Guardia di Finanza
ITALIA
14.11.19 - 09:440
Aggiornamento : 11:07

Caianiello intercettato mentre insultava Lara Comi: «Con questa cretina a che punto stiamo?»

Beccata anche l'ex eurodeputata, arrestata dalla Guardia di Finanza: «Oggi io dirò che non ho mai preso 17'000 euro»

di Redazione
ats ans

MILANO - Intercettazioni in cui Nino Caianiello, presunto "burattinaio" del sistema di mazzette, finanziamenti illeciti, nomine e appalti pilotati, la insultava anche dandole della «cretina» e poi verbali di indagati, tra cui anche quello del suo ex addetto stampa, che la tiravano in ballo.

C'era già questo ed altro su Lara Comi negli atti della maxi inchiesta milanese "Mensa dei poveri" che oggi, con nuovi sviluppi anche basati proprio sui verbali del "grande manovratore" che da tempo sta collaborando coi pubblici ministeri (pm), hanno portato all'arresto dell'ormai ex eurodeputata, oltre a quello dell'amministratore delegato (ad) di Tigros Paolo Orrigoni e del direttore generale (dg) di Afol Giuseppe Zingale.

«Veniamo sulle due cose, uno questa cretina della Lara a che punto stiamo? (Lara Comi, ndr) perché io la vedo stasera, così gli faccio lo shampoo», diceva Caianiello, intercettato il 29 novembre 2018, parlando con Zingale che gli rispondeva: «il 17 già liquidato, 21 gli ho fatto il contratto».

Il riferimento, secondo gli investigatori, era a contratti di consulenza per un importo preliminare di 38'000 euro da parte di Afol ad una società riconducibile a Comi, anche ex responsabile "azzurra" a Varese, ruolo che aveva ricoperto in passato proprio Caianiello, il "ras" dei voti in quell'area e che sulle nomine e i finanziamenti che gestiva si aspettava in cambio una "retrocessione" di soldi.

«Il mio scopo era quello di trovare ulteriori fondi per finanziare la campagna elettorale di Tatarella (ex vicecoordinatore lombardo di FI poi arrestato, ndr), mio principale candidato alle elezioni europee, unitamente alla Comi», ha messo a verbale il 13 settembre proprio Caianiello. In due verbali resi, poi, Andrea Aliverti, ex addetto stampa dell'allora eurodeputata, aveva ricostruito tutto il meccanismo della presunta truffa ai danni del Parlamento europeo.

Mentre Laura Bordonaro, anche lei arrestata nel maxi blitz del 7 maggio, ha raccontato che nel corso di un pranzo, durante il congresso del Ppe di fine settembre 2018, Caianiello, Comi e Carmine Gorrasi, ex responsabile di FI a Varese, avrebbero discusso della «necessità» di costituire società per far transitare soldi «al fine sia di realizzare finanziamenti elettorali che di far rientrare parte dei soldi» al "burattinaio".​

Comi: «Dirò non ho preso soldi» -  «Oggi io dirò che non ho mai preso 17'000, non ho mai avuto consulenze con Afol né a società a me collegate che non esistono... Se mi chiedono perché dicono questo posso dire che eri tu che facevi loro consulenza». Così Lara Comi in una conversazione intercettata mentre parla con Maria Teresa Bergamaschi, avvocato e stretta collaboratrice dell'ex eurodeputata.

Comi fa riferimento a 17'000 euro che avrebbe ottenuto da Afol. La conversazione del 9 maggio, dopo che il suo nome era emerso nella maxi indagine, si trova nell'ordinanza cautelare..

«Più volte avevo espresso alla Comi la necessità di trovare una modalità attraverso cui retrocedere delle somme in favore della mia persona, in ragione dei costi che la quotidiana attività politica mi comportava».

Lo ha messo a verbale Caianiello. Il passaggio riguarda la presunta truffa al Parlamento europeo - di cui è accusata, tra le altre cose, Lara Comi, arrestata oggi - attraverso uno «stratagemma», gonfiare fino a 3mila euro al mese lo stipendio dell'addetto stampa dell'epoca dell'eurodeputata, rimborsato dall'Europarlamento, per poi girare 2mila euro a Caianiello.

«Comi - ha spiegato il "burattinaio" il 2 settembre - era recalcitrante a retrocedere una parte del suo stipendio per finanziare le strutture del partito di Forza Italia, anche in vista delle imminenti elezioni europee, escogitammo lo stratagemma di far maggiorare lo stipendio del giornalista Aliverti».

Caianiello: «Comi alla spasmodica ricerca di soldi» - Lara Comi, «a seguito della mancata candidatura alle elezioni politiche nazionali cui lei fortemente aspirava», ha «iniziato a spaventarsi fortemente per la sua rielezione al Parlamento Europeo, ragione per la quale ha iniziato ad andare spasmodicamente alla ricerca di finanziamenti e alleanze politiche». Lo ha messo a verbale il 2 settembre Nino Caianiello, presunto 'burattinaio' del sistema, raccontando anche che «la Comi voleva che io intercedessi in suo favore nei confronti di Mariastella Gelmini», membro della Camera dei deputati italiana e capogruppo di Forza Italia, e ha parlato di un incontro.

Oggi il Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Milano, coi colleghi di Busto Arsizio, ha arrestato l'ex eurodeputata italiana Lara Comi.

In un filone dell'indagine "Mensa dei Poveri" l'ordinanza è stata firmata dal giudice per le indagini preliminari (gip) Raffaella Mascarino e chiesta dai pubblici ministeri (pm) Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri per accuse, a vario titolo, di corruzione, finanziamento illecito e truffa.

Oltre alla politica italiana, ex eurodeputata di Forza Italia (FI), sono stati arrestati anche l'amministratore delegato dei supermercati Tigros Paolo Orrigoni, entrambi ai domiciliari, e il direttore generale di Afol Metropolitana Giuseppe Zingale (in carcere).

Il gip: «Con la sua rete di relazioni Comi può delinquere ancora» - Non è più parlamentare europea, ma è «rappresentante legale delle associazioni» 'Siamo italiani', 'We Change', del 'Popolo della libertà coordinamento provinciale di Varese' e presidente onoraria dell'associazione 'Europe 4 you' ed è «indiscutibile» che la sua «rete relazionale, trasversale fra alti livelli politici e imprenditoriali» può «costituire un utile 'volano' per ulteriori attività illecite». Così il giudice per le inchieste preliminari (gip) di Milano Raffaella Mascarino nell'ordinanza motiva le esigenze cautelari a carico di Lara Comi e, in particolare, il pericolo di reiterazione dei reati.

In più, aggiunge il gip, Comi, arrestata per corruzione, false fatture, finanziamento illecito e truffa aggravata al Parlamento europeo, può «contare sulla sua visibilità politica».

Sempre il gip parla di «pianificazione» dei reati che le vengono contestati, dello «stabile legame» con Caianiello, della ricerca di Comi di «incarichi di sempre maggiore influenza e molto remunerativi».


 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
7 min
Ad Alitalia arriva il super-commissario esperto in fallimenti
Giuseppe Leogrande ha ricoperto lo stesso ruolo già in diverse aziende. In partenza Enrico Laghi, Stefano Paleari e Daniele Discepolo
FOTO
GERMANIA / POLONIA
1 ora
Merkel ad Auschwitz: «Non bisogna mai dimenticare»
La cancelliera tedesca ha visitato per la prima volta il campo di sterminio nazista: «Provo una vergogna profonda per i crimini barbari che sono stati commessi qui»
FOTO
SPAGNA
1 ora
«Un anno di scioperi, ma nulla è cambiato»
È una Greta Thunberg delusa ma non rassegnata quella che ha parlato da Madrid, dove è in corso la Conferenza sul Clima: «Non c'è una soluzione sostenibile»
REGNO UNITO
3 ore
Stupratore e pedofilo seriale, condannato "l'orco di Harrow"
Joseph McCann è stato riconosciuto colpevole di 37 episodi criminali
FOCUS
5 ore
La «sporca decina»: quei crimini contro l'ambiente
Alcuni dei più gravi incidenti che hanno ferito mortalmente Madre Natura e, quindi, la salute pubblica. Colpe e conseguenze dei più grandi disastri ambientali
SLOVACCHIA
5 ore
Esplosione in un condominio, i morti sono almeno cinque
È successo a Presov a causa di una fuga di gas. Alcuni inquilini sarebbero intrappolati sul tetto dell'edificio, che rischia di crollare
AUSTRALIA
6 ore
Il cielo di Sydney è "in fiamme": siccità, venti e incendi dolosi
Nella capitale del Nuovo Galles del Sud è emergenza, così come nei territori circostanti
REGNO UNITO
8 ore
Grenfell Tower, lascia la comandante dei pompieri di Londra
Il primo rapporto ha puntato il dito contro «la grave impreparazione» mostrata dai vigili del fuoco
FOTO
SPAGNA
11 ore
Greta è arrivata a Madrid
La giovane attivista parteciperà allo sciopero globale per il clima che partirà dalla stazione Atocha
REGNO UNITO
13 ore
Tutte quelle tasse che Amazon & Co. non pagano
I colossi dell'hi-tech sono cinture nere della “finanza creativa“. Ma l'Unione Europea e il Regno Unito vogliono che le cose cambino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile