Deposit Photos
AUSTRALIA
31.05.19 - 12:330

Riconoscimento facciale contro i furbetti agli esami

La tecnologia è stata sperimentata con successo in alcune università australiane

SIDNEY - Alcune università australiane stanno sperimentando con successo una tecnologia di riconoscimento facciale per individuare gli studenti che pagano dei sostituti per sostenere i loro esami.

Due compagnie di tecnologia dell’informazione, NEC Australia e Genix Ventures, hanno sviluppato e introdotto un software che crea profili biometrici degli studenti e li confronta con foto prese durante gli esami. Il sistema può verificare le loro identità e monitorarli a mezzo webcam per assicurare che non vi siano sostituzioni di persona.

«È spesso difficile per gli esaminatori distinguere fra gli studenti guardando la foto di un documento e sapere se la persona che siede di fronte è la stessa», spiega il Ceo di Genix Ventures, Steve Godinho, al Sydney Morning Herald. «Uno studente può aver fatto crescere la barba e inoltre dei familiari stretti possono essere difficili da distinguere. La tecnologia del riconoscimento facciale può ovviare a tutto questo», aggiunge.

La tecnologia è già in uso negli esami del Cambridge Boxhill Language Assessment, che amministra esami di lingua inglese per professionisti stranieri che vogliono lavorare in Australia. È stata anche sperimentata su circa 100 studenti di un'istituzione terziaria di Melbourne che Godinho non ha identificato.

Nella sperimentazione un membro dello staff dell'università prendeva foto degli studenti che entravano nell'aula di esame e poi le confrontava con un software che le confrontava con foto acquisite al tempo dell'iscrizione. La tecnologia può anche essere usata in modalità remota a mezzo di webcam.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
25 min
Google Play Music chiuderà i battenti a ottobre
Gli utenti avranno tempo fino a dicembre per trasferire le proprie librerie musicali su YouTube Music o altrove
LIBANO
29 min
«Da solo il Libano non ce la fa, distruzione e desolazione ovunque»
Bechara Boutros Raï invoca l'aiuto del mondo. Il Paese è già piegato: «Vi abbiamo regalato l'alfabeto».
LIBANO
2 ore
«Non c'era solo nitrato di ammonio»
La Ue attiva la protezione civile, Macron domani sarà in Libano
ITALIA
2 ore
Ryanair «viola le norme anti Covid-19»
Se la compagnia non porrà rimedio Enac imporrà «la sospensione di ogni attività di trasporto negli scali nazionali»
FOTO
LIBANO
4 ore
Beirut, un pericolo noto da oltre 6 anni
Il carico che ha alimentato la devastante esplosione si trovava nell'hangar dal settembre del 2013
REGNO UNITO
5 ore
Le fa la proposta... bruciando casa
Un uomo di Sheffield ha esagerato con le candele per realizzare una proposta di matrimonio
FOTO E VIDEO
LIBANO
6 ore
Beirut, il giorno dopo: «Vivi per miracolo»
Fonti della Difesa Usa smentiscono Trump e affermano che al momento non ci sono elementi per parlare di attentato
GIAPPONE
6 ore
L'oro sale sempre più su
In un anno le quotazioni sono salite del 33%
STATI UNITI
7 ore
Istanza di bancarotta per Virgin Atlantic negli Usa
La società aveva ricevuto il mese scorso 1,5 miliardi di dollari di aiuti per mantenere la solvibilità
FOTO
LIBANO
8 ore
Esplosione a Beirut: oltre 100 morti. «Abbandonate la città»
A causare il disastro sarebbe stato un incendio in un deposito dove erano stipate 2'750 tonnellate di nitrato di ammonio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile