Keystone
ITALIA
23.02.20 - 21:130
Aggiornamento : 22:06

Italia terza al mondo per numero di contagi

«Prima o poi bisognerà controllare le frontiere se l'epidemia diventa fuori controllo» ha precisato Marine Le Pen

MILANO - La fulminea diffusione del coronavirus nelle regioni del Nord ha fatto balzare l'Italia al terzo posto per numero di contagi in tutto il mondo: a parte la Cina, resta dietro solo alla Corea del Sud (602 casi), superando il Giappone (fermo a 135, secondo i dati della Johns Hopkins University). Nel Belpaese c'è una terza vittima, più che raddoppiati i contagiati rispetto a ieri, che ora sono 149 (esclusi i decessi).

Allarme in Europa - Il caso Italia allarma ora tutta Europa e in particolare i Paesi vicini: oltre alla Svizzera anche Francia e Austria che hanno annunciato di seguire con attenzione gli sviluppi, al momento senza panico ma non escludendo eventuali contromisure se la situazione dovesse peggiorare. 

Un boom inaspettato - L'Italia è diventata uno dei principali fronti nella lotta al coronavirus fuori dalla Cina. Un picco arrivato improvvisamente perché, almeno secondo la versione del commissario per l'emergenza Angelo Borelli, «i medici non sono stati in grado di riconoscere immediatamente i sintomi del virus». Non per «colpa dei sanitari», ha precisato il capo della Protezione civile, quanto per la «difficoltà di individuare i sintomi». Per il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri invece i casi sono emersi rapidamente grazie ad uno screening «approfondito e capillare», così come aveva sostenuto sabato il premier Giuseppe Conte, che pure oggi si è detto «sorpreso» da un'esplosione simile.

Sui media di tutto il mondo - Fatto sta che l'emergenza italiana trova ampio spazio nei media stranieri, che in molti casi vi dedicano l'apertura di siti e giornali. "La quarantena arriva in Italia", titola Le Monde, riferendosi alle oltre 50mila persone isolate soprattutto in Lombardia, ma anche in Veneto. La Cnn parla della «più grande epidemia in Europa e fuori dall'Asia». «In Italia misure draconiane», sottolinea il Guardian, mentre El Pais evidenzia che «Milano chiude scuole, cinema e teatri, Venezia il Carnevale».

Marine Le Pen controlla le frontiere - E non solo in Ticino c'è chi chiede di chiudere le dogane, soprattutto ai frontalieri. «Prima o poi bisognerà controllare le frontiere», anche con l'Italia «se l'epidemia diventa fuori controllo», è la richiesta di Marine Le Pen al governo. In Francia i casi accertati sono 12 (e 10 sono guariti), ma il ministro della Sanità Oliver Veran ha ammesso che la situazione «è seria e se l'epidemia raggiunge l'Europa» bisogna essere «pienamente operativi». Per questo motivo quello che succede in Italia è oggetto di «attenzione».

Italia sotto la lente europea - In Austria non c'è al momento «alcuna ragione per farsi prendere dal panico», ha sottolineato il ministero della Salute, chiarendo comunque di essere in grado di «prendere misure immediate» qualora ci fossero minacce per la popolazione, finora risparmiata dal contagio. Anche in questo caso, per ragioni geografiche, l'Italia è il primo paese da seguire. Una stretta verso l'Italia, invece, è già stata adottata da Israele. Le autorità hanno disposto che chiunque sia stato in Italia, in Australia, in Cina e altri Paesi asiatici colpiti dal coronavirus nelle ultime due settimane e ha avuto febbre sopra i 38 gradi, tosse, difficoltà respiratorie o sintomi analoghi dovrà sottoporsi a controlli al rientro.

La Romania prende misure - In serata è stata la Romania ad annunciare le prime misure di contenimento in Europa disponendo la quarantena obbligatoria per tutte le persone in arrivo dalla Lombardia e dal Veneto o che siano state nelle due regioni italiane negli ultimi 14 giorni.

L'Austria blocca un treno al Brennero - Uun treno è stato bloccato al Brennero dalle autorità austriache per due casi sospetti di coronavirus a bordo.

Misure di contrasto - Da Bruxelles l'Ue segue l'evolversi della situazione e ha promesso ogni possibile sostegno. Nel frattempo i commissari per la gestione delle crisi e per la salute, Janez Lenarcic e Stella Kyriakides, lavorano alle misure, anche finanziarie, di contrasto dell'epidemia.

La mappa della diffusione del coronavirus nel mondo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
2 ore
La pandemia fa piangere anche i “Paperoni” ma il più ricco è sempre Bezos
I super ricchi hanno perso circa 700 miliardi in un anno (e alcuni non lo sono più) ma il boss di Amazon è sempre il re
STATI UNITI
3 ore
Le sensazionali immagini spaziali in infrarossi
La luce infrarossa è in grado di penetrare attraverso le polveri e i gas spaziali, e il risultato è sbalorditivo
HONG KONG
5 ore
Il coronavirus resiste di più sulla plastica, e di meno sulla carta
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rimane scettica a riguardo
NUOVA ZELANDA
8 ore
Anche il coniglietto di Pasqua tra i lavoratori indispensabili
Lo ha annunciato la premier Jacinda Ardern, per la gioia di tutti i bambini.
STATI UNITI
10 ore
Ansia e tensione in polizia: oltre ai crimini ci sono ora i contagi
Il coronavirus ha messo alle strette i dipartimenti di polizia americani, che non possono permettersi contagi di massa
ITALIA
12 ore
Immune al coronavirus? È pronto il test
Sarà accessibile a tutti: costa solo cinque euro e i risultati sono disponibili in un'ora
STATI UNITI
12 ore
Facebook fornirà mappe per tracciare il contagio
Saranno a disposizione dei ricercatori per analizzare l'evoluzione dell'epidemia.
ITALIA
13 ore
Esce per fare la spesa 11 volte in un giorno: multata
Gli avanti e indietro di un'anziana signora dal supermercato hanno attirato l'attenzione della polizia.
REGNO UNITO
13 ore
Johnson ancora in cure intense, riceve un aiuto per respirare
I «pensieri e le preghiere» del governo sono indirizzati a lui, ha dichiarato Michael Gove
STATI UNITI
14 ore
Il settore dei motori, tra difficoltà e speranze
Sono settimane complicate anche per i marchi storici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile