keystone-sda.ch/STF (JEROME FAVRE)
+ 19
CINA
01.07.19 - 16:400
Aggiornamento : 21:31

Hong Kong, la polizia ha ripreso il controllo del Parlamento

Allo scadere dell'ultimatum gli agenti sono entrati in azione lanciando lacrimogeni e caricando i manifestanti

PECHINO - I manifestanti hanno occupato l'aula del parlamento di Hong Kong, scrivendo slogan sui muri in legno con lo spray: sul podio, in base alle immagini circolate sui social media, è tornata a sventolare la vecchia bandiera coloniale britannica.

Diversi striscioni sono stati aperti nell'aula. «Nessuna violenta rivolta, solo un violento regime», recita uno tra i più grandi esposti, mentre ci sono più persone, tutte dotate di mascherine e caschi, che si stanno alternando in brevi discorsi al megafono.

Diversi graffiti sono attacchi diretti alla criticatissima governatrice Carrie Lam («Dimettiti») o al governo («ci ha costretto alla rivolta») o ancora contro Pechino e contro «il neo-colonialismo cinese».

In 550.000 al corteo contro la legge pro-Cina - Il corteo pacifico lanciato oggi da Civil Human Rights Front, il gruppo di attivisti alla base delle mobilitazioni di massa dei giorni scorsi, ha visto l'adesione di circa 550.000, secondo gli organizzatori. La polizia, invece, ha parlato di un picco di 190.000 persone, secondo i media locali.

Considerando le proteste del 9 e del 16 giugno, a manifestare ci sono state 3,7 milioni di persone su una popolazione totale di 7,4 milioni. Nel mirino sempre la legge sulle estradizioni in Cina. Oggi ricorre il 22/mo anniversario del ritorno di Hong Kong a Pechino.

Il governo accusa: «Usata violenza estrema» - Il governo di Hong Kong accusa in una dichiarazione i manifestanti che hanno occupato il Parlamento di aver usato "violenza estrema": i manifestanti «radicali hanno preso d'assalto il complesso del Consiglio legislativo con una violenza estrema. Questi manifestanti hanno messo seriamente a repentaglio la sicurezza degli agenti di polizia e il pubblico, atti così violenti sono inaccettabili per la società».

«Useremo la forza» - La polizia di Hong Kong ha lanciato un ultimatum in piena notte via Facebook ai manifestanti che hanno occupato il parlamento locale: «Andate via o aspettatevi l'uso della forza appropriata» in caso di resistenza. Lo scopo è "ripulire" l'edificio in poco tempo, nella speranza che ci sia una volontaria smobilitazione «nel più breve tempo possibile». I manifestanti hanno fatto irruzione nell'edificio intorno alle 21:00 locali (le 15:00 in Svizzera).

Sostegno incrollabile alla sua libertà - Il sostegno della Gran Bretagna a Hong Kong e alla sua libertà resta "incrollabile", a 22 anni dalla restituzione della ex colonia alla Cina. Lo scrive a caratteri cubitali Jeremy Hunt, ministro degli Esteri in carica di Londra e candidato premier in un tweet diffuso sullo sfondo della nuova protesta sfociata oggi nell'irruzione nel Parlamento.

«Nessuna violenza è accettabile - precisa Hunt - ma va preservato il diritto alla protesta pacifica esercitato entro la legge, come dimostrato oggi da centinaia di migliaia di persone coraggiose».

Carica della polizia davanti al Parlamento - La polizia di Hong Kong, alla mezzanotte locale, ha caricato i manifestanti e lanciato lacrimogeni davanti alla sede del Parlamento, occupato dai dimostranti.

La polizia ha alzato la bandiera nera segnalando l'arrivo dei lacrimogeni. I dimostranti, alcuni dei quali stanno usando l'acqua per mitigarne gli effetti, hanno risposto con il lancio di mattoni e ombrelli, a lungo usati nel corso della giornata.

Mentre gli agenti in tenuta antisommossa avanzano verso l'edificio, nell'aula prosegue la discussione «sulla continuazione dell'occupazione o sul ritiro strategico».
 
Ripreso il controllo del Parlamento - La polizia di Hong Kong ha ripreso il controllo del parlamento, occupato per oltre tre ore dai manifestanti. Lo riferiscono i media locali.

Oltre 50 feriti nelle proteste - Oltre cinquanta feriti: è il bilancio dell'ennesima giornata di tensione a Hong Kong, culminata con l'irruzione dei manifestanti nel parlamento e le cariche della polizia per disperderli.

Le cifre sono state fornite da fonti sanitarie locali, riporta il Guardian. In particolare 54 persone (38 uomini e 16 donne) sono state portate in ospedale. Tre di loro sono in gravi condizioni. Quasi tutti gli altri sono stati dimessi.
 
 

keystone-sda.ch/STF (JEROME FAVRE)
Guarda tutte le 23 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
5 min

Si amputa di netto la mano con l'affettatrice

Lawrence Cooper è stato sottoposto a un intervento conclusosi con successo

GERMANIA
59 min

Scontri tra manifestanti curdi e turchi, cinque feriti

Una marcia di protesta è degenerata a Herne, nella regione della Ruhr, a 25 chilometri da Dortmund

REGNO UNITO
1 ora

«Renda i bonus»: contestato l'ex Ceo di Thomas Cook

I deputati della commissione industria della Camera dei Comuni britannica hanno messo sotto torchio Peter Fankhauser

VIDEO
IRLANDA
3 ore

L'ultimo scherzo al funerale, il defunto dalla tomba: «Tiratemi fuori! Ma dove diavolo sono finito?»

I figli del veterano delle forze di difesa irlandesi Shay Bradley hanno diffuso il particolare saluto che il padre ha voluto fare ai suoi cari

STATI UNITI
6 ore

Pence andrà in Turchia «per mettere fine alla violenza»

Trump ha firmato un decreto con cui dà il via libera alle sanzioni Usa. Ankara: «Neutralizzati quasi 600 terroristi curdi»

STATI UNITI
7 ore

Le scuole del Maine danno gli avanzi ai porci

Una legge dello Stato lo consente. Il vantaggio è duplice: ridurre gli sprechi alimentari e i costi di smaltimento

VATICANO
15 ore

Il capo-sicurezza del Papa si è dimesso, ecco perché

Sullo sfondo una fuga di notizie, e uno scandalo su alcune operazioni finanziarie sospette

FRANCIA
18 ore

La ex di Lelandais vuole fare causa alla polizia

La donna dice di aver segnalato la pericolosità dell'uomo mesi prima dell'omicidio della piccola Maëlys

COREA DEL SUD
20 ore

Cantante pop trovata morta nella sua casa

Sulli, al secolo Choi Jin-ri, aveva 25 anni

TUNISIA
22 ore

Turista francese ucciso al grido di Allahu Akhbar

L'aggressore, in fuga, sarebbe noto alle forze dell'ordine

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile