keystone-sda.ch / STF (KEVORK DJANSEZIAN)
+21
STATI UNITI
06.02.20 - 06:060
Aggiornamento : 10:04

È morto Kirk Douglas

L’icona di Hollywood aveva 103 anni

LOS ANGELES - È stato probabilmente l'ultimo dei "duri" della Hollywood degli anni d'oro e la leggenda vuole che si sia spaventato una volta sola quando è stato colpito da un ictus all'inizio del 1996 e arrivò in ospedale ''letteralmente terrorizzato'' come si affrettarono a raccontare i medici ai cronisti. Ma poi è arrivato alla meravigliosa età di 103 anni, ictus a parte, Issur Danielovitch, vero nome di Kirk Douglas, unico maschio di sette figli emigrati ebrei russi, che ha interpretato nella vita vita più o meno gli stessi personaggi nei circa 80 film che lo hanno visto protagonista in oltre 50 anni di carriera.

Fisico roccioso, carattere spigoloso come ben sanno i registi che lo hanno diretto, Douglas ha affrontato con orgogliosa caparbietà la difficoltà che la vita gli ha posto davanti: dalla cronica povertà dell'infanzia ai rapporti difficile con il padre che pure lo incoraggiò nella sua carriera, alla non facile gestione dei quattro figli maschi Michael, Joel, Peter ed Eric, dei quali fu padre-padrone egocentrico ed invadente. Ma il ruolo di "macho" non è stato l'unico che amava ricordare in una lunga ed articolata carriera.

Nato ad Amsterdam nello Stato di New York il 9 dicembre 1916 da una famiglia di russi analfabeti (il padre, come ricorderà nella sua autobiografia, era un ''venditore di stracci'') si mantenne agli studi facendo il cameriere, poi il lottatore, poi finalmente il direttore dell'Accademia d'arte drammatica lo ammise gratuitamente per merito.

Il suo esordio nel cinema dopo l'apprendistato a Broadway si deve a Lauren Bacall. Fu infatti la moglie di Humphrey Bogart a segnalarlo al produttore de "Lo strano amore di Marta Ivers", che segnò l'inizio della sua carriera nel 1946.

Proprio ai suoi primi film faceva riferimento per parlare della versatilità della sua carriera, accanto a Barbara Stanwyck era stato infatti un procuratore alcolizzato in "Lettera a tre mogli", poi nel 1949 sarà nel film che gli darà la popolarità e una candidatura all'Oscar ("Il grande campione"), nei panni di un pugile egoista.

Intanto due anni prima sul set de "Le vie della città" aveva incontrato Burt Lancaster, l'amico di una vita con cui girerà altri sedici film fino a "Due tipi incorreggibili". Tutti film nei quali incarnava il classico duro. Protagonista di film iconici come "Spartacus", "Orizzonti di Gloria", "Il bello e il brutto".

Il giorno del suo compleanno da anni lo festeggiava donando agli altri: «Dare in beneficenza è un atto egoistico - diceva - perché mi fa stare bene». Nel 2015 insieme alla moglie Anne Buydens - anche lei centenaria -, con la quale aveva condiviso la vita per oltre 60 anni, ha donato 15 milioni di dollari ad una clinica di Los Angeles per ex attori e lavoratori di Hollywood colpiti dal morbo di Alzheimer.

Nominato all'Oscar tre volte, Douglas ha ricevuto l'onorificenza più prestigiosa dell'Academy: l'Oscar alla carriera nel 1996.

Dopo la morte del figlio Eric per overdose, altre tragedie colpirono l'attore negli anni Novanta: nel 1991 Douglas sopravvisse per miracolo ad un incidente di elicottero dove due dei suoi compagni di volo persero la vita. Nel 1996 un ictus gli tolse la parola. Ma tenace come sempre, con ore ed ore di terapie riabilitative, Kirk riprese almeno un po' la capacità di comunicare fino a conquistare l'Oscar e superare il secolo.

Di lui, tra gli ultimi rappresentanti della Hollywood degli anni d'oro, rimane il fisico atletico, lo sguardo azzurrissimo e un'inconfondibile fossetta in mezzo al mento.

La notizia della morte della leggenda del cinema è stata data da suo figlio, l'attore Michael Douglas, con un post su Facebook: «È con grandissima tristezza che io ed i miei fratelli annunciamo che Kirk Douglas ci ha lasciati, all'età di 103 anni. Per il mondo era una leggenda, un attore dell'epoca d'oro del cinema che ha vissuto a lungo nei suoi anni d'oro, un attivista umanitario la cui dedizione alla giustizia ha indicato uno standard al quale tutti noi possiamo aspirare. Ma per noi era solo un papà».

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 

To my darling Kirk, I shall love you for the rest of my life. I miss you already. Sleep tight...

Un post condiviso da Catherine Zeta-Jones (@catherinezetajones) in data:

 

keystone-sda.ch (LAS VEGAS NEWS BUREAU / HANDOUT )
Guarda tutte le 24 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
Londra in allerta per le manifestazioni anti-Covid
La polizia ha fatto sapere che «non tollererà violenze»
STATI UNITI
2 ore
Trump ha scelto la sostituta del giudice Ginsburg
L'annuncio della Casa Bianca è atteso nelle prossime ore
ITALIA
3 ore
A un mese dal contagio, è ancora Covid-positivo
Il Cavaliere settimana prossima compierà gli anni, ma per lui nessuna super festa
FOTO
UCRAINA
13 ore
Precipita un aereo della scuola d'aviazione militare: almeno 22 i morti
Il velivolo stava rientrando al vicino aeroporto quando qualcosa è andato storto, Zelensky: «È una tragedia»
FRANCIA
14 ore
Parigi, fermate altre 5 persone: «È un atto terroristico islamista»
La dura condanna del ministro degli Interni Gerald Darmanin, arrestati 3 coinquilini del 18enne: «Non era radicalizzato»
ITALIA
15 ore
La replica di Toti: «Tanti casi solo a La Spezia, come circola il virus non ce lo dicano gli svizzeri»
La risposta del presidente della regione Liguria dopo che la Confederazione l'ha segnalata come meta a rischio
REGNO UNITO
16 ore
Il virus mette in crisi le reddite della regina, il governo verserà sussidi anche a lei
E la decisione non ha mancato di generare molte critiche: «Meglio aiutare chi resterà senza lavoro»
STATI UNITI
16 ore
Il missile Ninja che non esplode ma “affetta” i bersagli usato contro Al Qaeda
È inerte, per limitare i danni ai civili, ma estrae delle lame poco prima dell'impatto
GERMANIA
18 ore
Lufthansa taglia 1100 piloti anziché 600
Il numero previsto a giugno non sarebbe più adeguato, secondo il Ceo Carsten Spohr
FRANCIA
19 ore
L'aggressore di Parigi ha ammesso i fatti
La procura antiterrorismo ha confermato che il «principale autore» è un 18enne pachistano
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile