Keystone, archivio
STATI UNITI
23.04.19 - 17:250

Fa causa a Apple: chiede 1 miliardo per il suo arresto

Ousmane Bah accusa il sistema di riconoscimento facciale di Apple per averlo fatto erroneamente collegare a una serie di furti nei negozi di Cupertino

NEW YORK - Un ragazzo di 18 anni fa causa ad Apple e chiede 1 miliardo di dollari. Il teenager, Ousmane Bah, accusa il sistema di riconoscimento facciale di Apple per averlo fatto erroneamente collegare a una serie di furti nei negozi di Cupertino. Lo riporta il Washington Post.

Bah è stato arrestato in novembre e il mandato di cattura includeva la foto di un'altra persona: gli agenti del New York Police Department hanno concluso che il ladro catturato dalle telecamere di sorveglianza del negozio non sembrava neanche lontanamente Bah.

Nell'azione legale vengono citati gli agenti e si sostiene che Apple abbia usato la sua tecnologia di riconoscimento facciale per identificare taccheggiatori.

Bah ammette di aver perso di recente il patentino, che comunque non aveva alcuna sua foto. Il legale di Bah spiega che il documento è stato probabilmente presentato dal suo assistito in un negozio Apple come prova di identità, e che il nome di Bah è stato associato per errore al volto di un ladro nei sistemi di sicurezza della società.

Questo significa che ogni volta che il taccheggiatore entra in un negozio Apple viene registrato con il nome di Bah nei sistemi di sorveglianza di Apple.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
2 ore

Esplosione durante un matrimonio, decine di vittime

Si sarebbe trattato di un attentato suicida

STATI UNITI
3 ore

Greta, quarto giorno di navigazione: «Niente mal di mare»

L'attivista sedicenne sta viaggiando verso gli Stati Uniti

ITALIA
4 ore

Il M5s chiude a Salvini, Conte decisivo il 20 al Senato

sarà il premier a decidere come e quando muovere il primo passo, avviare alla crisi in seguito a un voto parlamentare o recandosi direttamente al Colle per rimettere il suo mandato

ARGENTINA
6 ore

Sale il rischio default

L'incertezza politica è costata al rating sovrano del Paese sudamericano un doppio downgrade

STATI UNITI
6 ore

Nike sotto pressione, rivede le politiche sulle atlete in maternità

I loro compensi e i loro bonus non potranno essere ridotti in caso di gravidanza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile