Keystone
VENEZUELA
24.01.19 - 12:020
Aggiornamento : 15:05

Russia e Cina: «Gli Usa non intervengano», Macron: «Maduro illegittimo»

E intanto è bufera sui diplomatici, Guaidò: «Restate tutti» e intanto Maduro: «Il popolo agguerrito e combattente si mobiliti»

CARACAS - Un intervento militare degli Stati Uniti in Venezuela avrebbe conseguenze «catastrofiche». Lo ha detto il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov.

«Li stiamo mettendo in guardia dal farlo, riteniamo che sarebbe uno scenario catastrofico scuotere le fondamenta del modello di sviluppo della regione dell'America Latina», ha detto Ryabkov alla rivista International Affairs - ripresa da Interfax - quando gli è stato chiesto se sia possibile che gli Stati Uniti interferiranno militarmente in Venezuela.

Per Mosca l'azione dell'opposizione è illegale -  Russia ritiene che il tentativo da parte dell'opposizione venezuelana di usurpare il potere sia illegale. Lo ha detto ai giornalisti il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. «Riteniamo che il tentativo di usurpare il potere in Venezuela sia illegale e violi le basi e i principi del diritto internazionale», ha detto Peskov, citato dalla Tass.

Per il momento, il Venezuela non ha richiesto l'assistenza della Russia. «Non ci sono state richieste di questo tipo finora», ha detto il portavoce del Cremlino quando gli è stato chiesto se Mosca stava prendendo in considerazione qualsiasi possibilità di fornire assistenza al Venezuela.

«Verso un bagno di sangue» - L'autoproclamazione di Juan Guaidò è «una strada diretta verso l'illegalità e un bagno di sangue»: così un comunicato del ministero degli Esteri russo. Lo riferisce la Bbc. «Solo i venezuelani hanno il diritto di determinare il proprio futuro».

«Una interferenza dall'esterno, in particolare in questo momento, è inaccettabile».

La Cina: «Non si interferisca» - La Cina invita gli Usa a non interferire con l'attuale situazione del Venezuela, opponendosi a ogni intervento esterno nel Paese sudamericano. 

«Tutte le parti coinvolte dovrebbero restare razionali ed equilibrate», ha detto la portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, secondo cui la priorità dovrebbe essere la ricerca di «una soluzione politica sulla questione venezuelana con il dialogo pacifico all'interno della cornice della Costituzione del Venezuela».

Macron: «L'Europa con Guaidò» - «Rendo omaggio alle centinaia di migliaia di venezuelani che marciano per la loro libertà» ha scritto oggi su Twitter il presidente francese Emmanuel Macron dopo che Juan Guaido, leader dell'opposizione in Venezuela, si è autoproclamato presidente ad interim del Paese.

«Dopo l'elezione illegittima di Nicolas Maduro nel maggio 2018 - continua Macron - l'Europa sostiene il ritorno della democrazia».

Guaidò: «I diplomatici restino» - Il presidente ad interim del Venezuela, Juan Guaidó, ha chiesto alle missioni diplomatiche presenti a Caracas di restare nel paese sudamericano. Il leader del governo Nicolas Maduro chiama invece alla mobilitazione.

«In virtù dei poteri conferitimi dalla Costituzione, comunico a tutti i capi delle missioni diplomatiche e al loro personale accreditato in Venezuela che lo stato venezuelano desidera fortemente mantenere la loro presenza diplomatica nel nostro Paese», ha detto ieri sera Guaidó attraverso una nota pubblicata su Twitter.

Il comunicato arriva in risposta all'ultimatum dato agli Usa dal leader del governo, Nicolas Maduro, che ieri ha concesso 72 ore ai diplomatici americani perché lascino il Paese.

Maduro: «Popolo in allerta» - Il popolo «agguerrito e combattente» rimanga in allerta, pronto alla mobilitazione per difendere la patria. Ha scritto ieri su Twitter Maduro dopo l'autoproclamazione del leader dell'opposizione. «Nessun colpo di stato, nessun interventismo - conclude Maduro - il Venezuela vuole la pace».

Sempre sullo stesso social, il ministro della Difesa venezuelano, generale Vladimir Padrino Lopez, ha dichiarato che le Forze Armate del suo Paese «non accettano un presidente imposto da oscuri interessi o che si è autoproclamato a margine della legge», confermando il suo appoggio a Nicolas Maduro.

14 morti nelle manifestazioni - Gli scontri tra le forze dell'ordine e i cittadini che manifestano contro il governo di Nicolás Maduro hanno causato 16 morti, secondo la Commissione interamericana dei diritti umani (Iachr). In precedenza altre fonti avevano parlato di 14 morti. Lo riferisce El Pais.

Il direttore del Forum criminale venezuelano, Gonzalo Himiob, ha inoltre aggiornato anche il bilancio delle persone fermate, dichiarando che 278 persone sono state arrestate dallo scorso lunedì.

Messico e Uruguay: «La soluzione sia politica» - Di fronte alla gravità della situazione in Venezuela, Messico e Uruguay hanno invitato «le parti coinvolte, sia all'interno che all'esterno, a ridurre le tensioni ed evitare una escalation della violenza e propongono un nuovo processo di negoziato inclusivo e credibile».

L'iniziativa è stata formalizzata in un comunicato stampa diffuso ieri sera a Montevideo dai due Paesi che sostengono di essere impegnati nel monitoraggio "puntuale" degli avvenimenti nella Repubblica bolivariana di Venezuela. Messico e Uruguay hanno ufficialmente appoggiato Maduro.

La proposta di mediazione, si precisa nel comunicato, mira a «ridurre le tensioni ed evitare una escalation della violenza che possa aggravare la situazione».

«In conformità con i principi del diritto internazionale», Montevideo e Città del Messico propongono «un nuovo processo negoziale inclusivo e credibile, con pieno rispetto dello Stato di diritto e dei diritti umani».

Nel documento si sostiene poi che «i governi uruguaiano e messicano, in sintonia con le dichiarazioni dell'Organizzazione delle Nazioni Unite e dell'Unione europea, così come dei governi di Spagna e Portogallo, manifestano il loro completo appoggio, impegno e disposizione per lavorare insieme in favore della stabilità, il benessere e la pace del popolo venezuelano».

8 mesi fa «Sì, se puede», la svolta venezuelana
8 mesi fa Proteste contro Maduro: 5 morti. Guaido si autoproclama presidente
Commenti
 
Moga 7 mesi fa su tio
Gli avvoltoi volteggiano sul petrolio venezuelano
seo56 7 mesi fa su tio
Tra dittatori si difendono. Fino quando ci sarà Putin al potere, il mondo non potrà che andare peggio...
Moga 7 mesi fa su tio
@seo56 Lo avessero in Venezuela uno come lui!!!
lo spiaggiato 7 mesi fa su tio
Maradona ha espresso incodizionatamente e con gran risalto sui media sudamericani il suo appoggio al presidente eletto Nicolas Maduro... quest'ultimo è in una botte di ferro!... :-))))))))
Littletiger 7 mesi fa su tio
Beh, speriamo, non è ancora detto che Maduro non rieca a rimanere al potere, o che il nuovo presidente non sia anch'egli un dittatore.
Spirito1 7 mesi fa su tio
Una dittatura in meno...Bene!!
miba 7 mesi fa su tio
Povero Venezuela! Da una parte hanno un presidente corrotto, dittatore socialista e che vive nel lusso mentre al popolo manca di tutto e di più e che si serve inoltre dell'esercito e della GnB. Dall'altra vi è un'opposizione sostenuta e foraggiata dagli USA che hanno tutto l'interesse a rovesciare Maduro per il petrolio e le altre risorse del paese venezuelano e per privatizzare di nuovo quello che prima Chavez e poi Maduro hanno statalizzato...e chiaramente i paesi-lecchini seguono a ruota riconoscendo quale presidente un altro personaggio-farsa (magari messo lì proprio dagli USA?...). Si vede che con la Libia, l'Iraq e la Siria il mondo non ha ancora capito bene le vere intenzioni/interessi degli USA, che tacciano altri di "stati canaglia" ma sono proprio loro in primis la canaglia peggiore
Asdo 7 mesi fa su tio
@miba Io credo che il mondo lo sappia benissimo. Il problema è che va benissimo a tutti quelli che sono coinvolti sembrerebbe
Meno 7 mesi fa su tio
@miba quindi non ti schieri? Non facciamo gli ignavi... fra una dittatura e la speranza di ritorno alla democrazia, cosa preferisci?
Asdo 7 mesi fa su tio
Per due anni un continuo di "la Russia manipola il nostro paese" e ora se ne escono di nuovo a fare queste cose in sud-America. Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Anche se sia giusto o sbagliato il golpe, non è loro diritto immischiarsi
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore

Walmart ferma la vendita di sigarette elettroniche

La decisione arriva nel mezzo di quella che viene considerata una vera e propria emergenza negli Stati Uniti, dopo otto decessi per complicazioni polmonari legati all'uso della e-cig

FOTO
STATI UNITI
4 ore

Almeno 4 morti nell'incidente di un bus turistico

Molti sarebbero i feriti in gravi condizioni

FRANCIA
8 ore

Shock in Francia, malati di Alzheimer usati come cavie

Sconcerto Oltralpe per la scoperta di sperimentazioni cliniche "selvagge" realizzate da medici privi di scrupoli in un'abbazia nei pressi di Poitiers

STATI UNITI
9 ore

Colt sospende la produzione di fucili AR-15 per i civili

Si concentrerà sull'adempimento solo dei contratti con l'esercito e le forze dell'ordine

STATI UNITI
13 ore

Area 51, è il giorno dell'invasione

L'evento-scherzo è stato annullato, ma qualcuno ci andrà. Su Facebook Matty Roberts aveva scritto: «Se corriamo come Naruto possiamo muoverci più velocemente delle loro pallottole»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile