Keystone
STATI UNITI
12.03.19 - 17:530
Aggiornamento : 19:06

Mazzette per l'ingresso dei figli al college, coinvolti molti vip

Alcune delle più prestigiose università statunitensi sono state travolte dalla bufera

WASHINGTON - Bufera su alcune delle più prestigiose università Usa, da Yale a Stanford, travolte da un'inchiesta sul pagamento di mazzette per l'ammissione dei figli di ricchi imprenditori e di attrici di Hollywood, come Felicity Huffman, resa famosa dalla serie tv "Casalinghe disperate".

La procura di Boston ha incriminato 50 persone, tra cui coach e counselor privati, accusati di aver ricevuto milioni di dollari per aiutare gli studenti ad essere ammessi come atleti a prescindere dalle loro abilità accademiche o sportive.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
VIDEO
ITALIA
17 min

Il meteorite illumina il cielo notturno della Sardegna

«Abbiamo visto una palla gialla con una scia luminosa dietro che sembrava stesse cadendo a pochi chilometri da noi»

STATI UNITI
1 ora

Huawei potrebbe avere altri 90 giorni

Nella "entity list" dal 16 maggio, potrebbe ricevere un'ulteriore proroga per acquistare beni e servizi dalle aziende americane

ITALIA
2 ore

A 16 e 17 anni annegano nel lago d'Iseo

I due ragazzi sono finiti sott'acqua nel pomeriggio di ieri. Dopo essere stati soccorsi, sono stati ricoverati in gravi condizioni, ma sono morti nella notte

ITALIA
3 ore

Open Arms al suo 16esimo giorno in mare. Salvini: «Io non mollo»

Il Comando Generale della Guardia Costiera scrive al Viminale: «Non vi sono impedimenti allo sbarco». Acquisiti tutti i referti medici

STATI UNITI
3 ore

L'autopsia conferma: Epstein si è suicidato

Si è impiccato legando alla parte alta del letto a castello il lenzuolo. Nel frattempo Ghislaine Maxwell è stata avvistata a Los Angeles

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile