Keystone
L'ingresso di Tarrant in tribunale
NUOVA ZELANDA
16.03.19 - 08:190
Aggiornamento : 11:40

Tarrant in aula fa il gesto dei suprematisti

Nel frattempo sono state identificate le prime vittime della strage

WELLINGTON - Pochi minuti dopo il suo ingresso oggi in tribunale Brenton Tarrant, il 28enne australiano accusato dell'attacco nelle due moschee di Christchurch, ha fatto 'ok' con la mano, un gesto utilizzato dai suprematisti bianchi e dai troll razzisti su internet. Lo indica il New Zealand Herald pubblicando una foto.

Intanto dopo le dichiarazioni della premier neozelandese Jacinda Ardern sull'intenzione di rivedere la legislazione sulle armi, il procuratore generale David Parker ha chiarito che «non è stata presa ancora nessuna decisione in merito al bando delle armi semi-automatiche».

Identificate due vittime - Sono state identificate due delle 49 vittime dell'attentato a due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda. Si tratta di Haji Daoud Nabi, un afghano emigrato nel Paese con i suoi due figli nel 1977, e Khaled Mustafa, un rifugiato siriano che invece era arrivato con la famiglia solo qualche mese fa.

Il nome di Haji è stato rivelato ai media da uno dei figli, Yama Nabi, che avrebbe dovuto partecipare alla preghiera del Venerdì con il padre ma è arrivato dieci minuti dopo di lui e ha trovato la moschea sotto attacco.

Intanto le autorità sanitarie di Christchurch hanno fatto sapere che sette feriti sono stati dimessi dall'ospedale, altri 39 stanno ricevendo le cure necessarie per ferite da arme da fuoco e 11 sono ancora in terapia intensiva.

Pista balcanica - Si parla di "pista balcanica" nell'attacco terroristico di ieri compiuto dal giovane Brenton Tarrant. Per questo, il premier bulgaro, Boyko Borissov, ha convocato ieri sera d'urgenza i dirigenti dei servizi speciali e della Procura della Repubblica.

«L'attentatore Brenton Tarrant ha visitato come turista siti storici legati al passato dei paesi dei Balcani e in particolare alle battaglie tra cristiani e ottomani», ha dichiarato il procuratore generale bulgaro Sotir Tsatsarov in una conferenza stampa dopo l'incontro.

Tsatsarov ha rilevato che Tarrant aveva visitato la regione dei Balcani per la prima volta nel 2016. «Dal 28 al 30 dicembre 2016 aveva effettuato un viaggio in Serbia attraversando il Montenegro, la Bosnia ed Erzegovina e la Croazia», ha precisato il procuratore generale bulgaro.

A suo dire, «il soggiorno di Tarrant in territorio bulgaro risale al periodo dal 9 al 15 novembre 2018. Era arrivato all'aeroporto di Sofia con un volo da Dubai», ha detto Sotir Tsatsarov. Il procuratore generale ha spiegato che il 10 novembre Tarrant aveva noleggiato un'automobile per visitare le città di Drianovo, Pleven, Veliko Tarnovo, Blagoevgrad, Plovdiv, Assenovgrad, Bachkovo, Kazanlak e Bansko, tutte collegate alla lotta, nella seconda metà del 19/mo secolo, per la liberazione della Bulgaria dalla dominazione ottomana.

Tsatsarov ha aggiunto che «il 15 novembre, con un volo della compagnia di bandiera romena, Tarrant era partito per Bucarest». «Nella capitale romena aveva noleggiato un'auto per proseguire verso l'Ungheria», ha concluso Tsatsarov.

A lungo anche in Turchia - Brenton Tarrant aveva trascorso «un lungo periodo di tempo» in Turchia. Lo riferisce una fonte ufficiale turca alla Cnn.

Ankara «sta investigando su movimenti e contatti del sospetto nel nostro Paese», ha sottolineato il funzionario precisando di credere che il killer sia stato anche in altri paesi dell'Europa, dell'Asia e dell'Africa.

Nel delirante manifesto razzista pubblicato su internet prima della strage, Tarrant augurava la morte al presidente turco Recep Tayyip Erdogan il quale ieri su Twitter ha condannato l'attacco definendolo «l'ultimo esempio di razzismo e islamofobia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
23 min
Industria aerea, perdite fino a 29 miliardi causa coronavirus
È la previsione dell'International Air Transport Association (IATA), che conferma che la priorità è contenere il virus
STATI UNITI
2 ore
7 milioni al giorno per conquistare la Casa Bianca
Nel mese di gennaio il candidato democratico alla presidenza ha sborsato 220 milioni di dollari.
ITALIA
2 ore
Altri otto casi di coronavirus in Lombardia
Si tratta di pazienti e personale dell'ospedale di Codogno
REGNO UNITO
3 ore
Huawei si lancia sul 5G e si aggiudica 91 contratti commerciali
La società cinese ha lanciato i nuovi prodotti e le nuove soluzioni legati alla tecnologia di quinta generazione
ITALIA
4 ore
Tre cittadine chiuse per coronavirus
Nella prima località annullati gli eventi e stop a bar, ristoranti e discoteche. Due casi in Veneto
CINA
4 ore
Coronavirus: in corso cinque approcci per trovare un vaccino
I ricercatori cinesi stanno lavorando su più fronti: «È una corsa contro il tempo»
GERMANIA
7 ore
L'attentatore di Hanau aveva una grave malattia mentale
Il Ministro dell'interno tedesco Horst Seehofer ha confermato il movente dell'attacco di ieri.
ITALIA
7 ore
Coronavirus, i casi in Lombardia salgono a sei
Il primo contagiato «sta meglio di ieri sera» e anche la situazione della moglie «è positiva».
TURCHIA
8 ore
Aereo fuori pista: il secondo pilota avrebbe un tumore al cervello
Potrebbe essere stato un malore a causare l'incidente avvenuto a Istanbul il 5 febbraio
ITALIA
10 ore
Coronavirus in Lombardia: altri due casi, scatta la quarantena
Oltre 70 persone sono entrate in contatto con il 38enne lodigiano. Ricoverata anche la moglie.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile