keystone-sda.ch (Johann Groder)
Segnalati i primi due casi di coronavirus in Austria.
AUSTRIA / CROAZIA
25.02.20 - 13:260
Aggiornamento : 17:12

Ci sono i primi casi di contagio in Croazia e Austria

Un giovane, in isolamento a Zagabria, è rientrato qualche giorno fa da Milano.

Anche uno dei due casi tirolesi sarebbe legato alla Lombardia, ma si attendono conferme.

VIENNA - Ci sarebbero i primi due contagi da coronavirus in Austria. 

Lo ha riferito il governatore del Tirolo Günther Platter, citato dall'agenzia stampa Apa che aggiunge che una delle due persone sarebbe rientrata dalla Lombardia. Questa informazione non è ancora stata confermata dalle autorità.

La coppia, formata da due 24enni, è stata posta in isolamento in una clinica di Innsbruck. Attualmente i due presenterebbero solo sintomi lievi, e la loro vita non sarebbe in pericolo. 

Primo caso anche in Croazia - Il premier croato Andrej Plenkovic ha confermato ai media l'esistenza del primo caso confermato di coronavirus. Si tratta di un giovane di rientro dalla Lombardia: avrebbe soggiornato a Milano dal 19 al 21 febbraio.

La persona presenta sintomi lievi e la sua vita non è in pericolo, secondo i medici. Ora è ricoverata in isolamento in un ospedale di Zagabria.

Raggiunta anche la Liguria - Il coronavirus è arrivato anche in Liguria, più precisamente ad Alassio. La conferma è arrivata oggi, in seguito ai prelievi effettuati ieri. Una persona è risultata positiva agli esami. 

Fermi per ore al confine 2 bus dall'Italia (ats ans) - Due autobus della compagnia Flixbus, uno in viaggio da Lione (Francia) a Fiume (Croazia) via Torino, l'altro da Torino a Zagabria, sono rimasti oggi fermi per ore al confine croato a causa di controlli sanitari collegati al coronavirus effettuati dalle autorità di Zagabria. Lo conferma Flixbus all'agenzia italiana Ansa.

Il pullman diretto a Fiume è arrivato a destinazione con oltre sette ore di ritardo a causa dei controlli di frontiera. Quello diretto a Zagabria ha accumulato, per gli stessi motivi, un ritardo di più di otto ore e mezza.

Ieri la Croazia ha introdotto misure di controllo sanitario per tutte le persone provenienti dalle quattro regioni italiane considerate a rischio coronavirus: Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto.

Flixbus, per ragioni di privacy, non ha fornito dettagli su quante persone fossero a bordo dei due pullman, né la loro età e nazionalità. Tutti i passeggeri che viaggiavano sul pullman hanno potuto proseguire il viaggio dopo i controlli, conferma l'azienda.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
2 ore
Presunta presa d'ostaggi su un autobus: un arresto
Durante l'operazione è stato chiuso un tratto dell'autostrada A9
STATI UNITI
4 ore
Dopo il viaggio nello spazio «ciascuno di noi è cambiato»
La vista sulla Terra dalla Crew Dragon «crea davvero dipendenza»
FRANCIA
6 ore
Diffuso online il certificato Covid di Macron
...con tanto di nome, cognome, e altre informazioni private
STATI UNITI
9 ore
«Il mondo è diviso, siamo sull'orlo del baratro»
L'allarme del segretario generale dell'Onu Guterres. E Biden assicura: «Non cerchiamo una nuova Guerra fredda»
AFGHANISTAN
11 ore
Nel nuovo governo afghano non c'è l'ombra di una donna
Non sono state mantenute le promesse alla vigilia della presa del potere: «Potremmo aggiungerle in un secondo momento»
RUSSIA
13 ore
«Quest'elezione equivale ad insultare i cittadini»
Navalny e i suoi alleati, ma non solo, hanno accusato il partito di Putin di aver «falsificato» il voto
UNIONE EUROPEA
14 ore
«Fu la Russia a uccidere Litvinenko»
Lo sostiene la Corte europea per i diritti dell'uomo, ad avvelenare l'ex-KGB con il polonio «agenti dello Stato russo»
Messico
17 ore
Frustati e caricati con i cavalli, i metodi di repressione migratoria
La portavoce della Casa Bianca: «un'inchiesta verrà aperta». Non è chiaro se ci saranno delle conseguenze per gli agenti
MONDO
19 ore
Cibi a rischio col cambiamento climatico
Iniziano a scarseggiare determinati prodotti alimentari a causa delle problematiche legate al clima.
GERMANIA
1 gior
Uccide commesso che non lo aveva servito perché senza mascherina
Una volta arrestato, il 49enne ha ammesso di aver agito per la rabbia causata dal rifiuto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile