Guardia di finanza
Agenti al lavoro.
ITALIA
17.07.19 - 18:190

Migranti trattati come bestie, quattro arresti in due centri

Sono finiti in carcere accusati a diverso titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e autoriciclaggio in concorso. Dieci gli indagati in stato di libertà

IMPERIA - Trattati come animali, facendo loro mangiare polmone e frattaglie di pollo che, dice il magistrato «non daremmo nemmeno ai gatti». E se si lamentavano, botte e umiliazioni. Con l'operazione 'Patroclo' la Guardia di finanza di Imperia ha messo la parola fine alle umiliazioni e alle vessazioni inflitte ai migranti ospitati nei centri di accoglienza gestiti dalla cooperativa sociale piemontese Caribù il cui responsabile, con sorella e fidanzata, e un avvocato di Torino sono finiti in carcere accusati a diverso titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e autoriciclaggio in concorso.

Secondo la Guardia di finanza, sul milione e 700 mila euro di fondi pubblici erogati per la gestione dei centri di accoglienza se ne sono intascati 1,3 milioni che sono serviti a pagare i mutui di immobili acquistati nel Ponente ligure ma anche biancheria intima e altri oggetti personali. Gianni Morra, 62 anni, residente a Cuneo, la sua compagna Manuela De Mita, 48 anni di Asti, l'avvocato torinese Guido Tabasso, 67 anni e la sorella di Morra, Antonella, 58 anni avevano creato il meccanismo perfetto: comunicavano quotidianamente alla prefettura, raddoppiandolo, il numero dei migranti presenti nei centri di Sanremo e Vallecrosia e sovrafatturavano i costi solo parzialmente affrontati per erogare ai migranti i servizi previsti in base all'appalto pubblico. Dieci gli indagati in stato di libertà: tra questi anche una ex funzionaria della Prefettura di Imperia e due commercialisti che fungevano da consulenti.

Intanto, dalle intercettazioni emergono particolari raccapriccianti. Come quella della conversazione tra Morra e Tabasso: «...Nella riunione - dice Morra -, io seduto e loro tutti in piedi. A un certo punto dico "questa è una famiglia", qua e là su e giù. Esce fuori uno con il dito puntato (riferito a un migrante, ndr) e mi dice: 'il business è tuo, guadagni te i soldi' [...]. L'ho preso per i capelli, gli ho tirato un calcio nelle giunture delle gambe, si è inginocchiato da solo...». E Tabasso «...Eeh appunto...». Ancora Morra: «... subito, subito! Poi stava andando via questo qua ... vieni un po' qua! gli ho detto. Vai a cambiarti va! che adesso ti faccio diventare bianco, dai il bianco ai muri!».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
1 ora

Il cameriere era troppo lento e lui allora lo ha ammazzato

È successo alle porte di Parigi, visto che il suo panino non arrivava più un cliente di un bistrot ha estratto la pistola e ha aperto il fuoco

FOTO
CINA
3 ore

In una piovosa Hong Kong in migliaia pronti a manifestare ancora

La folla oceanica oggi presidierà Victoria Park, dovrebbe essere una giornata di proteste pacifiche

AFGHANISTAN
4 ore

Kabul, attentato suicida al matrimonio: 63 morti e 182 feriti

Divulgato stamani il primo bilancio dell'attentato suicida di ieri: almeno 63 i morti e 182 i feriti. Rivendicata intanto da parte dell'Isis la responsabilità dell'attacco.

ITALIA
4 ore

Per scommessa uccidono un coniglio a sassate

Alcuni balordi giunti via mare a Ischia hanno ucciso per gioco un coniglio che da qualche tempo era diventato una piccola attrazione per bambini sull’isola campana

AFGHANISTAN
14 ore

Esplosione durante un matrimonio, decine di vittime

Si sarebbe trattato di un attentato suicida

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile