Depositphotos (archivio)
Il corpo della giovane fu ritrovato il 1° ottobre del 1976 in una fossa poco profonda.
STATI UNITI
16.12.19 - 06:000
Aggiornamento : 09:39

Dopo 43 anni il corpo di quella ragazza ha finalmente un nome

La giovane Judy Gifford era scomparsa nel 1976 all’età di 14 anni. Fu strangolata. Ora gli inquirenti cercano l’autore del delitto

SAN FRANCISCO - Per oltre 43 anni, il corpo di quella giovane ragazza uccisa nel 1976 e rinvenuta nei pressi del Lago Merced, a San Francisco, è rimasto senza un nome. Nei fascicoli degli inquirenti figurava solamente un freddo “Jane Doe”, accompagnato dal numero 40. Ora però, grazie ad alcuni test del dna e ad un avviso di scomparsa - compilato nel 2017 - la polizia è riuscita ad identificarla.

Judy Gifford aveva solamente 14 anni quando i suoi familiari la videro per l’ultima volta. Si era trasferita con loro a San Francisco nell'estate del 1976. La giovane fu strangolata e il suo corpo abbandonato in una fossa poco profonda. Li rimase per almeno due settimane, forse quattro. A ritrovarlo all’inizio di ottobre di quello stesso anno fu un passante, che - come riferito dal San Francisco Chronicle - si trovava in quella zona alla ricerca di alcune uova di tartaruga.

A compilare l’avviso di scomparsa è stato il fratello della vittima, che al tempo della sparizione aveva solamente sei anni. Le informazioni fornite dall’uomo e da una vecchia zia, e il successivo confronto tra il dna di quest'ultima con il materiale genetico recuperato dai resti della vittima, hanno permesso di chiudere l’inchiesta sulla scomparsa della giovane.

Il caso di omicidio - come riferisce la polizia - resta invece ancora aperto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
«Quasi 300mila morti entro dicembre»
È la (nefasta) stima dei ricercatori dell'Universita di Washington che invitano la popolazione a usare la mascherina.
FOTO
LIBANO
2 ore
Beirut, ospedali già pieni per il Covid. Poi l'esplosione
Il Libano sta vivendo una grave crisi sanitaria. E il sistema era già sotto pressione a causa della pandemia
LIBANO
3 ore
Scattano le manette per il direttore del porto di Beirut
Hassan Koraytem è tra le 16 persone arrestate ieri nell'inchiesta sulle esplosioni che hanno devastato la capitale.
STATI UNITI
4 ore
Trump mette al bando TikTok: «Questioni di sicurezza nazionale»
Il presidente americano ha firmato un decreto che obbliga la cinese ByteDance a vendere le proprie partecipazioni.
MESSICO
4 ore
«Vorremmo solo sapere che stai bene»
Al momento ci sono ancora oltre 9mila persone scomparse nello stato messicano di Jalisco
FOTO
LIBANO
15 ore
Un esercito di volontari per ripulire Beirut dalle macerie
Viaggio attraverso la capitale libanese devastata in cerca della forza per tornare alla normalità
ITALIA
18 ore
Infermiere gli ruba la tessera del bancomat e fa acquisti per 7'000 euro mentre lui muore di Covid-19
È successo in un ospedale del Bergamasco, a scoprirlo le sorelle del defunto. In casa sua trovata la merce
FRANCIA
20 ore
Laboratori chiusi per ferie: e i tamponi chi li fa?
Anche chi lavora nel sanitario ha diritto alle ferie, ma c'è ora carenza di personale per effettuare i tamponi richiesti
LIBANO
22 ore
«È come se volessero che morissimo»
Gli investigatori hanno posto agli arresti domiciliari vari membri delle autorità portuali.
GERMANIA
23 ore
Lufthansa sempre più giù: persi altri 1,5 miliardi
Per un totale di 3,6 miliardi nella prima metà dell'anno e malgrado le misure di risparmio. A rischio 22'000 posti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile