spostando pietre, terra e ciottolato è sbucata una cantina ben riparata alla vista tra le fondamenta di un capanno, demolito in passato. E un residente di un'abitazione vicina ha riferito al Daily Mail che il sospettato numero uno, il 43 enne tedesco Christian Brueckner, ha abitato in quel capanno proprio nel 2017.

L'operazione di polizia della Bassa Sassonia, coordinata dalla procura di Braunschweig, resta comunque top secret e alla domanda su «cosa si stia cercando» nessun'autorità investigativa ha lasciato trapelare la seppur minima indiscrezione. Per difendersi dai curiosi e dalla stampa di tutto il mondo il terreno è stato protetto da staccionate e in serata è arrivato addirittura il divieto di sorvolo dell'area con elicotteri o con droni da parte dell'anticrimine federale tedesco (Bka).

Dopo tredici anni di tentativi finiti nel vuoto, la partita deve essere condotta con riserbo estremo, è l'opinione delle autorità inquirenti tedesche. Il minimo è quanto dichiarato finora in via ufficiale. E cioè che la perquisizione del terreno è in relazione con il caso della scomparsa di Maddie.

Tuttavia le ipotesi su cosa si stia cercando che circolano sulla stampa sono almeno tre. La prima è la cosiddetta "prova regina" che incastrerebbe senza possibilità di appello il presunto omicida, ossia i resti della piccola. E la presenza delle unità cinofile hanno fatto, già dall'inizio dell'operazione, propendere per questa possibilità. La seconda ipotesi è che gli inquirenti cerchino un computer che contenga i segreti che Christian Breuckner ancora nasconde. Mentre la terza è che si possano trovare nascosti in cantina degli oggetti usati che possano essere messi in relazione con il delitto.

Nascondere oggetti come il computer in un terreno abbandonato non sarebbe una strategia nuova per Brueckner, del resto. In un altro giardino della Sassonia-Anhalt nei pressi di Magdeburgo gli inquirenti alcune settimane fa hanno trovato un pc di sua proprietà con materiale pedo-pornografico sepolto proprio nel terreno.

Ma c'è un altro elemento che potrebbe essere legato alla ricostruzione del caso della bambina britannica scomparsa a tre anni nel 2007 in Portogallo, tra Praia de Luz e Lagos. Si tratta del racconto del testimone e vicino di casa: secondo Wolfgang Kossack, un 73enne proprietario del giardino accanto, Brueckner arrivò nella proprietà nel 2007, proprio l'anno in cui Maddie fu rapita in Portogallo. A quel tempo il presunto omicida trascorreva il suo tempo nel giardino presso il capanno in legno, poi demolito l'anno dopo.

«Non faceva giardinaggio, se ne stava seduto fuori a bere birra», ha raccontano il vicino rivelando che Brueckner confessò di non aver registrato il nuovo indirizzo di residenza. «Nessuno sapeva che stava lì», racconta il testimone. Ogni tanto lo veniva a trovare una «giovane donna, sembrava la sua fidanzata» e prima di sparire disse che stava pianificando di «tornare in Europa del Sud». Secondo le ricostruzioni di Bild il presunto omicida viveva all'epoca in una roulotte non lontana dal terreno.

L'uomo, ora in carcere a Kiel per reati legati alla droga, potrebbe uscirne il gennaio prossimo se le indagini non dovessero portare alla tanto attesa svolta.

keystone-sda.ch / STR (JONAS NOLDEN)
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
6 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
17 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
20 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
21 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
1 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
1 gior
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
1 gior
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
1 gior
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile