Polizia Federale
BRASILE
16.07.19 - 18:060
Aggiornamento : 18:25

La mafia italiana controllava il traffico di cocaina

La polizia ha smantellato l'organizzazione criminale nelle ultime settimane, dopo il ritrovamento di centinaia di tavolette di cocaina nascoste in rulli compressori

SAN PAOLO - Un'indagine condotta dalla polizia brasiliana, in collaborazione con quelle italiana e francese, ha scoperto che alcuni esponenti della mafia italiana erano i proprietari di quasi 1,2 tonnellate di cocaina sequestrate lo scorso settembre nel porto di Santos, sul litorale di San Paolo: lo rende noto oggi G1, il portale di notizie della Rete Globo.

Secondo la fonte giornalistica, la polizia ha smantellato l'organizzazione criminale nelle ultime settimane, dopo il ritrovamento di centinaia di tavolette di cocaina nascoste in rulli compressori. La droga sarebbe stata inviata al porto di Abidjan, in Costa d'Avorio, per poi essere spedita in Calabria.

Le autorità sono così state in grado di identificare una nuova rotta internazionale della droga, che utilizzava il continente africano come tappa intermedia per fare arrivare gli stupefacenti in Italia.

Per la polizia federale brasiliana, i membri della mafia usavano false aziende di costruzione in Costa d'Avorio per poter importare dal Brasile i macchinari carichi di cocaina.

Sempre secondo il reportage di G1, tra i responsabili del trasporto delle merci ci sono sei italiani, tre ivoriani e un franco-turco. Tutti si ritrovavano in un locale italiano ad Abidjan per organizzare il traffico della droga.

«Abbiamo le prove che le merci erano destinate alla 'ndrangheta e alla camorra, e che gli arrestati erano coinvolti nel traffico», ha detto a G1 l'agente francese Silvain Coué, sottolineando che sono stati anche sequestrati denaro, armi e oggetti di alto valore.

Per gli inquirenti, la cocaina trovata nel porto di Santos è stata acquistata per 2,5 milioni di euro in Sud America, con l'obiettivo di rivenderla in Europa per 250 milioni di euro.

Il capo della polizia federale di Santos, Ciro Tadeu Moraes, ha detto che le autorità continuano a indagare il caso e a verificare se esiste un collegamento tra quest'ultimo schema di traffico di droga e l'arresto dei due latitanti Nicola e Patrick Assisi, avvenuto lo scorso 8 luglio a Praia Grande, sulla costa dello Stato di San Paolo.

Polizia Federale
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
20 min
Il suo cuore si ferma a 14 anni, mentre fa ginnastica
Dramma in provincia di Treviso. Il padre: «E ora chiedo giustizia»
STATI UNITI
4 ore
Quei mini-cervelli cresciuti in provetta che fanno discutere
Sono una delle ultime grandi scoperte della neurologia con un grande potenziale medico ma, per alcuni, il rischi di “andare al di là“ dell'etico c'è
REGNO UNITO
13 ore
Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord
È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico
ISRAELE
15 ore
Netanyahu rinuncia a formare il governo
È la seconda volta in sei mesi che il leader del Likud fallisce, ora dovrebbe toccare a Benny Gantz
EMIRATI ARABI UNITI
18 ore
Questa qui è la perla più antica che esista
Ha poco meno di 8'000 anni ed è stata scoperta per caso da degli archeologi che cercavano ben altro. Sarà messa in mostra al Louvre di Abu Dhabi
GERMANIA
19 ore
L'economia tedesca potrebbe essere entrata in recessione
Lo dice la Bundesbank, secondo cui «il prodotto interno lordo potrebbe essersi ridotto nuovamente nel terzo trimestre del 2019» dopo il -0,1% del secondo trimestre
FOTO
CILE
19 ore
A Santiago i manifestanti hanno dato fuoco agli uffici dell'anagrafe
Dopo averli saccheggiati, i vigili del fuoco sul posto, le autorità parlano di danni importanti: «Distrutti molti documenti». Il bilancio complessivo è di 11 morti
GIAPPONE
20 ore
Pollon e Nanà Super Girl sono orfane, scomparso Hideo Azuma
Il fumettista è morto all'età di 69 anni, in un ospedale di Tokyo, per le complicazioni di un tumore
ISOLA DI MAN
22 ore
Con un gatto nel bagaglio a mano
Sbalorditi sia gli addetti alla sicurezza che i padroni. Il micio si era intrufolato nella valigia all'insaputa della coppia
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile