Keystone
Un'impiegata dell'aeroporto di Seul misura la temperatura ai viaggiatori provenienti da Wuhan.
CINA
21.01.20 - 21:000
Aggiornamento : 22.01.20 - 07:37

«Mia madre non conta nemmeno fra le vittime del coronavirus»

Le testimonianze di alcuni cittadini di Wuhan parlano di parecchi contagi non registrati, una tesi sostenuta anche dagli esperti internazionali

PECHINO - Oltre ai sei morti e ai 291 contagiati accertati dal coronavirus cinese potrebbero essercene altri, probabilmente parecchi altri. È la tesi esposta dagli inviati in Cina del Guardian che parlano di una (notevole) quantità di casi non registrati. E forse anche in maniera voluta.

Tutto parte dalla storia di un 40enne di Wuhan, Huang*, la cui madre 65enne è deceduta il 14 gennaio scorso in seguito a quella che i dottori – che si avvicendavano attorno alla donna in tuta protettiva – avevano inizialmente definito «polmonite». In un secondo momento alla famiglia è stato confessato che, probabilmente, si trattava di coronavirus.

Dopo alcune pressioni sui famigliari affinché si procedesse speditamente con la cremazione, le autorità hanno poi preso spontaneamente l'iniziativa. Nessuno ha potuto così dire addio alla donna: «Il decesso di ma madre è stato trattato senza nessuna dignità, non è stata nemmeno contata fra le vittime...», si lamenta il figlio. 

Il sospetto che la signora Huang non sia l'unica la cui la malattia sia stata o erroneamente diagnosticato o passata sotto silenzio è confermato anche da diverse testimonianze apparse recentemente sulla piattaforma social cinese Weibo.

Il post di un'abitante di Wuhan mostra code di pazienti in ospedale con i medesimi sintomi: «Possibile che abbiano davvero tutti una polmonite virale?», si chiede l'utente web che conferma come nessuna di queste persone sia stata testata. «Anche mio papà aveva gli stessi sintomi, ma lo hanno mandato a casa senza uno screening», racconta un altro utente il cui messaggio è stato rimosso.

Questo quadro confermerebbe la tesi di alcuni esperti recentemente sentiti dalla Bbc che ipotizzano un numero di contagiati non inferiore ai 1'700. Durante l'epidemia di Sars all'inizio degli anni 2000, la Cina aveva inizialmente nascosto il numero effettivo di casi. Il morbo, anche in quel caso un coronavirus, aveva finito per uccidere 774 persone. *nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
2 ore
Coronavirus, isolato l'albergo dove alloggiava il medico italiano
Sul posto sono giunte le forze dell'ordine. Primo spagnolo contagiato a Barcellona
ITALIA
3 ore
Coronavirus, in Italia 60'000 impieghi a rischio
Circa 15'000 piccole imprese potrebbero chiudere. «Servono misure straordinarie»
AUSTRIA / CROAZIA
3 ore
Coronavirus, primi casi in Austria e Croazia
Un giovane, in isolamento a Zagabria, è rientrato qualche giorno fa da Milano.
ITALIA
5 ore
«Focolaio nato perché un ospedale non ha rispettato i protocolli»
Scontro tra il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte e i governatori delle regioni del Nord
STATI UNITI
7 ore
«Niente panico», lo consiglia Warren Buffett
Il Ceo di Berkshire Hathaway ha invitato a considerare le azioni alla stregua di imprese
ITALIA
8 ore
Coronavirus: racconto di una epidemia ai tempi dei social
Piccole storie quotidiane di disagi ed emergenza dall'epicentro della crisi in Lombardia e Veneto
ITALIA
8 ore
Il coronavirus arriva anche nel Sud Italia
Una turista di Bergamo, in vacanza a Palermo, è stata trovata positiva ai test. Un caso anche a Firenze
SPAGNA
8 ore
Tenerife, turista italiano positivo al coronavirus
L'uomo si trova ora in isolamento, in attesa di nuovi test
CINA / ITALIA
9 ore
Coronavirus, calano i decessi in Cina
La paura del contagio, intanto, ferma le riprese a Venezia del nuovo film di Tom Cruise
GIAPPONE
11 ore
Dispositivi elettronici biodegradabili: si fanno passi avanti
Degli scienziati giapponesi hanno testato un apparecchio che in 180 giorni è stato completamente riassorbito dal terreno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile