Keystone
+4
FRANCIA
24.04.19 - 11:310
Aggiornamento : 17:37

Notre Dame: gli operai hanno fumato sulle impalcature

Sono state montate strutture provvisorie per proteggere la cattedrale. L'azienda Le Bras Frères respinge ogni responsabilità

PARIGI - A una settimana dal rogo che ha devastato Notre Dame, la cattedrale è stata ricoperta di teli e sostegni per evitare ulteriori danneggiamenti dovuti alla pioggia prevista per questi giorni. Sono state chiuse le voragini nel tetto e messe in sicurezza le parti pericolanti. Molte statue sono state portate in altri luoghi. La paura maggiore è che il peso dell’acqua porti a nuovi crolli.

Le previsioni meteorologiche non sono delle migliori. Per questo è stato necessario intervenire con la massima velocità, anche grazie all'intervento di scalatori esperti. «La priorità è impermeabilizzare la cattedrale», ha spiegato l’architetto capo dei restauri, Philippe Villeneuve, a BFMTV.

Soluzioni provvisorie - Queste soluzioni sono ovviamente provvisorie. Fin dalle prime ore si è parlato di costruire un ombrello permanente che permetterà di mettere in salvo la struttura durante gli anni che serviranno a riportare uno dei più importanti simboli di Parigi al suo splendore. Il presidente Emmanuel Macron ha fissato l'obiettivo di completare la ricostruzione della cattedrale entro cinque anni. Un’ipotesi troppo ottimistica per molti esperti.

Per quanto riguarda i lavori interni «inizieremo con il coro e poi con la navata», ha spiegato ad AFP l'addetto alla comunicazione di Notre Dame, Andre Finot. Secondo vari architetti, la fase di preparazione al lavoro effettivo dovrebbe essere la più lunga e più complessa fra analisi, valutazione delle competenze e messa in sicurezza. In un secondo momento, le moderne tecnologie dovrebbero consentire di completare il progetto abbastanza rapidamente.

L'inchiesta continua - Per quanto riguarda l'inchiesta l'ipotesi più accreditata è sempre quella dell'incidente. Nelle ultime ore, i dipendenti dell'azienda che ha montato le impalcature attorno alla guglia hanno ammesso di aver fumato sulle impalcature. Il fatto è «deplorevole, ma non collegato all'incendio», ha spiegato il portavoce della Le Bras Frères, Marc Eskenazi. «È fuori questione che le fiamme siano partite anche dagli ascensori».

 

Keystone
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Attacco hacker, Zingaretti: «La situazione è molto seria e molto grave»
I dati della sanità laziale sono al sicuro, spiega il presidente. «Respinto un secondo attacco» la scorsa notte
FOTO
LITUANIA
2 ore
Come mai in Lituania in questi mesi sta arrivando un incredibile numero di migranti
Da 70 all'anno a 2'700 in un mese, il perché di una crisi che per Vilnius (e l'UE) è tutta colpa della Bielorussia
FOTO
GIAPPONE
9 ore
La velocista bielorussa che è scappata dal suo team e ha cercato asilo politico
La 24enne aveva criticato sui social lo staff (parlando anche di doping) e stava per essere rimpatriata in via coatta.
MONDO
10 ore
Il bikini della discordia
Sportive e abbigliamento succinto: ora c'è chi dice no
ITALIA
1 gior
Pescara in fiamme, bagnanti in fuga dalle spiagge
Il forte vento alimenta il rogo, centinaia di persone evacuate
FOTO
FRANCIA / GERMANIA
1 gior
Un fine settimana di manifestazioni contro l'obbligo vaccinale
76 gli arresti sabato in Francia, oggi a Berlino tensione tra dimostranti e polizia
ITALIA
1 gior
Oltre 800 incendi nel fine settimana italiano
Per contrastare le fiamme in Sicilia sono al momento impegnati 806 uomini
STATI UNITI
1 gior
«I CDC hanno perso credibilità»
Il cambio di rotta dell'organo sanitario ha riacceso un forte dibattito, soprattutto in Georgia, Texas e Florida
GRECIA
1 gior
Otto feriti e venti case distrutte
Cinque villaggi evacuati nella regione di Patrasso, in Grecia. Le fiamme continuano ad avanzare
LE IMMAGINI
EUROPA
1 gior
Dove non piove, brucia: fiamme in Turchia, Grecia, Italia
L'Europa mediterranea nella stretta dei roghi: le alte temperature non danno tregua ai pompieri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile