Guardia di finanza
ITALIA
19.02.19 - 17:560

50 arresti in un'operazione contro la camorra in Veneto

Smantellata una vasta presenza dei Casalesi sul territorio con una serie di crimini come estorsione, usura, traffico d'armi, rapine, spaccio e prostituzione

VENEZIA - I tentacoli della camorra si erano allungati in Veneto da ben 20 anni, subentrando alla Mala del Brenta, ormai in disfacimento. Con 50 arresti, di cui 47 custodie in carcere e tre domiciliari, e undici provvedimenti interdittivi che hanno portato al sequestro di beni per 10 milioni di euro, è stata disarticolata la più grande organizzazione criminale mai registrata nella regione.

Tutto documentato in un'ordinanza di 1'100 pagine firmata dalla Gip (giudice per le indagini preliminari) di Venezia Marta Paccagnella. Nella notte, dopo un'indagine congiunta della Guardia di finanza e della Polizia, guidata dal pubblico ministero veneziano Roberto Terzo, è stata chiusa l'operazione 'At Last' coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Venezia con la supervisione del Procuratore Bruno Cherchi.

In carcere sono finiti uomini delle cosche campane che in Veneto erano giunti soprattutto da Casal di Principe (Caserta), ma anche soggetti arruolati in loco, che avevano sostituito dagli anni'90 il clan messo in piedi dal 'boss' Felice Maniero.

Un'attività cominciata con il tradizionale 'pizzo' lungo l'asse della costiera Adriatica, da San Donà di Piave a Jesolo passando per Eraclea e fino a Caorle. I Casalesi sono riusciti ad entrare nel tessuto connettivo dell'area: prima prestando denaro a tassi usurai, poi acquisendo i beni di chi non pagava e che diventava a sua volta 'socio in affari'.

Infine allargando l'attività al traffico di armi, alle rapine e a una fitta rete di prostituzione e spaccio di droga. Un controllo così pervasivo che era arrivato a coinvolgere persino un sindaco, quello di Eraclea, Mirco Mestre, di professione avvocato, arrestato con l'accusa di voto di scambio: è il primo cittadino veneto a finire in manette perchè in odor di mafia.

Secondo gli inquirenti, la 'Camorra in Veneto' era comandata da Luciano Donadi e Raffaele Buonanno, giunti dalla Campania negli anni '90, e faceva capo ai clan Bianco e Bidognetti, il cui boss Francesco è noto con il soprannome 'ciccio e mezzanotte'. In carcere anche un direttore di banca che, invece di farsi tutelare dai carabinieri, ha scelto di finire nella rete della Camorra per recuperare al tesi di laurea che era stata rubata alla sua fidanzata; così come un poliziotto del commissariato di Jesolo, che passava informazioni al clan.

«Questa operazione per la prima volta ha accertato la presenza della criminalità organizzata strutturata nel territorio veneto, profondamente penetrata nel settore economico e bancario», ha detto il procuratore Bruno Cherchi.

A complimentarsi per l'operazione investigativa sull'asse campano-veneto è stato il ministro dell'Interno Matteo Salvini: «vogliamo inseguire i boss e i loro sporchi affari ovunque siano" ha detto, sottolineando che "notizie di questo tipo fanno cominciare bene la giornata».

«Credo di interpretare il sentimento dei veneti - ha aggiunto il Governatore Luca Zaia - nel rivolgere un ringraziamento riconoscente a tutti gli uomini e le donne delle forze dell'ordine».

In laguna, per illustrare i risultati del blitz, è giunto anche il Procuratore nazionale antimafia Ferdinando Cafiero de Raho. «La Camorra in Veneto - ha detto - agiva esattamente come in Campania».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
2 ore

Pressing sui colossi di internet, dalla web tax alla moneta di Facebook

«Dobbiamo assicurare che le piattaforme online non eliminino i benefici che il commercio elettronico offre ai consumatori attraverso comportamenti anti-competitivi»

FRANCIA
4 ore

Notre Dame, tre mesi dopo fra leggi e polemiche. Tutte le foto

Ad oggi l’obiettivo è ancora la pulizia e la messa in sicurezza, non è ancora stato scongiurato il rischio di collasso

CINA
4 ore

Al via il pagamento a riconoscimento facciale Alipay

È stato installato presso le Librerie Xinhua, il più grande rivenditore di libri del Paese asiatico

STATI UNITI
6 ore

'El Chapo' condannato all'ergastolo: «Processo ingiusto»

Joaquin Guzman era stato riconosciuto colpevole per il traffico di tonnellate di droga e di vari omicidi come boss del cartello di Sinaloa

ITALIA
6 ore

Instagram nasconde il numero dei Like anche in Italia

La prima prova è stata svolta in Canada

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report