keystone-sda.ch/STR (FREDERIC SCHEIBER)
L'altra vittima è una ragazzina di 15 anni.
+1
FRANCIA
18.11.19 - 17:330
Aggiornamento : 20:13

Ponte crollato, trovata una seconda vittima

Si tratta dell'autista del Tir, troppo pesante, che sarebbe stato all'origine del crollo della struttura

di Redazione
ats ans

TOLOSA - Un Tir che pesava il doppio del consentito non ha rispettato questa mattina il divieto di transito e un ponte di metallo sospeso sul fiume Tarn, nel sud-ovest della Francia, è precipitato in acqua. Nella direzione opposta al camion, viaggiava una Renault Clio con una donna e la figlia di 15 anni, scaraventate anche loro nelle acque del Tarn. La donna è stata tratta in salvo, la figlia è affogata, così come l'autista del mezzo.

Testimoni parlano di un terzo veicolo che sarebbe finito in acqua e si cercano ancora eventuali dispersi. Nel bilancio figurano anche 5 feriti non gravi: la madre della ragazza, due persone che hanno cercato di soccorrere le vittime e due pompieri, secondo quanto precisato dal prefetto della regione, Etienne Guyot. La ragazza affogata nelle acque del Tarn, molto profondo in quella zona, era al penultimo anno nel liceo della cittadina Montastruc-la-Conseillère, una trentina di chilometri da Tolosa.

Secondo la ricostruzione, alle 8:10 questa mattina il ponte di Mirepoix-sur-Tarn, sospeso a cavi metallici, è crollato. Pochi istanti prima un camion, non rispettando il limite di peso, ha provato a passare. La pista privilegiata dagli inquirenti, secondo il quotidiano locale La Depêche du Midi, è proprio quella del mancato rispetto del limite di peso a 19 tonnellate. Un altro cartello vieta a due camion di passare sul ponte contemporaneamente.

Stand allo stesso quotidiano, ad attraversare il ponte è stato un camion della società Puits Julien Fondation, seguito da un secondo autocarro della stessa impresa. Avevano lasciato la sede della società - che dista appena 200 metri - poco prima, diretti a un vicino cantiere. Il primo conducente ha violato il divieto nonostante il suo mezzo pesasse oltre 40 tonnellate, più del doppio del consentito. Alla guida c'era il padrone della società. Dietro di lui, un impiegato si è fermato per aspettare la fine del percorso del padrone, che lo precedeva. Il primo Tir, però, non è mai arrivato, il ponte si è schiantato nel fiume portando con se la Renault Clio e probabilmente un terzo veicolo.

Il ponte - lungo 155 metri e largo 6,50 - non risultava a rischio, nonostante fosse stato inaugurato nel 1935. Il sindaco, Eric Oger, assicura che l'ultima ispezione era stata portata a termine senza problemi nel 2017, un'ulteriore verifica era stata effettuata anche nel 2018.

keystone-sda.ch/STR (FREDERIC SCHEIBER)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
9 ore
Elicottero precipita nel Tevere
Il relitto è stato localizzato dai vigili del fuoco. Ancora nessuna traccia invece dell'equipaggio
FRANCIA
12 ore
È morto il conducente picchiato "per la mascherina"
L'uomo era stato aggredito domenica a Bayonne per aver chiesto ad alcuni passeggeri di indossarne una
STATI UNITI
13 ore
Coronavirus: negli Stati Uniti torna a salire il numero delle vittime
La tendenza si accompagna a una sequela di record giornalieri di nuove infezioni.
MONDO
15 ore
Una gabola di Facebook sta facendo impazzire diverse app sugli iPhone
La causa è un bug al sistema di accesso del social, usato anche da app come Spotify, Tinder e tante altre
FRANCIA
17 ore
Medici senza frontiere è «razzista»
Una lettera firmata da mille collaboratori, per protestare contro le politiche della ong
ITALIA
18 ore
Accoltellato alla gola a 14 anni con una bottiglia rotta
È l'ennesima lite tra giovanissimi che finisce in violenza nel Varesotto: «Schiaffoni ai genitori dei bulli».
MONDO
18 ore
Applicazioni, utilizzo record durante il lockdown
Tra aprile e giugno ne sono state scaricate 35 miliardi
FOTO
STATI UNITI
19 ore
Un murale di Black Lives Matter davanti alla Trump Tower
Tra i realizzatori c'era anche il sindaco Bill de Blasio
COREA DEL SUD
22 ore
Cinque giorni di commemorazione funebre per Park Won-Soon
In una nota il sindaco di Seul si è scusato con «tutti» e in particolare con la sua famiglia
FOCUS
23 ore
L'inizio di un genocidio: tutto cominciò l'11 luglio di 25 anni fa
Viaggio a Srebrenica, teatro del più efferato massacro della guerra in Bosnia-Erzegovina
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile