KEYSTONE
La Procura generale boliviana vuole arrestare l'ex presidente Evo Morales per terrorismo.
BOLIVIA
07.07.20 - 08:590

La Procura vuole arrestare Evo Morales per terrorismo

L'ex presidente ha detto che «è una ulteriore prova della persecuzione politica del governo 'de facto' contro di me»

LA PAZ - La Procura generale della Bolivia ha formalizzato una accusa di «terrorismo e finanziamento del terrorismo» nei confronti dell'ex presidente Evo Morales e ne ha chiesto l'arresto.

La vicenda riguarda una presunta telefonata fatta da Morales a un dirigente 'cocalero' dal Messico, Paese dove si era rifugiato nel 2019 dopo essersi dimesso dalla sua carica, in cui avrebbe chiesto di organizzare, nel quadro di conflitto con il governo transitorio al potere, un blocco della distribuzione di prodotti alimentari alle città capoluogo delle province boliviane.

Da Buenos Aires, dove si trova attualmente in esilio, l'ex capo dello Stato leader del Movimento al socialismo (Mas), favorito nelle elezioni del prossimo 6 settembre, ha reagito via Twitter respingendo le accuse, definite «illegali» e «incostituzionali».

Nell'accusa la Procura sostiene che esistono prove, fra cui l'intercettazione di una telefonata di Morales dal Messico con il leader 'cocalero' Faustino Yucra in cui vengono date le disposizioni di bloccare le città per impedire l'ingresso di generi alimentari.

L'ex capo dello Stato ha risposto che «in modo illegale e incostituzionale la Procura vuole incriminarmi utilizzando un audio alterato. Questa è una ulteriore prova della persecuzione politica del governo 'de facto' contro di me». «Presto - ha concluso torneranno in Bolivia democrazia e stato di diritto».

È la seconda volta che la Procura boliviana chiede l'arresto del primo presidente indigeno che ha governato la Bolivia dal 22 gennaio 2006 al 10 novembre 2019, avendolo fatto già senza successo per gli stessi fatti nel dicembre scorso con l'imputazione di «terrorismo e sedizione». Inoltre in febbraio la stessa giustizia boliviana ha aperto un secondo procedimento per «brogli elettorali» nei confronti dell'ex capo dello Stato.

Fra ottobre e novembre 2019 la Bolivia fu al centro di gravi tensioni sociali e politiche, con un bilancio di 36 morti, a seguito dell'annullamento delle elezioni presidenziali che avevano assegnato la vittoria a Morales al primo turno.

Il risultato fu contestato dall'opposizione che denunciò l'esistenza di brogli. Le manifestazioni e un "invito" da parte dei militari spinsero il capo dello Stato alle dimissioni. Il Tribunale supremo elettorale (Tse) ha convocato nuove presidenziali per il 3 maggio, rinviate al 6 settembre per la presenza in Bolivia della pandemia da coronavirus. Morales non si presenta, ma il candidato del Mas, l'ex ministro Luis Arce, è favorito con il 33,3% delle intenzioni di voto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
7 ore
Il "motore" della pandemia? Un mosaico di fattori
I ricercatori sottolineano come la gran parte dei contagi avvenga in casa
STATI UNITI
8 ore
Caso George Floyd, confermate le accuse di omicidio volontario per l'ex agente
Il giudice ha lasciato cadere solo l'accusa di omicidio di terzo grado
STATI UNITI
10 ore
Wall Street ha investito meno per la rielezione di Trump
A scaricare l'inquilino della Casa Bianca sono molti investitori degli ambienti conservatori
FRANCIA
10 ore
Il coprifuoco ora tocca 46 milioni di persone
Nuovo record di contagi: sono più di 41mila in 24 ore
BRASILE
10 ore
Il volontario deceduto del vaccino Oxford-Astrazeneca aveva il Covid-19
All'uomo, un medico di 28 anni, era stato somministrato il placebo
CINA
12 ore
Huawei lancia le Petal Maps, l'alternativa alle mappe di Google
Supportate le indicazioni in 79 lingue. Le notifiche vocali sono disponibili anche in italiano, francese e tedesco
BELGIO
14 ore
Preoccupazioni da Liegi, «la Lombardia della seconda ondata»
L'allarme è lanciato da un dottore del reparto di terapia intensiva di un ospedale locale
ITALIA
16 ore
Organizzano la partitella di soppiatto, ma alla fine i carabinieri li pizzicano
E scatta la multona. È successo in quel di Castellanza (VA) a un gruppetto che proprio non ce la facevano a non giocare
FRANCIA
17 ore
L'assassino di Samuel Paty era in contatto con la Jihad
Il 18enne sarebbe stato in contatto diretto con un terrorista, forse suo connazionale, di stanza in Siria
STATI UNITI
17 ore
Con Facebook Dating, Zuckerberg sfida Tinder
L'app di appuntamenti sbarca in 32 paesi dopo una lunga fase di test, riuscirà a convincere?
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile