Keystone
NIGERIA
15.02.19 - 19:490
Aggiornamento : 20:33

Attentato prima delle elezioni, almeno 66 morti

Un gruppo di uomini armati ha colpito nello Stato di Kaduna a nord della Nigeria

LAGOS - La Nigeria domani alle urne per eleggere il nuovo presidente e rinnovare l'Assemblea Nazionale tra il timore di scontri e l'incognita di possibili brogli.

Le elezioni chiudono una campagna elettorale segnata da episodi di violenza e da una surreale sequenza di fake news, compresa la notizia della morte del presidente in carica, Muhammadu Buhari, e della sua sostituzione con un "clone", gli 84 milioni di elettori dovranno scegliere fra oltre 70 candidati. A poche ore dal voto almeno 66 persone, tra le quali 22 bambini e 12 donne, sono state uccise da un gruppo di uomini armati nello Stato settentrionale di Kaduna. Il portavoce del governatore, Samuel Aruwan - citato dal quotidiano online Vanguard - ha fatto sapere che le forze di sicurezza sono sulle tracce degli assalitori.

I candidati più accreditati sono lo stesso Buhari - che corre per un secondo mandato - e il leader dell'opposizione, Atiku Abubakar, imprenditore del settore petrolifero che ha fatto del rilancio dell'economia la sua bandiera in un Paese che è il maggiore produttore di greggio in Africa con oltre due milioni di barili al giorno, ma dove la miseria è devastante e il più grande desiderio dei giovani è fuggire.

Saranno proprio gli under 35 a decidere chi guiderà la Nigeria. Sono oltre la metà degli elettori registrati in un Paese che ha 196 milioni di abitanti, il 40% dei quali ha meno di 14 anni.

Mercoledì i due candidati hanno firmato ad Abuja una sorta di "accordo di pace" per invitare i propri sostenitori «ad astenersi da ogni atto di violenza o che possa compromettere la visione di elezioni libere, giuste e credibili». Nell'accordo, siglato insieme al Presidente del Comitato Nazionale per la Pace, Abdulsalami Abubakar, Buhari e Abubakar si sono inoltre impegnati a rispettare il risultato delle elezioni.

Una scommessa tutta da verificare, mentre è dell'altroieri la notizia che un ufficio della Commissione elettorale, il terzo in pochi giorni, è stato incendiato. Le passate elezioni nel gigante d'Africa sono state segnate dalla violenza, anche se l'appuntamento elettorale del 2015 si è svolto in una calma relativa.

«La mia ambizione non vale il sangue di nessun nigeriano», aveva detto nei giorni scorsi Abubakar, citando l'ex presidente Goodluck Jonathan. "Noi voteremo per i partiti, ma alla fine il solo vero partito è la Nigeria, il nostro Paese", gli aveva fatto eco Buhari.

Ma il voto dovrà fare i conti anche con il rischio Boko Haram, gli estremisti islamici che hanno devastato il Paese con centinaia di sanguinosi attacchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
10 ore

Esplosione nel centro di Lione, almeno 13 feriti

La deflagrazione è avvenuta in rue Victor Hugo dinanzi al negozio la Brioche Dorée. La procura: «Potrebbe trattarsi di un pacco bomba. È caccia all'uomo»

FOCUS
11 ore

Google - Huawei: è l'inizio di una Guerra fredda

Lo scenario di una guerra economica ha preso consistenza solo questa settimana. Siamo a un braccio di ferro tra Stati Uniti e Cina per la leadership mondiale. Tutta colpa di un telefonino

STATI UNITI
12 ore

E sui social spunta il video (fake) della Pelosi ubriaca

Il filmato, manipolato e rallentato per dare l'impressione che la speaker della Camera farfugli, è stato visto oltre 2.3 milioni di volte su Facebook

STATI UNITI
14 ore

Amazon punta sulla moda: 25 dollari per farsi scannerizzare

L'idea è avere misure utilizzabili in futuro per far provare capi d'abbigliamento ai clienti in modo virtuale

EUROPA
15 ore

Bce, successione Mario Draghi: Rehn rilancia la sua candidatura

«Per assicurare il successo della politica monetaria sarebbe utile guardare con occhi nuovi alle basi della strategia»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report