Deposit
REGNO UNITO/CANTONE
04.07.19 - 06:000

L’ospedale posticipa due volte l’intervento «perché sieropositiva»

È accaduto a Bristol. Il Prof. Enos Bernasconi dell'ORL: «È uno scandalo. In Svizzera un fatto del genere non si verificherebbe mai»

BRISTOL/LUGANO - Il Southmead Hospital di Bristol ha posticipato un intervento chirurgico a cui doveva essere sottoposta una paziente sieropositiva poiché dopo il trattamento in sala operatoria sarebbe stata necessaria «una pulizia a fondo».

Il nosocomio britannico per cui ha pensato bene di collocare la paziente in fondo alla lista d’attesa. Non una, ma ben due volte.

L’ospedale, nel frattempo, si è scusato, ma tale politica non è passata assolutamente inosservata dai centri di prevenzione e dalle associazioni della città, che l’hanno definita, inevitabilmente, come riporta la Bbc, «discriminatoria».

La paziente, che vuole mantenere l’anonimato, ha spiegato di sentirsi «sporca, umiliata e arrabbiata».

Abbiamo parlato del caso con il Professor Enos Bernasconi, viceprimario del reparto Malattie infettive presso l'Ospedale Regionale di Lugano (ORL). 

Professore, come si sente di commentare quanto accaduto in Inghilterra?

Non c'è assolutamente nessuna ragione per posticipare un intervento. È uno scandalo, un'assurdità sotto ogni punto di vista. Sono esterrefatto. Anche perché il virus, come ben sappiamo, non sopravvive nell'ambiente, per cui non sono necessarie misure particolari che, peraltro, da quando l'HIV è stato scoperto negli anni Ottanta non sono più messe in atto. E non da ultimo, dobbiamo anche considerare che le persone trattate con farmaci antivirali non sono più contagiose...

D'altra parte, le sale operatorie vengono pulite e disinfettate alla perfezione dopo ogni intervento...

Assolutamente, a prescindere da tutto... 

Un retaggio storico quanto vissuto dalla donna di Bristol, quindi...

Direi proprio di sì. In Svizzera un fatto del genere non si verificherebbe mai. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
ITALIA
2 ore
Code alle casse e scaffali vuoti: è l’onda del coronavirus
A Milano e in altre città lombarde la gente sta facendo scorta di cibo e di disinfettanti. I carrelli sono pieni
ITALIA
3 ore
Italia terza al mondo per numero di contagi
«Prima o poi bisognerà controllare le frontiere se l'epidemia diventa fuori controllo» ha precisato Marine Le Pen
FOTO E VIDEO
ITALIA
5 ore
«Qui a Codogno abbiamo paura, ma vince la solidarietà»
La testimonianza di un'abitante del comune del Lodigiano, isolato per i prossimi 14 giorni: «È una situazione pesante»
ITALIA
6 ore
C'è una terza vittima del coronavirus. Un contagio a Milano
La paziente era ricoverata in oncologia a Crema. Italia terza al mondo per i contagi
ARABIA SAUDITA
7 ore
Coronavirus: G20 pronto a misure per limitare l'impatto economico
«La ripresa globale resta debole e i rischi al ribasso sull'outlook persistono», fa notare l'organizzazione
ITALIA
10 ore
Il virus chiude la scuola e i carnevali, anche quello di Venezia
In Lombardia e Piemonte niente lezioni (nemmeno all'università), serrate le porte pure di musei e chiese
VIDEO
STATI UNITI
12 ore
Voleva andare nello spazio per dimostrare che la Terra fosse piatta: si schianta al suolo
Si è concluso in tragedia il lancio di Mike "Il Matto" Hughes: «Era il suo sogno»
ITALIA
13 ore
Coronavirus, il mistero dei contagi italiani
«Siamo preoccupati per il numero di contagi che non hanno un legame con viaggi dalla Cina o con persone già malate»
STATI UNITI
14 ore
Bernie Sanders re di Las Vegas sarà lui l'anti-Trump?
Dietro di lui, con un bel distacco, Joe Biden e Buttigieg, mentre Warren e Bloomberg sembrano ormai fuori dai giochi
ITALIA
15 ore
Ecco come si mette in quarantena una città intera
Posti di blocco, polizia ed esercito: così l'Italia vuole fermare il contagio da coronavirus
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile