PAESI BASSI
05.06.19 - 14:190
Aggiornamento : 15:54

Non è stata eutanasia, Noa si è lasciata morire. Avviata un'ispezione sanitaria

La storia della 17enne olandese morta domenica dopo anni di sofferenze psichiche ha toccato il cuore di tutti

ARNHEM - Noa Pothoven, la 17enne olandese morta domenica dopo anni di sofferenze psichiche a seguito di due violenze subita da bambina, si è lasciata morire di fame e di sete. Non si è trattato di eutanasia. Emerge dai reportage del quotidiano olandese De Gelderlander - giornale di una cittadina nei pressi di Arnhem, la città di Noa - che ha seguito la storia dal dicembre 2018.

La notizia della morte della giovane era circolata ieri sui media di tutto il mondo e descritta come un caso di eutanasia legale. Come riporta il De Gelderlander, Noa, che soffriva di una grave forma di depressione, stress post-traumatico e anoressia, all'insaputa dei genitori aveva fatto richiesta alla clinica Levenseind dell'Aja per ottenere l'eutanasia. Ma il consenso non le era mai stato dato.

«Pensano che sia molto giovane, che debba finire il trattamento psicologico e attendere fino a quando il mio cervello sarà completamente sviluppato. Non succederà fino all'età di 21 anni. Sono devastata perché non posso aspettare così a lungo», aveva raccontato Noa al reporter olandese Paul Bolwerk che oggi ha confermato la sua versione.

La famiglia della 17enne aveva provato ad aiutarla con una serie di trattamenti psichiatrici e venti ricoveri ospedalieri. Dopo alcuni tentativi di suicidio della ragazza, i genitori avevano fatto richiesta per una terapia elettroshock, rifiutata a causa della sua giovane età. Nelle ultime settimane Noa aveva espresso il desiderio di non essere sottoposta a ulteriori trattamenti e aveva iniziato a rifiutare alimenti e liquidi.

Avviata un'ispezione sanitaria - Il ministero della Salute olandese ha avviato «un'ispezione sanitaria per verificare se è necessario aprire un'indagine» vera e propria sul caso della morte della 17enne. Lo ha detto all'agenzia di stampa italiana Ansa un portavoce del dicastero olandese.

L'ispezione, ha precisato il portavoce, non riguarda l'eutanasia, ma intende accertare «il tipo di cure ricevute da Noa e se ci sia stato qualche errore» nei trattamenti somministrati. Al termine di questa prima verifica, il ministero deciderà se procedere con un'indagine ufficiale.

L'ispezione sarà avviata la prossima settimana «per dare il tempo alla famiglia di tenere il funerale e rispettare il loro dolore in una situazione molto difficile», ha aggiunto il portavoce.

3 mesi fa Chiede e ottiene l'eutanasia dopo anni di sofferenze psichiche
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore

Walmart ferma la vendita di sigarette elettroniche

La decisione arriva nel mezzo di quella che viene considerata una vera e propria emergenza negli Stati Uniti, dopo otto decessi per complicazioni polmonari legati all'uso della e-cig

FOTO
STATI UNITI
6 ore

Almeno 4 morti nell'incidente di un bus turistico

Molti sarebbero i feriti in gravi condizioni

FRANCIA
10 ore

Shock in Francia, malati di Alzheimer usati come cavie

Sconcerto Oltralpe per la scoperta di sperimentazioni cliniche "selvagge" realizzate da medici privi di scrupoli in un'abbazia nei pressi di Poitiers

STATI UNITI
11 ore

Colt sospende la produzione di fucili AR-15 per i civili

Si concentrerà sull'adempimento solo dei contratti con l'esercito e le forze dell'ordine

STATI UNITI
15 ore

Area 51, è il giorno dell'invasione

L'evento-scherzo è stato annullato, ma qualcuno ci andrà. Su Facebook Matty Roberts aveva scritto: «Se corriamo come Naruto possiamo muoverci più velocemente delle loro pallottole»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile