Keystone
Si tratta di un piccolo arcipelago nell'Oceano Indiano a sud delle Maldive.
REGNO UNITO
23.05.19 - 07:550

«Restituite le isole Chagos»

Le Nazione Unite chiedono alla Gran Bretagna di intervenire entro sei mesi

LONDRA - La Gran Bretagna restituisca entro sei mesi a Mauritius le isole Chagos, un piccolo arcipelago nell'Oceano Indiano a sud delle Maldive dove ha sede fra l'altro una base americana: è quanto chiede una risoluzione approvata dalle Nazioni Unite, secondo quanto riferisce la Bbc citando fonti diplomatiche.

La risoluzione, comunque non vincolante per il Regno Unito, è stata approvata dall'assemblea generale a New York con i voti di 116 Stati a favore e solo sei contrari. Cinquantasei Stati, tra cui Francia e Germania, si sono astenuti.

Il rappresentante di Mauritius ha ricordato di aver dovuto cedere quel territorio, ora britannico, nel 1965 in cambio dell'indipendenza del Paese. Il foreign office, da parte sua, ha affermato di non riconoscere la sovranità di Mauritius sulle Chagos, ma si è detto disposto ad impegnarsi a restituirle «quando non saranno più necessarie a scopi di difesa». Una posizione condivisa con Stati Uniti, Ungheria, Israele, Australia e dalle Maldive.

La risoluzione è stata messa ai voti pochi mesi dopo una raccomandazione dell'alta corte di Giustizia che invitava la Gran Bretagna a lasciare le isole il «prima possibile». Una posizione supportata con forza da ex colonie come l'India, ma che per Regno Unito e Stati Uniti rappresenterebbe 'un preoccupante precedente' in altri conflitti territoriali.

La Gran Bretagna ha acquistato le isole Chagos da Mauritius nel 1965 per tre milioni di sterline, creando una regione chiamata Territorio britannico dell'Oceano Indiano. Tra il 1967 e il 1973 ha evacuato l'intera popolazione per fare spazio alla base militare angloamericana, tuttora presente sull'isola Diego Garcia. Da lì si sono alzati in volo alcuni degli aerei statunitensi che hanno bombardato l'Afghanistan e l'Iraq. La struttura, secondo indiscrezioni riportate dalla Bbc, verrebbe anche usata per interrogare sospetti di terrorismo. Nel 2016 la concessione per la base è stata estesa a tutto il 2036.

Prima del voto all'Onu, il premier mauriziano Pravid Kumar Jug-Nauth ha perorato la causa degli ex abitanti dell'arcipelago, sostenendo che l'evacuazione forzata è stata «un crimine contro l'umanità». Se le Chagos fossero restituite a Mauritius, il governo manterrebbe la base militare - ha detto - ma perchè operi «nel rispetto delle leggi internazionali».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
27 min
Industria aerea, perdite fino a 29 miliardi causa coronavirus
È la previsione dell'International Air Transport Association (IATA), che conferma che la priorità è contenere il virus
STATI UNITI
2 ore
7 milioni al giorno per conquistare la Casa Bianca
Nel mese di gennaio il candidato democratico alla presidenza ha sborsato 220 milioni di dollari.
ITALIA
2 ore
Altri otto casi di coronavirus in Lombardia
Si tratta di pazienti e personale dell'ospedale di Codogno
REGNO UNITO
3 ore
Huawei si lancia sul 5G e si aggiudica 91 contratti commerciali
La società cinese ha lanciato i nuovi prodotti e le nuove soluzioni legati alla tecnologia di quinta generazione
ITALIA
4 ore
Tre cittadine chiuse per coronavirus
Nella prima località annullati gli eventi e stop a bar, ristoranti e discoteche. Due casi in Veneto
CINA
4 ore
Coronavirus: in corso cinque approcci per trovare un vaccino
I ricercatori cinesi stanno lavorando su più fronti: «È una corsa contro il tempo»
GERMANIA
7 ore
L'attentatore di Hanau aveva una grave malattia mentale
Il Ministro dell'interno tedesco Horst Seehofer ha confermato il movente dell'attacco di ieri.
ITALIA
7 ore
Coronavirus, i casi in Lombardia salgono a sei
Il primo contagiato «sta meglio di ieri sera» e anche la situazione della moglie «è positiva».
TURCHIA
8 ore
Aereo fuori pista: il secondo pilota avrebbe un tumore al cervello
Potrebbe essere stato un malore a causare l'incidente avvenuto a Istanbul il 5 febbraio
ITALIA
10 ore
Coronavirus in Lombardia: altri due casi, scatta la quarantena
Oltre 70 persone sono entrate in contatto con il 38enne lodigiano. Ricoverata anche la moglie.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile