Keystone
ARGENTINA
17.09.19 - 14:320

Allarme femminicidio, uccise quattro donne nel fine settimana

Gli episodi sono in aumento, e le cifre sono allarmanti. Solo quest'anno 223 donne hanno trovato la morte

BUENOS AIRES - Quattro donne sono state uccise durante il fine settimana in Argentina rilanciando l'allarme sul fenomeno del femminicidio, costato la vita, solo quest'anno, ad almeno 223 persone.

Le vittime, riferisce oggi il quotidiano 'Pagina 12' che dedica alla drammatica emergenza la sua intera prima pagina, avevano fra i 15 ed i 42 anni. Tre di esse sono state uccise nel giro di 48 ore, mentre la quarta è deceduta dopo mesi di agonia per la gravità delle ustioni riportate su tutto il suo corpo.

Nel 2015 è partita una mobilitazione sociale con lo slogan e l'hashtag '#Ni Una Menos', ma nonostante questo i casi di femminicidio sono aumentati passando, secondo statistiche ufficiose, da uno ogni 32 ore a uno ogni 27.

Ana Correa, una delle fondatrici del movimento di protesta, ha commentato amaramente la situazione sottolineando che «a 4 anni dalla nascita di 'Ni Una Menos', la violenza maschilista gode di ottima salute. È ora - ha aggiunto - di esaminare seriamente politiche efficaci per combattere la violenza contro le donne e i diversi. Non si tratta di adottare una semplice misura, ma di un complesso di iniziative per affrontare l'emergenza».

Da parte sua Raquel Vivanco, presidentessa dell'Osservatorio della violenza di genere, ha dichiarato al portale Infobae che «le cifre sono allarmanti e stiamo osservando che l'aggravamento della situazione è legato alla terribile crisi economica che vive l'Argentina».

La più giovane delle quattro vittime recenti è Navila Garay, 15 anni, morta dopo essere stata duramente percossa e sepolta nel giardino di una casa a Chascomús, località a 140 chilometri da Buenos Aires.

Cielo López, di 18 anni, è stata brutalmente fatta a pezzi in una fattoria della provincia di Neuquén, nell'estremo sud del Paese, mentre Cecilia Burgat, 42 anni, è stata legata ed uccisa a bastonate dal suo ex fidanzato nella provincia di Santa Fe. La quarta vittima, Vanesa Caro di 38 anni, di Lomas de Zamora, è invece morta al termine di una lunga agonia dopo che l'ex marito le ha dato fuoco davanti ai suoi quattro figli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
35 min
Bimbo abbandonato a Roma
È stata una passante ad accorgersi del piccolo incustodito
CINA / MONDO
3 ore
Coronavirus, il punto della situazione
Nuovi casi in Cina e Corea del Sud. E in Giappone continua lo sbarco dalla Diamond
REGNO UNITO
4 ore
Scoperto l'ingresso segreto del Parlamento
Scoperte le cerniere originali delle due porte in legno alte tre metri e mezzo. Trovati anche diversi graffiti.
FOTO
RUSSIA
12 ore
Una "Batmobile" fermata sulle strade di Mosca
La vettura customizzata è stata confiscata nel centro cittadino
ITALIA
12 ore
«Oggi aiutiamo i ticinesi a gestire i casi di coronavirus»
A Milano la vita cerca di tornare alla normalità, riaprirà il Duomo. Parla l'assessore al Welfare di Regione Lombardia
ITALIA
14 ore
Tre tonnellate di cocaina su una nave: valgono 400 milioni di euro
Il sequestro è per quantità il secondo più ingente avvenuto in Italia
GERMANIA
14 ore
Zalando va alla grande e si lancia nell'usato
Dal terzo semestre del 2020 i clienti potranno anche vendere i propri articoli di usato sulla piattaforma online
MONDO
16 ore
Perdita milionaria per i produttori della birra Corona
Anheuser-Busch InBev paga il crollo della domanda cinese.
ITALIA / STATI UNITI
18 ore
La reazione Usa al coronavirus. Italia, i morti sono 17
L’epidemia potrebbe mettere in evidenza alcune falle. L’esperto Pastori: «Da trattare come emergenza nazionale»
GIAPPONE / COREA DEL NORD
21 ore
Tokyo: una donna si è ammalata due volte
Le autorità sanitarie di Osaka hanno comunicato che è il primo caso di questo genere
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile