Keystone (archivio)
RUSSIA
11.02.20 - 09:470

La polizia ferma le Pussy Riot mentre registrano un video musicale

Le forze dell'ordine hanno risposto ad una chiamata per una fuga di gas, ma sul posto hanno trovato i membri del gruppo

SAN PIETROBURGO - La polizia di San Pietroburgo ha fermato i membri delle Pussy Riot per il secondo giorno consecutivo, interrompendo i tentativi del gruppo anti-Cremlino di girare un video musicale.

La breve detenzione di Nadya Tolokonnikova e di altri 12 membri durante le riprese arriva il giorno dopo che la polizia avrebbe presumibilmente fatto irruzione nel corso del video musicale delle Pussy Riot.

Tolokonnikova ha twittato che la polizia ha accusato il gruppo di "estremismo" e "propaganda gay" a causa del video. Le immagini del fermo sono apparse sugli account social di Pyotr Verzilov, membro delle Pussy Riot. La polizia ha risposto alla chiamata di una presunta fuga di gas nel sito del servizio fotografico, ha spiegato Tolokonnikova dopo che tutti sono stati rilasciati.

"Quando è arrivata la polizia non ha trovato alcuna fuga di monossido di carbonio ma ha trovato noi e ha deciso di portarci via", ha detto Tolokonnikova. La polizia però ha detto di non aver riscontrato alcuna violazione della legge. Secondo il gruppo l'interruzione delle riprese ha provocato un danno di 15mila dollari

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
48 min
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
2 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
4 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
12 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
14 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
17 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
19 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
21 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
21 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
23 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile