keystone
Trump e Pompeo al briefing sul coronavirus
STATI UNITI
09.04.20 - 08:100

Il virus picchia duro negli Usa: altri 2mila morti

Ma Trump guarda il bicchiere mezzo pieno: «Ripartiremo presto». Gli 007: Casa Bianca avvisata già a novembre

WASHINGTON D.C. - L'importante è guardare il bicchiere mezzo pieno. Le previsioni iniziali parlavano di 240mila morti negli Stati Uniti, ma ieri il presidente Donald Trump ha aggiornato le stime: secondo i nuovi modelli, i decessi dovrebbero attestarsi a 60mila. «Questo incubo - ha detto in conferenza stampa - finirà presto». 

Intanto però le cifre galoppano. Per il secondo giorno consecutivo i morti per coronavirus negli Stati Uniti sono quasi 2.000 in 24 ore, precisamente 1.973, secondo i dati della Johns Hopkins University.

A mettere in difficoltà la Casa Bianca ora sono anche alcune rivelazioni dei media. Secondo un rapporto degli 007 americani citato dalla ABC, l'intelligence aveva già emesso un'allerta a novembre sul coronavirus. L'analisi, condotta dal National Center for Medical Intelligence, avvertiva Washington del fatto che avrebbe potuto trattarsi di «un cataclisma». 

Gli esperti della Casa Bianca però sono ottimisti. «Stiamo facendo meglio delle previsioni iniziali» e «molto meglio di altri paesi» ha dichiarato Deborah Birx, membro della task force istituita da Trump contro il coronavirus. 

«Abbiamo imparato molto, possiamo essere più forti di prima. Ricostruiremo il paese, questo incubo finirà presto» ha aggiunto Trump in conferenza stampa. Il lockdown potrebbe riaprire «in fasi e forse prima del previsto». 

 

Il segretario di stato Mike Pompeo, intervenendo nel briefing, ha aggiunto che «più di 50mila americani nel mondo sono stati rimpatriati» ma che «abbiamo ancora diverse migliaia di persone sparse per il mondo, stiamo usando tutte le misure a nostra disposizione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIBANO
1 ora
Da "Svizzera del Medio Oriente" a "Nuovo Afghanistan"
Dopo i fasti degli anni '70, il Libano è diventato un Stato al collasso.
FOTO
LIBANO
2 ore
L'avviso sei mesi fa: «Potrebbe esplodere tutto»
Le indagini sul disastro avvenuto nella capitale libanese indicano per ora la negligenza quale causa principale
GERMANIA
4 ore
Una stretta agli spot del "junk food"
I Verdi tedeschi chiedono una limitazione delle pubblicità: dovrebbero essere ammesse solo alla sera
GERMANIA
4 ore
In volo con le ossa del marito in valigia
La donna è stata fermata lunedì all'aeroporto di Monaco. Il trasporto però era in regola
MONDO
6 ore
Google Play Music chiuderà i battenti a ottobre
Gli utenti avranno tempo fino a dicembre per trasferire le proprie librerie musicali su YouTube Music o altrove
LIBANO
6 ore
«Da solo il Libano non ce la fa, distruzione e desolazione ovunque»
Bechara Boutros Raï invoca l'aiuto del mondo. Il Paese è già piegato: «Vi abbiamo regalato l'alfabeto».
LIBANO
8 ore
«Non c'era solo nitrato di ammonio»
La Ue attiva la protezione civile, Macron domani sarà in Libano
ITALIA
8 ore
Ryanair «viola le norme anti Covid-19»
Se la compagnia non porrà rimedio Enac imporrà «la sospensione di ogni attività di trasporto negli scali nazionali»
FOTO
LIBANO
10 ore
Beirut, un pericolo noto da oltre 6 anni
Il carico che ha alimentato la devastante esplosione si trovava nell'hangar dal settembre del 2013
REGNO UNITO
11 ore
Le fa la proposta... bruciando casa
Un uomo di Sheffield ha esagerato con le candele per realizzare una proposta di matrimonio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile