Vigili del fuoco
+ 2
ITALIA
02.06.19 - 10:020
Aggiornamento : 14:38

Venezia: nave da crociera sperona battello turistico

Ferite quattro turiste tra i 67 e i 72 anni. Il sindaco: «Non è più pensabile che il Canale della Giudecca venga attraversato dalle grandi navi»

VENEZIA - Scontro tra una nave da crociera MSC e un lancione turistico stamane a Venezia.

Secondo le prime informazioni riportate dal Gazzettino, la MSC Opera stava transitando nel Canale della Giudecca trainata da due rimorchiatori quando, alle 8.36, è andata a collidere con la River Countess, ormeggiata al molo di San Basilio. I rimorchiatori non sarebbero riusciti a governare lo scarrocciamento della nave da crociera, ovvero lo spostamento laterale determinato dal vento. La causa, secondo il TG Regionale del Veneto, sarebbe la rottura del cavo d'acciaio di un rimorchiatore.

La nave ha colpito dapprima la banchina portuale, danneggiandola, ed ha poi proseguito per inerzia scontrandosi a una certa velocità con la poppa del battello. I vigili del fuoco sono impegnati nelle operazioni di messa in sicurezza.

Al momento dell'impatto, alcuni passeggeri del battello turistico sono caduti in acqua mentre tentavano di riguadagnare terra tramite una passerella. 

4 feriti - Sono quattro turiste straniere, di età tra i 67 e 72 anni, le persone rimaste ferite nell'incidente. Di queste, una donna americana è già stata dimessa dopo le cure al pronto soccorso.

Le altre tre - spiega la direzione dell'Unità sanitaria locale - sono una neozelandese e due australiane. Una di loro, una 67enne, è in condizioni un po' più serie, e viene valutata dai medici. Non sono gravi: hanno subito traumi ortopedici, cadendo o fuggendo a terra al momento dello scontro.

Gli appelli sui social - Sui social, intanto, si moltiplicano gli appelli perché non sia più consentito l'accesso in laguna o, almeno, nel canale della Giudecca alle grandi navi da crociera. Come riporta Repubblica, gli attivisti del comitato "No Grandi Navi" hanno organizzato una protesta sulla banchina.

«La Msc aveva un motore in avaria» - «La nave di Msc aveva un'avaria al motore, segnalata subito dal comandante. Il motore era bloccato, ma in spinta, perché la velocità aumentava, come confermano i tracciati Ais». Lo dice all'ANSA Davide Calderan, presidente della "Rimorchiatori Uniti Panfido", la società che con due imbarcazioni stava guidando la 'Opera' all'arrivo in marittima, prima dell'incidente. I due rimorchiatori hanno cercato di fermare il 'gigante', fino a quando un cavo di traino si è rotto, tranciato dall'impatto con il battello fluviale.

"No Grandi Navi": «Fuori dalla laguna subito!» - Il comitato "No Grandi Navi", da anni impegnato per il divieto di ingresso delle navi da crociera nella laguna di Venezia, ha commentato su Twitter: «Non c'è nessuna sicurezza. Fuori le grandi navi dalla laguna subito!».

Il sindaco: «Chiediamo l’apertura del canale Vittorio Emanuele» - Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, su Twitter: «Non è più pensabile che il Canale della Giudecca venga attraversato dalle #GrandiNavi: chiediamo immediatamente l’apertura del Vittorio Emanuele». «Ho sentito il ministro Toninelli - ha aggiunto -: è aggiornato sulla situazione e sta cercando soluzioni che adesso aspetteremo. Adesso urgentemente dobbiamo far sì che le navi non passino più davanti a San Marco».

Il ministro dei Trasporti Toninelli: «Le grandi navi non devono più passare dalla Giudecca» - «L'incidente di oggi al porto di Venezia dimostra che le grandi navi non devono più passare dalla Giudecca. Dopo tanti anni di inerzia, finalmente siamo vicini ad una soluzione definitiva per tutelare sia la laguna che il turismo». Così su Twitter il ministro italiano delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli.


 

 

Vigili del fuoco
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
7 min
Weinstein, accordo da 25 milioni con le accusatrici
Il patteggiamento extra-giudiziario riguarda decine di presunte vittime dell'ex produttore che lo hanno denunciato civilmente per molestie e stupri
SPAGNA
1 ora
Riscaldamento globale: «Con +2°C rimarrebbero solo l'Himalaya e i Poli»
A mettere in guardia rispetto al raggiungimento del valore limite fissato dall'Accordo di Parigi è un gruppo di scienziati della criosfera
REGNO UNITO
11 ore
Il Regno Unito decide, Johnson a un passo dal trionfo
La campagna elettorale per il voto si è chiusa, scatta il conto alla rovescia. La promessa del consevatore: portare a termine la Brexit
FRANCIA
13 ore
Renault: il Cda sceglie Luca De Meo per la direzione generale
Per un effettivo trasferimento del cinquantaduenne milanese a Parigi restano ancora alcuni ostacoli
VIDEO
STATI UNITI
15 ore
Piccioni con il cappellino da cowboy
Sono stati avvistati a Las Vegas. Un'organizzazione sta cercando informazioni per aiutarli
STATI UNITI
15 ore
Ceo: 2019 verso il record di addii
Dall'inizio dell'anno hanno salutato le loro società 1480 amministratori delegati
MONDO
17 ore
Greta Thunberg è la "Persona dell'anno" di Time
È la più giovane ad aver ottenuto il riconoscimento
VIDEO
ITALIA
17 ore
Quadro di Klimt ritrovato, s'indaga per ricettazione
La tela è sotto sequestro in attesa di analisi tecniche e perizie
GERMANIA
19 ore
Porsche ha assunto 2000 persone per la Taycan
Il nuovo modello, sviluppato dal 2015, ha venduto oltre 10mila esemplari. E l'anno prossimo il gruppo punta a raddoppiare il risultato
NUOVA ZELANDA
19 ore
White Island, recuperare i corpi ora sarebbe troppo pericoloso
Ci sono alte possibilità di una nuova esplosione nelle prossime 24 ore
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile