keystone-sda.ch (ABIR SULTAN)
Migliaia di persone sono scese in piazza ieri a Tel Aviv.
+3
ISRAELE
07.06.20 - 10:500

Manifestazione anti-annessione, 12 arresti

Un fotografo ha riferito di essere stato percosso dalla polizia.

L'esercito si attende una reazione violenta da parte di Hamas.

TEL AVIV - Migliaia di israeliani, ebrei e arabi, hanno partecipato ieri nella Piazza Rabin di Tel Aviv a un raduno, indetto da varie organizzazioni, contro l'occupazione israeliana nei Territori e contro l'annessione di parti della Cisgiordania che il governo Netanyahu intende intraprendere da luglio.

La polizia ha arrestato 12 persone che, secondo la versione ufficiale, avevano «intralciato il traffico». Fra gli arrestati anche Tomer Appelbaum, un fotografo di Haaretz che stava riprendendo il comportamento degli agenti. Su Twitter Appelbaum ha poi scritto di essere stato percosso durante l'arresto malgrado - ha assicurato - egli non avesse opposto alcuna resistenza perché impegnato a proteggere i propri apparecchi fotografici.

«È stata una serata emozionante», ha osservato la cantante Noa che si è esibita di fronte al pubblico. «In migliaia, ebrei e arabi, sono venuti per parlare di pace, di eguaglianza, di due Stati indipendenti. L'annessione - ha aggiunto - è pericolosa e rischia di rivelarsi disastrosa per noi come società, come popolo, come Stato».

Rischio di una reazione violenta di Hamas - L'estensione della sovranità israeliana a parti della Cisgiordania rischia di provocare una reazione violenta di Hamas fra cui nutriti lanci di razzi da Gaza verso importanti città israeliane, Tel Aviv inclusa. Questo è uno degli scenari prefigurati dai vertici militari, secondo quanto ha riferito oggi l'emittente delle forze armate.

Hamas inoltre potrebbe cercare di rafforzare la propria posizione in Cisgiordania come alternativa della Autorità nazionale palestinese. Gli islamici potrebbero anche cercare di sfruttare una situazione di confusione sul terreno per tentare di lanciare razzi verso Israele anche dalla Cisgiordania.

L'emittente ha confermato che finora i vertici dell'esercito non hanno ricevuto da Netanyahu alcuna carta geografica che illustri le aree su cui da luglio intende estendere la sovranità israeliana. Di conseguenza, ha precisato, l'esercito si vede costretto a elaborare numerosi piani di contingenza.

keystone-sda.ch (ABIR SULTAN)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
11 ore
Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi
È questo in sostanza il contenuto del rapporto dell'intelligence Usa diffuso questa sera
ITALIA
12 ore
La Lombardia da lunedì si tinge d'arancione
Aumenta il tasso di positività. Le province più colpite sono quelle di Milano, Brescia e Monza e Brianza
REGNO UNITO
13 ore
A 15 anni fuggì in Sira per unirsi allo Stato Islamico, ora non può più tornare a casa
La decisione della Corte Suprema britannica condanna una giovane sposa dell'Isis a un destino da apolide
GERMANIA
13 ore
Le famose calzature Birkenstock sono state rilevate da LVMH
L'affare si aggira attorno ai 4 miliardi di euro. L'intenzione è quella di espandersi anche in Asia
ITALIA
16 ore
Monitoraggio: Lombardia e altre quattro regioni ad «alto rischio»
Regioni italiane confinanti con il Ticino verso l'arancione, confermano i dati. Livello di rischio in peggioramento.
ITALIA
18 ore
«La terza ondata ha inizio»: l'Italia si tinge di rosso e arancione
Due regioni si apprestano a entrare in massima allerta. Sei potrebbero diventare arancioni. Una, la Sardegna, bianca.
STATI UNITI
22 ore
Attacchi in Siria: quando Biden e la sua portavoce criticavano Trump
Dopo il raid nella notte, emergono tweet che fanno indignare anche i sostenitori del neopresidente.
SIRIA
1 gior
Il primo attacco missilistico dell'era Biden, è in Siria e ha causato almeno 17 morti
Si tratta di una rappresaglia e ha colpito una base di miliziani sostenuti dall'Iran
FOCUS
1 gior
Andrea, 22 anni. Segni particolari: neonazista
È nemico dei neri. È negazionista. Diffondeva via web documenti in cui incitava l'eliminazione degli ebrei
PAKISTAN
1 gior
In Pakistan si produce troppa energia elettrica (ed è un problema)
Per la maggior parte proviene da centrali a carbone, i costi (non solo ambientali) sono molto alti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile