KEYSTONE/AP (J. Scott Applewhite)
+ 11
STATI UNITI
27.02.19 - 17:210
Aggiornamento : 20:52

Trump secondo Cohen: «Razzista, truffatore e imbroglione»

L'ex legale del presidente ha aperto così la sua testimonianza davanti ai membri della Commissione di vigilanza della Camera del Congresso americano

WASHINGTON - «Io so chi è Donald Trump. È un razzista, un truffatore, un imbroglione»: è uno dei passaggi dell'intervento con cui l'ex legale del presidente americano, Michael Cohen, apre la sua testimonianza davanti ai membri della Commissione di vigilanza della Camera del Congresso americano. Il testo è stato anticipato dal New York Times.

«Ho chiesto a questa commissione che la mia famiglia sia protetta dalle minacce presidenziali», afferma Cohen. «Sono qui per spiegare agli americani cosa conosco sul presidente TrumpX, aggiunge dicendosi pronto a mostrare diversi documenti.


KEYSTONE/AP (Alex Brandon)

Trump minacciò i vertici del liceo e del college da lui frequentati perché non rilasciassero i risultati sul suo rendimento e dei suoi esami, rivela ad esempio l'ex legale del tycoon, che ha portato in Congresso copia delle lettere che il presidente gli ordinò di scrivere per inviare il messaggio che se quelle informazioni fossero state diffuse sarebbero scattate azioni civili e penali.

Quando gli chiese di raccontare ai giornalisti di essere stato riformato per motivi medici, Trump rispose a Cohen: «Pensi che io sia così stupido da andare in guerra in Vietnam?», racconta lo stesso ex legale del presidente, spiegando come Trump sosteneva di avere una malformazione ossea: «Ma dai referti medici non risultava nulla», ha detto Cohen.

L'ex avvocato di Trump racconta anche come il tycoon, ricevendo un rimborso di 10 milioni di dollari dal fisco, disse: «Può essere il governo così stupido da dare così tanti soldi indietro a uno come me?».


KEYSTONE/EPA (SHAWN THEW)

E ancora: Trump spinse Cohen a mentire sul progetto di una Trump Tower a Mosca, progetto che andò avanti anche durante la campagna elettorale del 2016, riferisce l'ex legale del presidente sottolineando come non fu un ordine esplicito: «Io stavo negoziando per lui in Russia, ma lui mi guardò negli occhi e mi disse che non c'era alcun business in Russia. Poi andò fuori e mentì agli americani affermando la stessa cosa. In questo modo stava dicendo anche a me di mentire».

Il tycoon ha mentito sui negoziati con Mosca sulla Trump Tower perché non si aspettava di vincere le elezioni, sostiene Cohen spiegando come «Trump si è candidato solo perché vedeva nella campagna elettorale una grande opportunità di marketing per rendere più grande non il paese ma il suo marchio. Non aveva alcuna intenzione di guidare il paese e non si aspettava nemmeno di vincere le primarie. Disse 'sarà la più grande campagna commerciale della storia della politica'».

In merito agli incontri con agenti russi ai quali - ricorda - partecipò anche il figlio di Trump Donald Junior, l'ex legale del presidente dichiara di non sapere «se Donald Trump abbia colluso, ma ho i miei sospetti».


Keystone

Cohen ha quindi confermato che Trump gli chiese di pagare l'ex pornostar Stormy Daniels per comprare il suo silenzio e al Congresso ha mostrato la copia di un bonifico di 130mila dollari versati alla donna e la copia di una assegno da 35mila dollari firmato da Trump a titolo di rimborso e datato 1° agosto 2017, quando era già presidente. In tutto gli assegni durante l'anno furono 11, ha spiegato. «Mi chiese anche di mentire a sua moglie. Mentire alla First Lady è uno dei miei più grandi rammarichi. Non lo merita».

KEYSTONE/AP (Alex Brandon)
Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
23 min

Ikea saluta gli Usa, sposta la produzione in Europa

L'unica fabbrica americana si trova a Danville, in Virginia. Sospenderà le attività il prossimo dicembre

CROAZIA
1 ora

Incendio nella notte, evacuate diecimila persone

Colpita una zona boschiva vicino alla spiaggia di Zrce, dove era in corso un concerto di musica techno

ITALIA
2 ore

Sequestro armi nel Pavese, recuperato un missile. Salvini: «Volevano uccidermi»

Nell'hangar del Pavese la Digos ha recuperato anche un missile aria-aria Matra che, secondo Matteo Salvini, doveva servire per un attentato contro di lui

ITALIA
5 ore

Benzinaia picchiata e insultata da un uomo nel Trevigiano: «Nessuno è intervenuto»

La 35enne l'aveva ripreso perché col suo furgone correva sul piazzale. La risposta: «Sporca neg...», «Tornatene in Marocco»

UNIONE EUROPEA
6 ore

Von der Leyen: «Sarò nemica di chi vuole indebolire l'Ue»

La candidata alla presidenza della Commissione europea ha sottolineato che «l'Europa va rafforzata»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report