Deposit
ITALIA
11.07.20 - 11:440

Una «chat dell'orrore» con violenze e mutilazioni: venti minori coinvolti

Sui telefonini dei giovani anche filmati pedofili e immagini di suicidi e decapitazioni.

La polizia postale italiana è intervenuta a seguito della denuncia di una madre di Lucca che aveva scoperto la chat sul cellulare del figlio.

FIRENZE - La polizia postale italiana ha scoperto una "chat degli orrori" tra giovanissimi: 20 minori tra i 13 e i 17 anni, che si sarebbero scambiati immagini «di orribili violenze e con contenuti di alta crudeltà».

L'inchiesta, coordinata dalla procura dei minori fiorentina, è nata dalla denuncia a Lucca di una madre che aveva scoperto sul cellulare del figlio 15enne filmati hard con anche bimbi. Sul telefono sono poi stati trovati file provenienti anche dal dark web con video di suicidi e di mutilazioni e decapitazioni di persone e animali.

"Dangerous Images" è il nome dato all'operazione condotta dalla polizia postale della Toscana. Le ipotesi di reato per le quali si procede, in concorso, sono detenzione, divulgazione e cessione di materiale pedopornografico, detenzione di materiale e istigazione a delinquere aggravata.

Come spiegano gli investigatori in una nota, dall'analisi del telefonino del quindicenne "è emerso un numero esorbitante di filmati e immagini pedopornografiche, anche sotto forma di stickers, scambiate e cedute dal giovane, rivelatosi l'organizzatore e promotore dell'attività criminosa insieme ad altri minori, attraverso Whatsapp, Telegram e altre applicazioni di messaggistica istantanea e social network.

Sul telefono del ragazzo erano inoltre presenti numerosi file "gore", la nuova frontiera della divulgazione illegale, video e immagini provenienti dal dark web raffiguranti suicidi, mutilazioni, squartamenti e decapitazioni di persone, e in qualche caso di animali".

Dopo oltre cinque mesi d'indagine i poliziotti hanno identificato le persone che a vario titolo avrebbero detenuto o scambiato immagini e video pedopornografici: tutti minori, tra cui 7 tredicenni. Sono poi scattate le perquisizioni, eseguite dalla polizia postale - e coordinate dal Cncpo (Centro nazionale contrasto alla pedopornografia online) - nei confronti di minori residenti a Lucca, Pisa, Cesena, Ferrara, Reggio Emilia, Ancona, Napoli, Milano, Pavia, Varese, Lecce, Roma, Potenza e Vicenza.

Dai telefonini e computer sequestrati sarebbero emersi "elementi di riscontro inconfutabili". Le indagini proseguono anche per verificare il coinvolgimento di eventuali altre persone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Trump "vince" alla Corte suprema: Amy Coney Barrett ha giurato
«Ricoprirò il mio incarico in maniera indipendente dalla politica e dalle mie preferenze» ha dichiarato la nuova giudice
FOCUS
1 ora
L'India non è un Paese per donne
Gli stupri sono all'ordine del giorno in una nazione dove la violenza indirizzata al genere femminile è spesso normale
GERMANIA
8 ore
Morti legate al Covid, anche l'inquinamento ha contribuito
Secondo uno studio del Max Planck Institute, ha avuto un ruolo (indiretto) nel 15% dei decessi
FOTO
ITALIA
10 ore
Da Milano a Torino, esplode la protesta contro il governo
Scene di guerriglia urbana in diverse città italiane. Allerta massima del Viminale
FOTO
ITALIA
12 ore
Il primo "tramonto" delle 18 in Italia
Sono entrate in vigore oggi le nuove misure decise dal governo italiano per rallentare la pandemia
REGNO UNITO
13 ore
Il vaccino di Oxford fa ben sperare anche per gli anziani
Il preparato è in grado di stimolare anche la produzione di anticorpi protettivi e di cellule T
MONDO
14 ore
Le auto usate che inquinano i Paesi in via di sviluppo
In media i veicoli esportati in Nigeria dai Paesi Bassi hanno 20 anni
SPAZIO
16 ore
Si vota anche dallo spazio
L'astronauta Kate Rubins ha comunicato via Twitter di aver votato dalla ISS.
ITALIA
16 ore
L'Italia sconsiglia i viaggi all'estero
La Farnesina fa sapere che non si possono escludere future restrizioni agli spostamenti
TURCHIA
19 ore
Erdogan invita al boicottaggio dei prodotti francesi
Il presidente turco si rivolge anche ad Angela Merkel: «Siete gli eredi dei nazisti».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile