Keystone, archivio
STATI UNITI
23.04.19 - 17:250

Fa causa a Apple: chiede 1 miliardo per il suo arresto

Ousmane Bah accusa il sistema di riconoscimento facciale di Apple per averlo fatto erroneamente collegare a una serie di furti nei negozi di Cupertino

NEW YORK - Un ragazzo di 18 anni fa causa ad Apple e chiede 1 miliardo di dollari. Il teenager, Ousmane Bah, accusa il sistema di riconoscimento facciale di Apple per averlo fatto erroneamente collegare a una serie di furti nei negozi di Cupertino. Lo riporta il Washington Post.

Bah è stato arrestato in novembre e il mandato di cattura includeva la foto di un'altra persona: gli agenti del New York Police Department hanno concluso che il ladro catturato dalle telecamere di sorveglianza del negozio non sembrava neanche lontanamente Bah.

Nell'azione legale vengono citati gli agenti e si sostiene che Apple abbia usato la sua tecnologia di riconoscimento facciale per identificare taccheggiatori.

Bah ammette di aver perso di recente il patentino, che comunque non aveva alcuna sua foto. Il legale di Bah spiega che il documento è stato probabilmente presentato dal suo assistito in un negozio Apple come prova di identità, e che il nome di Bah è stato associato per errore al volto di un ladro nei sistemi di sicurezza della società.

Questo significa che ogni volta che il taccheggiatore entra in un negozio Apple viene registrato con il nome di Bah nei sistemi di sorveglianza di Apple.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora

Tanto vento: in Germania è boom di energia elettrica da rinnovabili

Toccato il 44%. Tuttavia, non c'è da stare allegri: «È solo un'istantanea, se continuiamo così mancheremo gli obiettivi»

RUSSIA
2 ore

Un cittadino su 10 è stato torturato dalla polizia

Lo riporta un sondaggio dell'istituto demoscopico indipendente Levada Center

FOTO
GERMANIA
3 ore

Nudo in scooter: «Ma fa caldo, no?»

Simpatico intervento dei poliziotti del Brandeburgo che hanno chiesto invano all'uomo di indossare almeno i pantaloni

SVIZZERA
4 ore

Nestlé: arriva l'etichetta a "semaforo" Nutri-Score

Si comincerà da Francia, Belgio e Svizzera, dove le autorità sanitarie nazionali già raccomandano il bollino

GERMANIA
4 ore

Zalando punta a essere una piattaforma globale per incrementare le vendite

La società intende diventare un marketplace superando l'attuale modello in cui acquista vestiti da produttori di marchi e li vende per conto proprio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report