Keystone
ITALIA
29.06.19 - 18:080

Professore nega la Shoah davanti agli studenti

L'insegnante aveva anche inviato dei video negazionisti ad un'allieva su Messenger

PALERMO - Altro che forni crematori, camere della morte e lavori forzati. Ad Auschwitz, a Dachau e negli altri campi gli ebrei si divertivano: avevano a disposizione persino delle piscine per il relax. L'Olocausto? Fantasie. Primo Levi? «Solo una testa di c... e un cog...». Parole e ricostruzioni che un professore italiano avrebbe fatto ai propri alunni; alcuni studenti hanno raccontato tutto a un altro insegnante, che a sua volta ne ha discusso col dirigente scolastico.

E così Gino Giannetti, professore di discipline plastiche al liceo artistico "Eustachio Catalano" a Palermo, è finito al centro di una indagine della Procura, che ha affidato alla Divisione investigazioni generali e operazioni speciali (Digos) il compito di accertare se l'insegnante abbia commesso il reato di "negazionismo".

A rivolgersi agli inquirenti è stato il preside Maurizio Cusumano, che ha consegnato una relazione all'ufficio scolastico provinciale col materiale raccolto tra cui conversazioni nella chat di Messenger che l'insegnante usava per inviare a una studentessa dei link con foto e video negazionisti della Shoah. Il docente inoltre avrebbe invitato i suoi studenti a iscriversi a Forza Nuova, il movimento di estrema destra.

Da tre anni il negazionismo in Italia è reato: il comma 3 bis introdotto nella legge Mancino, che nel 1975 ratificò la convenzione internazionale sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, prevede pene da due a sei anni di reclusione «se la propaganda ovvero l'istigazione e l'incitamento, commessi in modo che derivi concreto pericolo di diffusione, si fondano in tutto o in parte sulla negazione della Shoah o dei crimini di genocidio, dei crimini contro l'umanità e dei crimini di guerra».

Sempre il tema degli ebrei, ma per motivi diametralmente opposti, era stato al centro del "caso" della prof. Rosa Maria Dell'Aria, che il 12 maggio fu sospesa per due settimane e con lo stipendio dimezzato. In quel caso, per il dirigente dell'ufficio scolastico di Palermo, che prese il provvedimento suscitando una vasta indignazione dal nord al sud del Paese, l'insegnate dell'Istituto tecnico Vittorio Emanuele III fu colpevole di non avere vigilato sull'elaborato di un gruppetto di suoi studenti che in un power point accostarono le leggi razziali del '39 al decreto sicurezza sui migranti. Tante le voci a favore della prof: il ministro italiano della Pubblica Istruzione Marco Bussetti e il capo del Viminale Matteo Salvini vollero incontrare l'insegnate a Palermo, nel giorno della commemorazione per l'anniversario della strage di Capaci, per esprimerle vicinanza criticando il provvedimento di sospensione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
36 min
Hong Kong: la polizia arresta due studenti tedeschi
I due sono nell'ex colonia per uno scambio di studi con la Lingnan University. A entrambi è stata concessa l'assistenza consolare
STATI UNITI
1 ora
Ex ambasciatrice Usa: «Mi sentii minacciata da Trump». Lui twitta
Lo sdegno per le intimidazioni in diretta da parte del presidente americano è bipartisan
REGNO UNITO
3 ore
Caso Epstein: il principe Andrea replica alle accuse
Il duca di York si è sottoposto a un'intervista che andrà in onda domani sera sulla Bbc
ROMANIA
6 ore
Mafia del legno: aggredita troupe di Netflix
L'episodio è accaduto qualche settimana fa durante le riprese, ma è stato raccontato alla stampa solo in questi giorni da Gabriel Paun
FRANCIA
8 ore
Ceva Logistics, aperta la sede centrale a Marsiglia
L'azienda è stata acquisita dall'armatore francese CMA CGM
VIDEO
ITALIA
8 ore
Venezia: raggiunti i 154 cm
Alto il valore anche a Burano dove la marea ha raggiunto i 149 centimetri e a Chioggia con 146
AUSTRALIA
11 ore
Atterrato a Sydney il primo volo non-stop da Londra
Un viaggio record quello del Boeing 787-9 per la durata ma anche per la distanza percorsa, 17'800 km
IRAN
12 ore
L'Iran raziona il petrolio e aumenta i prezzi
Le entrate serviranno per aumentare i sussidi ai bisognosi, stimati in 18 milioni di persone
STATI UNITI
13 ore
Minaccia di sparare ai suoi allievi: insegnante arrestata
La donna insegnava in una scuola media dello stato di Washington e ora si trova in congedo amministraivo
ITALIA
1 gior
Condannati a 12 anni i carabinieri che pestarono Cucchi: «Forse ora riposerà in pace»
Due militari sono stati riconosciuti colpevoli di omicidio preterintenzionale. La sentenza arriva a 10 anni dal decesso
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile