Keystone
ITALIA
20.05.20 - 19:210

Trovati gli anticorpi in un milanese su 20 già prima del 21 febbraio

Un neonato è risultato positivo il 26 febbraio a Parma. Il virus stava già circolando da giorni

MILANO - Il virus SARS-CoV-2 stava circolando a Milano già diverse settimane prima del 21 febbraio, il giorno della scoperta del paziente 1 a Codogno. A inizio epidemia infatti un donatore di sangue su 20 (4,6%) aveva già sviluppato gli anticorpi, percentuale salita al 7,1% ai primi di aprile. Lo indica uno studio sui donatori di sangue del Policlinico di Milano, pubblicato su medRxiv, sito che ospita lavori non ancora rivisti dalla comunità scientifica.

Si tratta della «prima vera conferma scientifica che nell'area metropolitana era presente un sommerso di persone contagiate, già prima che si verificassero i primi casi di malattia conclamata. È anche il primo studio sierologico su persone asintomatiche che ci dice chiaramente che siamo ben lontani dall'immunità di gregge», spiega Daniele Prati, uno dei coordinatori dello studio.

Insieme a Luca Valenti, altro coordinatore del Policlinico di Milano, e con Gianguglielmo Zehender della Statale di Milano, i ricercatori hanno esaminato circa 800 donatori di sangue sani presentatisi al Policlinico tra il 24 febbraio e l'8 aprile. All'inizio dell'epidemia la sieroprevalenza era nel 4,6% dei donatori, cioè 1 persona su 20 era già venuta in contatto con il coronavirus. Durante il distanziamento sociale c'è stato un aumento fino al 7,1%.

«Lo scopo di questo studio - commenta ancora Daniele Prati - era di esaminare la presenza dell'infezione da SARS-CoV-2 in adulti asintomatici in una delle aree italiane più colpite, e nello stesso tempo raccogliere più elementi possibili per comprendere i fattori di rischio e i valori di laboratorio associati alla malattia».

La pratica del distanziamento sociale sembra aver favorito soprattutto i più giovani, che hanno avuto il tempo di sviluppare un'immunità a lungo termine. In tutti i donatori che hanno mostrato positività al virus si sono verificate alterazioni nella conta delle cellule del sangue e nel profilo lipidico: due indizi che, secondo i ricercatori, potrebbero aiutare a inquadrare meglio le persone asintomatiche, cioè quelle che pur avendo il virus in circolo (ed essendo per questo contagiose) non manifestano la malattia.

Il Covid in un neonato già il 26 febbraio a Parma - Intanto a Parma il 26 febbraio è giunto in laboratorio un campione naso-faringeo di un neonato di 7 settimane ricoverato. Ciò dimostra che «la circolazione del nuovo virus nella popolazione pediatrica avveniva già prima dell'epidemia riconosciuta in città», si afferma nello studio guidato dalla direttrice della Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia dell'Università di Parma Adriana Calderaro e pubblicato su "International journal of infectious diseases".

Il risultato «è rilevante. Infatti, dal punto di vista epidemiologico dimostra che la circolazione di questo nuovo virus nella popolazione pediatrica avveniva già prima dell'epidemia riconosciuta in città e questo è a supporto dell'ipotesi che nei bambini la circolazione del virus è spesso misconosciuta in conseguenza delle manifestazioni cliniche lievi e comuni ad altre affezioni respiratorie». Per questa ragione, il virus «può avere una diffusione silente e subdola ad altri soggetti».

Il neonato è stato ricoverato per pochi giorni con febbre e mal di gola riferiti ad una generica affezione dell'apparato respiratorio per la quale non era stato formulato un sospetto clinico di Covid-19. Lo sviluppo in coltura del virus è avvenuto dopo 10 giorni probabilmente anche a causa della bassa carica virale del campione originale. Ciò dimostra ancora una volta, afferma il team di ricerca, che il metodo di «maggiore sensibilità per la diagnosi virologica è l'esame colturale, il quale è l'unico metodo diagnostico che consente di dimostrare l'infettività del virus».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 min
Il killer della strage nelle spa: «Non colpevole»
La procuratrice, lo ricordiamo, intende chiedere la pena di morte per Robert Aaron Long
ITALIA
2 ore
Controllo del Green Pass: 236 violazioni
Cinque persone sono state denunciate per aver utilizzato un certificato di un'altra persona, o un test Covid falso
AFGHANISTAN / STATI UNITI
5 ore
Gli Usa hanno minacciato di bombardare i talebani
Alla fine le cose sono andate diversamente da come ipotizzato dal generale McKenzie
FOTO
SVEZIA
7 ore
Esplosione in un palazzo di Goteborg, 25 feriti
Tre donne sono in gravi condizioni, l'incendio non è al momento sotto controllo
Stati Uniti
10 ore
Pillole contraffatte acquistate su TikTok causano un'epidemia di overdose
Sono prodotte a base di fentanyl e metanfetamina, ma i clienti sono convinti di star acquistando farmaci da banco
EGITTO
10 ore
«Salvate l'attivista Zaki!». Ore di speranza in carcere
Nuova udienza oggi a Mansura per Patrick Zaki, lo studente dell'università di Bologna accusato di propaganda sovversiva.
STATI UNITI
19 ore
Gli agenti di polizia che non vogliono vaccinarsi per motivi religiosi
Accade a San Francisco, ma in tutti gli Usa le richieste in tal senso sono oltre 20mila
Italia
23 ore
La zanzara giapponese è arrivata ed è più pericolosa della tigre
È stata rilevata a settentrione della penisola e la regione Veneto raccomanda il vaccino contro l'encefalite giapponese
STATI UNITI
1 gior
Facebook replica: Instagram non è tossico per le ragazzine
La ricerca citata dal Wall Street Journal è «sfumata e complessa», sostiene il vicepresidente Pratiti Raychoudhury
Italia
1 gior
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile