Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Luca Bruno)
La Guardia di Finanza sta perquisendo gli uffici di Dama Spa.
ITALIA
28.07.20 - 21:300
Aggiornamento : 21:50

La Guardia di Finanza sta perquisendo la sede di Dama Spa

Si cercano elementi probatori relativi alla mancata consegna di 25mila dispositivi

La magistratura sta indagando sul conto legato a un trust delle Bahamas della madre del presidente Fontana

MILANO - I militari del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di finanza, su delega della Procura di Milano, stanno effettuando perquisizioni presso la Dama Spa, l'azienda di cui è amministratore delegato Andrea Dini, cognato del governatore lombardo Attilio Fontana, e che è al centro del caso camici in Lombardia in cui risultano entrambi tra gli indagati.

Da quanto si è appreso, le Fiamme Gialle stanno cercando elementi probatori relativi alla mancata consegna di 25mila camici avvenuta dopo che la fornitura di 75mila pezzi si è trasformata, nelle intenzioni dichiarate, in donazione.

Indagini sulle Bahamas - Sono in corso da parte della magistratura milanese che indaga sul caso del camici in Lombardia approfondimenti sul conto legato a un trust costituito nel 2005 alle Bahamas dalla madre anziana del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e sul quale è confluito il patrimonio di un precedente trust, datato 1997 e sempre con sede a Nassau.

Un 'tesoro' di 5,3 milioni di euro che il Presidente lombardo ha ereditato e nel 2015 ha 'scudato' e depositato su un conto in Svizzera di cui, fino a quando non è emerso nell'inchiesta della Procura, non si sapeva nulla.

I pubblici ministeri, attraverso la documentazione acquisita, stanno passando al setaccio le movimentazioni di quel conto collegato al trust "Montmellon Valley Inc." sul quale, come ha pubblicato la newsletter del 'Domani', il quotidiano che uscirà in autunno, tra «il 2009 e il 2013, (...) c'è vita» e sul quale 11 anni fa figuravano «4.565.839 milioni di euro» mentre «cinque anni dopo (...) era più ricco di quasi 200 mila euro».

Dai dati della relazione allegata alla voluntary disclosure ora acquisita agli atti del fascicolo, e riportati dalla newsletter online, emerge come nel 2009 la cifra depositata era di 4.565.839 milioni e come l'anno dopo era cresciuta di 129 mila euro mentre nel 2011 il saldo era di 4.162.911 milioni con un calo di oltre mezzo milione di euro. E ancora nel 2012 il capitale era tornato a crescere di 442 mila euro e nel 2013 l'estratto conto era di 4.734.478 milioni.

In un'intervista a Repubblica, pubblicata oggi, Fontana ha dichiarato che il «conto non era operativo da decine di anni. Penso almeno dalla metà degli anni Ottanta». Nei giorni scorsi Jacopo Pensa, il difensore di Fontana, che è tra gli indagati nell'inchiesta, ha affermato che quella proveniente dal trust di «una eredità, scudata, regolarizzata, tracciabile e assolutamente ufficiale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TAGIKISTAN
1 ora
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
8 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
13 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
16 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
19 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
23 ore
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
ITALIA
1 gior
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
1 gior
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile