Keystone
+14
STATI UNITI
11.07.19 - 15:040
Aggiornamento : 16:13

La Louisiana è pronta per l'uragano Barry

Il National Hurricane Centre ha lanciato l'allarme per tutta la costa centrale del Golfo del Messico e nell'entroterra attraverso il basso Mississippi

NEW ORLEANS - La città di New Orleans si è preparata a ricevere la prima grande tempesta tropicale della stagione, Barry, che potrebbe trasformarsi in un uragano nella giornata di venerdì. 

«È troppo presto per sapere quale sarà il suo impatto, ma crediamo che ci sarà», ha detto il sindaco LaToya Cantrell nella giornata di ieri. «State pronti, sappiamo cosa può accadere nella nostra città. Al momento tutto è comunque pienamente funzionante, gli argini e le pompe lavorano bene».

Il governatore della Louisiana John Bel Edwards ha dichiarato lo stato di emergenza. Le evacuazioni sono iniziate nella giornata di giovedì, in particolare nella zona di Plaquemines.

Le inondazioni sono già state numerose, nelle ultime ore hanno invaso case e aziende, il traffico dell'ora di punta si è paralizzato bloccando buona parte della città. La Guardia Nazionale è in azione. I funzionari hanno chiesto ai residenti di procurarsi tre giorni di rifornimenti e di tenere puliti gli scarichi delle acque. 

Il National Hurricane Centre ha lanciato l'allarme per tutta la costa centrale del Golfo del Messico e nell'entroterra attraverso il basso Mississippi, attivo per 48 ore. Anche le regioni costiere del Mississipi e del Texas sono infatti in preallerta.

Oltre quattro milioni di persone sono sotto l'allarme inondazioni dalla Louisiana alla Florida occidentale, ed è allerta anche a New Orleans, messa in ginocchio nel 2005 dall'uragano Katrina. Alcuni quartieri sono già stati allagati dalle forti piogge scese ieri, e secondo i meteorologi se i venti si intensificheranno nelle prossime ore la bufera potrebbe trasformarsi in uragano entro domani.

I governatori degli stati interessati dall'allerta hanno già chiesto ai cittadini di prepararsi. «Proteggete le vostre proprietà e siate pronti a sapere dove andare in caso di evacuazione», ha detto il governatore del Texas, Greg Abbott. In Louisiana, il governatore John Bel Edwards ha dichiarato lo stato di emergenza: «Nessuno deve prendere alla leggera questa tempesta, come sappiamo fin troppo bene nel nostro stato, bassa intensità non significa necessariamente impatto minimo».

keystone-sda.ch/ (Matthew Hinton)
Guarda tutte le 18 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ISRAELE
3 ore
Gli aiuti non arrivano, proteste in Israele
In 30mila in piazza a Tel Aviv, i manifestanti chiedono le dimissioni di Netanyahu
BOSNIA-ERZEGOVINA
5 ore
Cosa succede nei Balcani?
Nell'anniversario di Srebrenica continuano ad accelerare i contagi. In Bosnia raggiunto un nuovo picco giornaliero
REGNO UNITO
5 ore
Covid, gli inglesi si mettono a dieta
Il governo di Londra dichiara guerra all'obesità, per prevenire la seconda ondata di coronavirus
FRANCIA
5 ore
Autista ucciso per le mascherine: la Francia è sotto shock
Picchiato selvaggiamente da dei giovani a cui aveva impedito di salire sul bus. Il governo: «Punizione esemplare»
ITALIA
8 ore
Il virus rallenta in Italia
Sono 88 meno di ieri, e diminuiscono anche i decessi
GIAPPONE
8 ore
Anche i marines si ammalano di Covid
Decine di casi in una base americana a Okinawa. Le autorità giapponesi sono preoccupate
ITALIA
11 ore
Reddito di cittadinanza, beccati due "furbetti"
Un 48enne in odore di Mafia a Corleone e una 60enne che gestiva una casa di riposo a Rimini sono stati denunciati.
MONDO
12 ore
Oltre 560'000 vittime nel mondo
Il bilancio complessivo dei casi si appresta ad abbattere il muro dei 12,5 milioni.
STATI UNITI
12 ore
Cura a base di candeggina, incriminato il santone
Mark Grenon, assieme ai figli, avrebbe venduto un preparato in grado di curare i malati di coronavirus.
ITALIA
14 ore
Una «chat dell'orrore» con violenze e mutilazioni: venti minori coinvolti
Sui telefonini dei giovani anche filmati pedofili e immagini di suicidi e decapitazioni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile