Immobili
Veicoli
Deposit
VENEZUELA / USA
28.05.20 - 20:000

Band venezuelane finanziate dagli Usa per «promuovere la libertà d'espressione»

L'idea era quella di destabilizzare il governo Chavez nel 2011. La stessa tattica è stata attuata anche a Cuba

CARACAS - Nel 2011 più di dieci rock band venezuelane sono state "ingaggiate" dagli Stati Uniti per produrre e diffondere canzoni che promuovessero la libertà d'espressione, minando così la politica dell'allora presidente Hugo Chavez.

L'investimento, che ammonta a più di 22'000 dollari, stando a quanto riporta il Guardian, è stato approvato dal National Endowment Democracy, l'agenzia non governativa che si occupa della promozione della democrazia all'estero. 

La sovvenzione copriva la produzione, la registrazione e la diffusione dei brani incentrati sulla democrazia, oltre ad un concerto in stile "battle" di tutte le band.

È stato Tim Gill, sociologo dell'Università della Carolina del Nord, a scoprire la domanda di sovvenzione, che dimostra gli sforzi dei funzionari statunitensi «per promuovere una maggiore riflessione tra i giovani venezuelani sulla libertà di espressione, il loro legame con la democrazia e lo stato di quest'ultima nel Paese».

«Non credo che pensassero di far cadere il governo solamente a colpi di rock» ha dichiarato Gill al Guardian, sottolineando tuttavia l'importanza che la musica ha ricoperto nella storia. 

Anche a Cuba - Gli Stati Uniti avevano deciso di puntare sulla musica per scatenare disordini in America Latina anche nel 2014, a Cuba, quando avevano tentato di infiltrarsi nella scena hip hop. Lo ha rivelato USAid, l'organizzazione americana per lo sviluppo internazionale. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA
LIVE
«Quei barbari possono essere fermati solo con la forza»
Mykhailo Podolyak ha dichiarato che non ci si può fidare di alcun accordo con la Russia, perché «continuano a mentire»
LE FOTO
REGNO UNITO
2 ore
Superyacht in fiamme
Un'imbarcazione di lusso è bruciata ed affondata al porto britannico di Torquay
ITALIA
13 ore
La villa di Giuseppe Verdi va all'asta
Gli eredi non hanno trovato un accordo. Si conclude così una battaglia legale durata vent'anni
RUSSIA / UCRAINA
15 ore
I Russi vogliono una Norimberga per i soldati dell'Azov
È la risposta di Mosca ai processi di Kiev contro i militari russi per crimini di guerra
CINA
18 ore
«In tanti non hanno notizie dei loro cari»
L'Alto Commissario dell'Onu per i diritti umani ha discusso della repressione delle minoranze
UCRAINA
19 ore
I cittadini lituani vogliono comprare un drone all'Ucraina
Zelensky non ritiene possibile un cambio di regime in Russia: «Si rinforzano l'un l'altro»
STATI UNITI
19 ore
Massacro di Uvalde: «Mio figlio aveva le sue ragioni»
La madre difende l'autore della strage in Texas. Quindi chiede che non venga giudicato.
ITALIA
1 gior
Salvini verso Mosca, malumori nel Governo
La partenza del leader leghista sarebbe prevista a giorni: «La pace va costruita, incontro per incontro»
GIAPPONE
1 gior
"L'imperatrice del terrore" torna libera: «Mi scuso»
La "Regina Rossa", Fusako Shigenobu, è stata oggi rilasciata
STATI UNITI
1 gior
Insegnanti armati? «Sì, niente è più pericoloso di un'area senz'armi»
Donald Trump scatenato ieri alla convention statunitense a favore delle armi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile