Deposit
STATI UNITI
21.07.19 - 08:390

Scagionato dopo 22 anni, il vero killer stanato da sua mamma

Una storia assurda quella che ha come protagonista un figlio, accusato di stupro e omicidio, e la madre di Idaho Falls

WASHINGTON D.C. - Un uomo negli Stati Uniti è stato scagionato dopo 22 anni di carcere dall'accusa di aver stuprato e ucciso un'amica, nonostante avesse proclamato la sua innocenza e il suo Dna non coincidesse con quello del presunto aggressore, grazie alla diffidenza della madre della vittima e ad una nuova tecnica forense che confronta il Dna con il database genealogico.

Protagonista di questo processo kafkiano un uomo di Idaho Falls, Idaho, all'epoca dei fatti ventenne. Era il 13 giugno del 1996 quando una 18enne fu violentata e uccisa con un coltello nel suo appartamento. Dopo un anno il crimine era ancora irrisolto, quando un amico della ragazza fu arrestato per un altro stupro, anch'esso commesso con la minaccia di un coltello. La polizia pensò che potesse essere l'autore dell'omicidio e interrogò il 20enne, che era un suo amico, per saperne qualcosa di più. Ma ad un certo punto lo stesso giovane si ritrovò nei panni del sospettato.

«Gli agenti lo minacciarono con la pena di morte e gli dissero che se avesse detto ciò che volevano sentire gli avrebbero garantito l'immunità», ha raccontato ai media Vanessa Potkin, direttrice di Innocence Project, una organizzazione che aiuta persone ritenute ingiustamente condannate ad essere scagionate e alla quale si è rivolta la madre della vittima.

Il 20enne finì in carcere e inizialmente disse di non sapere nulla ma poi confessò, dopo che lo misero sotto torchio per 30 ore. L'accusa chiese la pena di morte ma nel 1998 fu condannato all'ergastolo, anche se il suo Dna non combaciava. Bastarono il suo interrogatorio auto accusatorio e la testimonianza di una donna che disse di averlo sentito parlare del delitto ad una festa.

Ma la madre della vittima non fu convinta da quella sentenza. Per questo a distanza di tempo chiese i nastri della registrazione degli interrogatori e li ascoltò ripetutamente, ricavandone l'impressione di una pressione psicologica. Nel 2014 contattò un esperto di false confessioni e Innocence Project, che ottenne una nuova prova del Dna.

L'esito fu assurdo: l'imputato venne scagionato dallo stupro ma non dall'omicidio, pur tornando in libertà per la detenzione già scontata. La madre insistette e si rivolse a Cece Moore, un genealogista che riuscì a creare un profilo Dna da un campione degradato e identificò diversi parenti in un database, portando all'individuazione di un uomo che all'epoca dei fatti viveva di fronte alla casa della vittima. Dopo la conferma del Dna, l'uomo è stato arrestato e ha confessato non solo di aver agito da solo ma di non conoscere l'allora 20enne. Nel frattempo la testimone aveva confidato alla madre della vittima che aveva mentito su pressione della polizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
17 min
Sono loro i vip che hanno guadagnato di più nell'ultimo anno
Lo svela il consueto Forbes, fra sorprese grazie ai successi su Netflix e chi è stato castigato dal coronavirus
STATI UNITI
57 min
Oggi si tiene la prima cerimonia funebre per George Floyd
L'inizio è fissato per le 19 ora svizzera, oggi davanti al giudice anche 3 degli ex-poliziotti coinvolti nell'omicidio
UNIONE EUROPEA
2 ore
Coronavirus: la Bce quasi raddoppia il piano d'acquisto per l'emergenza
È una sorpresa per molti investitori. L'operazione supera ora i 1'000 miliardi di euro.
ITALIA
2 ore
Il pronto soccorso di Codogno riapre: e c'è già il primo caso sospetto Covid
Il paziente è stato immediatamente isolato.
REGNO UNITO / GERMANIA
3 ore
I genitori di Maddie: è una svolta «potenzialmente molto significativa»
Il sospettato sarebbe stato condannato per uno stupro commesso circa un anno e mezzo prima della scomparsa della bimba
STATI UNITI
4 ore
Mattis: Trump «sta cercando di dividerci»
Dura presa di posizione dell'ex Segretario alla Difesa statunitense contro il presidente
UNIONE EUROPEA
4 ore
«I salvataggi delle compagnie di bandiera sono illegali»
«Vogliamo condizioni di parità» ha dichiarato Michael O'Leary
PORTOGALLO
7 ore
Caso Madeleine McCann, c'è un sospetto
Le indagini hanno permesso di identificare un uomo tedesco di 43 anni
STATI UNITI
8 ore
L'autopsia di George Floyd rivela che era positivo al coronavirus
Proteste pacifiche in molte città Usa, ma a New York 90 nuovi arresti
EUROPA
10 ore
Riconoscimento facciale? Bastano gli occhi, o la camminata
Le mascherine, che bloccano l'operatività del riconoscimento facciale, non hanno effetti su altri sistemi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile