Keystone
ITALIA
29.06.19 - 18:080

Professore nega la Shoah davanti agli studenti

L'insegnante aveva anche inviato dei video negazionisti ad un'allieva su Messenger

PALERMO - Altro che forni crematori, camere della morte e lavori forzati. Ad Auschwitz, a Dachau e negli altri campi gli ebrei si divertivano: avevano a disposizione persino delle piscine per il relax. L'Olocausto? Fantasie. Primo Levi? «Solo una testa di c... e un cog...». Parole e ricostruzioni che un professore italiano avrebbe fatto ai propri alunni; alcuni studenti hanno raccontato tutto a un altro insegnante, che a sua volta ne ha discusso col dirigente scolastico.

E così Gino Giannetti, professore di discipline plastiche al liceo artistico "Eustachio Catalano" a Palermo, è finito al centro di una indagine della Procura, che ha affidato alla Divisione investigazioni generali e operazioni speciali (Digos) il compito di accertare se l'insegnante abbia commesso il reato di "negazionismo".

A rivolgersi agli inquirenti è stato il preside Maurizio Cusumano, che ha consegnato una relazione all'ufficio scolastico provinciale col materiale raccolto tra cui conversazioni nella chat di Messenger che l'insegnante usava per inviare a una studentessa dei link con foto e video negazionisti della Shoah. Il docente inoltre avrebbe invitato i suoi studenti a iscriversi a Forza Nuova, il movimento di estrema destra.

Da tre anni il negazionismo in Italia è reato: il comma 3 bis introdotto nella legge Mancino, che nel 1975 ratificò la convenzione internazionale sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, prevede pene da due a sei anni di reclusione «se la propaganda ovvero l'istigazione e l'incitamento, commessi in modo che derivi concreto pericolo di diffusione, si fondano in tutto o in parte sulla negazione della Shoah o dei crimini di genocidio, dei crimini contro l'umanità e dei crimini di guerra».

Sempre il tema degli ebrei, ma per motivi diametralmente opposti, era stato al centro del "caso" della prof. Rosa Maria Dell'Aria, che il 12 maggio fu sospesa per due settimane e con lo stipendio dimezzato. In quel caso, per il dirigente dell'ufficio scolastico di Palermo, che prese il provvedimento suscitando una vasta indignazione dal nord al sud del Paese, l'insegnate dell'Istituto tecnico Vittorio Emanuele III fu colpevole di non avere vigilato sull'elaborato di un gruppetto di suoi studenti che in un power point accostarono le leggi razziali del '39 al decreto sicurezza sui migranti. Tante le voci a favore della prof: il ministro italiano della Pubblica Istruzione Marco Bussetti e il capo del Viminale Matteo Salvini vollero incontrare l'insegnate a Palermo, nel giorno della commemorazione per l'anniversario della strage di Capaci, per esprimerle vicinanza criticando il provvedimento di sospensione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
Teorie sul vaccino, Bill Gates: «Stupide e assurde»
Il magnate ha detto che è difficile negare le teorie di cospirazione che lo coinvolgono perché troppo «stupide»
MONDO
4 ore
A sostegno del petrolio, proseguono i tagli alla produzione
L'Opec+ ha deciso di prorogare i tagli per tutto il mese di luglio
SPAGNA
5 ore
Si torna in discoteca, ma senza ballare
Nella Fase 3, che partirà lunedì in alcune regioni spagnole, le discoteche potranno riaprire: ma niente pista da ballo
GERMANIA
7 ore
Abuso su minori shock: 11 arresti
Tra le vittime sono stati identificati tre bambini di 5,10 e 12 anni
EUROPA
9 ore
L'ombra del razzismo aleggia anche in Europa
Il 30% delle persone di colore intervistate ha dichiarato di essere stato vittima di razzismo
BRASILE
10 ore
Bimbo nero precipita da un grattacielo, proteste in Brasile
Il bambino di una collaboratrice domestica era stato affidato alla padrona di casa
PORTOGALLO
11 ore
Maddie: sospetti su un terzo bambino
S'indaga su una sparizione avvenuta in Portogallo nel 1996. Potrebbe avere lo stesso colpevole
BRASILE
14 ore
L'OMS rischia di perdere un altro pezzo
Il presidente brasiliano Bolsonaro sembra voler seguire le orme di Trump
STATI UNITI
15 ore
E ora spunta un nuovo Floyd
Si chiama Manuel Ellis, ed è stato ucciso da un poliziotto in un modo molto simile. Il video sciocca l'America
GERMANIA
1 gior
Maddie non sarebbe la sola vittima dell'orco
Nel 2015 Inga, una bimba di soli cinque anni, è scomparsa durante una gita con i genitori nel bosco di Stendall.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile