Twitter
BRASILE
11.07.19 - 20:010
Aggiornamento : 20:16

Crolla una diga nello stato di Bahia

La strada è invasa da acqua e fango, ostacolando i soccorsi. La vera emergenza si è spostata ora verso Coronel Joao Sà, a poco più di 30 km da Pedro Alexandre

SAN PAOLO - Una diga è crollata nei dintorni di Pedro Alexandre, a circa 400 km da Salvador, capitale dello Stato brasiliano di Bahia, a causa delle forti piogge che hanno colpito la regione. Lo ha reso noto l'emittente Globo News, precisando che non ci sono ancora informazioni su possibili vittime e la Protezione Civile non ha precisato a chi appartiene la diga.

Lo scorso 25 gennaio il crollo di un'altra diga a Brumadinho aveva provocato la morte di circa trecento persone.

Secondo informazioni della Protezione Civile di Bahia, il crollo della diga è avvenuto intorno alle 11 (le 16 in Svizzera), e l'acqua straripata ha reso impraticabili varie strade della zona, ostacolando i soccorsi alla popolazione locale.

Nelle immagini trasmesse da Globo News si vede come la strada regionale che porta verso lo Stato di Sergipe - all'est di Bahia - è stata invasa da ondate di acqua e fango, che rende impossibile il passaggio dei mezzi di soccorso.

Carla Leao, portavoce locale della Protezione Civile, ha detto ai media che «alcune case dei dintorni sono allagate, ma finora non ci sono feriti», precisando però di non essere ancora riusciti a mettersi in contatto con i residenti «perché la località è isolata dall'acqua e il fango». Leao ha aggiunto che la vera emergenza si è spostata ora verso Coronel Joao Sà, a poco più di 30 km da Pedro Alexandre.

«Si trova sulla strada che seguirà l'onda di acqua e fango», ha spiegato la portavoce, secondo la quale il comune di Coronel Joao Sà ha già ordinato l'evacuazione di alcuni quartieri della cittadina, attivando rifugi di emergenza. Tanto Pedro Alexandre quanto Coronel Joao Sà hanno poco più di 16mila abitanti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
36 min

Stop a Johnson, Westminster rinvia la Brexit

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento che obbliga il premier a chiedere un rinvio all'UE

FOTO
REGNO UNITO
1 ora

Il popolo torna in piazza contro la Brexit

Un raduno colorato, fra slogan, cartelli, bandiere britanniche e dell'Ue e vessilli di partito

SIRIA
3 ore

Ankara accusa i curdi di violare il "cessate il fuoco"

«In 36 ore hanno compiuto 14» violazioni». Ma la Turchia assicura che è in atto un coordinamento con gli Stati Uniti

REGNO UNITO
3 ore

Brexit, l'esito resta incerto

È partito il dibattito vero e proprio sull'accordo. Si vota su due emendamenti: una nuova proroga e referendum bis

REGNO UNITO
6 ore

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

STATI UNITI
8 ore

Boeing 737 Max, la società sapeva

Una serie di sms tra dipendenti nel 2016 indica che la società era consapevole del rilevante problema del sistema di controllo automatico del volo

FOTO
SPAGNA
8 ore

Le proteste serali fanno 182 feriti e 54 arresti

Tra le persone fermate e poi rilasciate anche un fotoreporter del quotidiano El Pais, «immobilizzato a terra da una mezza dozzina di agenti e portato in un furgone di polizia»

ITALIA
18 ore

La provocazione di Grillo: «E se togliessimo il voto agli anziani?»

Il fondatore del M5s scatena un pandemonio con la sua dichiarazione. Calderoli: «Nemmeno Erdogan». Salvini: «Togliamo il voto a lui»

SIRIA
20 ore

Fragile tregua in Siria, sul confine cadono ancora le bombe

Il cessate il fuoco concordato ieri da Turchia e Stati Uniti ha subito ripetute violazioni: i raid di Ankara non si fermano. Erdogan però nega: «Disinformazione»

AFGHANISTAN
20 ore

Strage in una moschea, almeno 62 morti

Alcune bombe sono scoppiate in un luogo di culto nella provincia di Nangarhar che era molto affollato per la tradizionale preghiera musulmana del venerdì. L'attentato non è ancora stato rivendicato

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile