Keystone
Rudolph Hess, a sinistra di Hitler
GERMANIA
23.01.19 - 13:190

Il prigioniero n.7 era Rudolf Hess, lo conferma il test del DNA

Alcune teorie cospirative ritenevano che al suo posto ci fosse un impostore. Il primo ad avere dubbi fu il medico del carcere berlinese

SALISBURGO - Il 'prigioniero numero 7' del carcere tedesco di Spandau era effettivamente Rudolf Hess, il gerarca nazista molto vicino a Hitler catturato dagli Alleati nel 1941, e non un impostore come proclamato da diverse teorie cospirative. A provarlo una analisi del Dna condotta su un campione del prigioniero e su una discendente di Hess, pubblicata sulla rivista Fsi Genetics.

Hess fu catturato dopo un volo in Scozia, e al processo di Norimberga fu condannato all'ergastolo. Il primo a dubitare della sua reale identità fu proprio il medico del carcere berlinese, dove fu trovato morto nel 1987, secondo cui alcune caratteristiche fisiche del prigioniero non corrispondevano a quelle del gerarca.

A scovare il campione di sangue del 'prigioniero 7' è stato Sherman McCall, un medico militare statunitense, durante il tirocinio al Walter Reed Army Medical Center di Washington. Le analisi sul Dna del campione e su una discendente di Hess sono state invece condotte dall'università di Salisburgo, e hanno dato una probabilità maggiore del 99,9% che il genoma appartenesse effettivamente al gerarca.

"Quindi - concludono gli autori - la teoria cospirativa che affermava che il prigioniero 'Spandau 7' fosse un impostore si può considerare smentita".

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
35 min

Un alleato di Trump per Amazon

Il colosso avrebbe assunto Jeff Miller per fare lobby per le sue attività di cloud-computing. Nel mirino il contratto Jedi del Pentagono

MONDO
1 ora

Cinquant'anni fa il sogno di camminare sulla Luna diventava realtà

Il 20 luglio 1969 l'Apollo 11 atterrava sul satellite terrestre. Il primo piccolo passo fatto da Neil Armstrong rappresentava un balzo da gigante per l'umanità

STATI UNITI
1 ora

Lancia il figlio nell'oceano per insegnargli a nuotare

Ubriaco un 30enne ha lasciato che il suo bambino di cinque anni lottasse tra le onde. Il piccolo è stato salvato dalla polizia

STATI UNITI
13 ore

«Ti lascio», e lei tenta di evirarlo

Protagonisti della vicenda un 43enne e una 30enne dell’Illinois. L’uomo ha riportato ferite profonde, mentre la ormai ex compagna è stata arrestata

ITALIA
15 ore

Carola Rackete è tornata in Germania

La capitano della Sea Watch 3 sarebbe partita subito dopo l'interrogatorio in procura ad Agrigento

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile