Parco Nazionale
ITALIA
01.07.19 - 17:330

Parco nazionale d'Abruzzo: è morta a 30 anni l'orsa Yoga

Era diventata famosa alla fine degli anni '90 del secolo scorso per le scorribande nei paesi del Parco

L'AQUILA - È morta a 30 anni l'orsa Yoga, diventata famosa alla fine degli anni '90 del secolo scorso per le scorribande nei paesi del Parco nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise. Si tratta di «un'età assolutamente rilevante per un orso», scrive il Parco.

Dopo un lungo periodo nell'area faunistica di Villavallelonga (L'Aquila), dall'agosto 2017 era ospitata nel Centro Visite di Pescasseroli; sono stati i custodi a trovarla senza vita domenica mattina.

Nel 2018 l'orsa aveva subìto un importante intervento a causa di alcune ernie midollari alla colonna vertebrale che le stavano paralizzando gli arti posteriori; aveva poi ricominciato a camminare, ma aveva ovviamente problemi legati all'età. Ora nella sede di Teramo dell'Istituto Zooprofilattico di Abruzzo e Molise con l'autopsia sarà accertata la causa ultima di morte.

Yoga, ricorda una nota del Parco, cominciò da giovanissima a frequentare la Camosciara, in estate, cercando di rubacchiare cibo ai turisti pronti a fare un pic-nic. Con il tempo, però, divenne sempre più confidente, avvicinandosi ai campeggi. Finché un giorno arrivò a Opi (L'Aquila) durante la festa patronale, spaventando tutti coloro che erano in piazza; poco tempo dopo entrò nella cantina di una casa, a quel punto il Parco prese la decisione di ridurla in cattività.

«Una scelta dolorosa, ma necessaria a garantire l'incolumità delle persone e della stessa orsa, che se avesse continuato le incursioni poteva trovare la morte a causa di eventi accidentali legati all'uomo».

Yoga e Sandrino sono stati gli orsi più famosi del Parco, due ambasciatori della specie di orso bruno marsicano, che può arrivare a vivere 35-40 anni. Yoga ha rappresentato il primo, e finora unico, caso in cui l'Ente Parco ha ridotto in cattività un orso problematico; una scelta dettata da ragioni di opportunità oggettive, «da cui tanto abbiamo imparato e che ci hanno consentito di sviluppare procedure e metodi di gestione più utili e funzionali per mitigare il conflitto orso-uomo».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
«Bill Clinton era sull'isola privata di Epstein»
Lo afferma, in una docuserie che uscirà domani su Netflix, un dipendente del tycoon morto nel 2019
CANADA
4 ore
«La pandemia? È un ottimo momento per costruire un oleodotto»
Una ministra canadese non ha nascosto la propria soddisfazione per l'impossibilità di organizzare proteste.
STATI UNITI
5 ore
Troppe auto con le chiavi all'interno, e i furti s'impennano
Solo a New York questo tipo di reato è aumentato del 63%. Le forze dell'ordine ricordano di chiudere i veicoli
REGNO UNITO
5 ore
Crisi coronavirus: HSBC taglia oltre 35'000 posti di lavoro
Il piano di ristrutturazione del gruppo bancario potrebbe aumentare ancor di più il numero di licenziamenti
ITALIA
7 ore
Un guarito dal Covid-19 ogni tre avrà problemi respiratori cronici
Perché nei casi più gravi il virus può lasciare cicatrici sul polmone e danni irreversibili
ECUADOR
8 ore
Proteste e scontri violenti contro le misure del Governo
Sono migliaia le persone scese in piazza per manifestare contro le decisioni di Lenin Moreno
STATI UNITI
11 ore
LATAM Airlines: si spengono le luci in cabina
Si tratta della seconda compagnia aerea a presentare istanza di fallimento nel mese di maggio
AUSTRALIA
11 ore
Il fumo, il killer nascosto degli incendi boschivi
Il terribile impatto sulla salute causato dall'inalazione dei fumi ha toccato migliaia di persone
BANGLADESH / SVIZZERA
14 ore
«In molti in Svizzera si preoccupano per quelle operaie»
In Bangladesh, la pandemia ha evidenziato le pecche di un'industria dell'abbigliamento malata: «Dev'esserci una svolta».
MONDO
19 ore
La sanità scrive al G20
40 milioni di persone uniti in una lettera, la più grande mobilitazione della comunità sanitaria degli ultimi 5 anni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile