Deposit
ITALIA
11.07.20 - 11:440

Una «chat dell'orrore» con violenze e mutilazioni: venti minori coinvolti

Sui telefonini dei giovani anche filmati pedofili e immagini di suicidi e decapitazioni.

La polizia postale italiana è intervenuta a seguito della denuncia di una madre di Lucca che aveva scoperto la chat sul cellulare del figlio.

FIRENZE - La polizia postale italiana ha scoperto una "chat degli orrori" tra giovanissimi: 20 minori tra i 13 e i 17 anni, che si sarebbero scambiati immagini «di orribili violenze e con contenuti di alta crudeltà».

L'inchiesta, coordinata dalla procura dei minori fiorentina, è nata dalla denuncia a Lucca di una madre che aveva scoperto sul cellulare del figlio 15enne filmati hard con anche bimbi. Sul telefono sono poi stati trovati file provenienti anche dal dark web con video di suicidi e di mutilazioni e decapitazioni di persone e animali.

"Dangerous Images" è il nome dato all'operazione condotta dalla polizia postale della Toscana. Le ipotesi di reato per le quali si procede, in concorso, sono detenzione, divulgazione e cessione di materiale pedopornografico, detenzione di materiale e istigazione a delinquere aggravata.

Come spiegano gli investigatori in una nota, dall'analisi del telefonino del quindicenne "è emerso un numero esorbitante di filmati e immagini pedopornografiche, anche sotto forma di stickers, scambiate e cedute dal giovane, rivelatosi l'organizzatore e promotore dell'attività criminosa insieme ad altri minori, attraverso Whatsapp, Telegram e altre applicazioni di messaggistica istantanea e social network.

Sul telefono del ragazzo erano inoltre presenti numerosi file "gore", la nuova frontiera della divulgazione illegale, video e immagini provenienti dal dark web raffiguranti suicidi, mutilazioni, squartamenti e decapitazioni di persone, e in qualche caso di animali".

Dopo oltre cinque mesi d'indagine i poliziotti hanno identificato le persone che a vario titolo avrebbero detenuto o scambiato immagini e video pedopornografici: tutti minori, tra cui 7 tredicenni. Sono poi scattate le perquisizioni, eseguite dalla polizia postale - e coordinate dal Cncpo (Centro nazionale contrasto alla pedopornografia online) - nei confronti di minori residenti a Lucca, Pisa, Cesena, Ferrara, Reggio Emilia, Ancona, Napoli, Milano, Pavia, Varese, Lecce, Roma, Potenza e Vicenza.

Dai telefonini e computer sequestrati sarebbero emersi "elementi di riscontro inconfutabili". Le indagini proseguono anche per verificare il coinvolgimento di eventuali altre persone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
7 ore
Domani scatta il nuovo Dpcm, ecco le regole per le feste
Le ultime modifiche riguardano la scuola. Vietati gli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio
BRASILE
8 ore
I nuovi iPhone senza caricatore? Non in Brasile
Un'agenzia a favore dei consumatori ha dichiarato che l'alimentatore è essenziale per l'utilizzo del prodotto
MONDO
9 ore
Il vaccino di Moderna conferisce almeno tre mesi di immunità
Una ricerca scientifica conferma che gli anticorpi sono ancora presenti a un buon livello dopo 90 giorni
ITALIA
11 ore
«Scarse manutenzioni per poter contenere i costi»
L'inchiesta sullo stato delle gallerie è ora sul tavolo del Ministero italiano dei Trasporti
STATI UNITI / REGNO UNITO
11 ore
Ryanair scommette sui Boeing 737 Max, e ne ordina 75
Gli aerei sono diventati tristemente noti per i due incidenti in cui hanno perso la vita 346 persone
NAMIBIA
12 ore
La Namibia vende gli elefanti
L'aumento degli esemplari nel paese starebbe infatti diventando un problema
FOTO
REGNO UNITO
13 ore
Esplosione in un capannone industriale a Bristol, si temono molti morti
Lo scoppio è avvenuto poco prima di mezzogiorno. I pompieri: «Stiamo ancora cercando i dispersi»
STATI UNITI
14 ore
Nata da un embrione congelato... 28 anni fa
Il record precedente, di 25 anni, era stato stabilito nel 2017. Dalla stessa coppia di genitori adottivi
Unione europea
14 ore
L'Ue? «Un matrimonio in crisi, serve un esame di coscienza»
A Mateusz Morawieczki non va giù lo sfogo dell'Unione contro Polonia e Ungheria
STATI UNITI
17 ore
«Restate a casa», disse il sindaco dalla sua vacanza in Messico
Bufera sul sindaco di Austin, in Texas, molto attivo nell'esortare al rispetto delle raccomandazioni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile