Depositphotos
ITALIA
18.01.19 - 06:000
Aggiornamento 08:53

Costringeva il figlio a ripetere le tabelline: padre a processo

Un uomo di Torino ha patteggiato una pena di tre mesi per abuso di mezzi di correzione

TORINO - Un padre di Torino ha patteggiato una pena di tre mesi per abuso di mezzi di correzione. L'uomo costringeva il figlio di otto anni, tutte le mattine prima di fare colazione, a ripetere le tabelline dall'1 fino al 15.

In caso di errore, come qualche volta succedeva, erano botte: «Alcune volte quando faccio il birichino papà mi picchia, mi dà degli scappellotti» ha ammesso il bimbo. L'uomo non ha costretto l'altro figlio a compiere questa routine, spiega Repubblica: «Papà lo fa solo con me perché io sono più bravo».

«Lo faccio per il futuro, i bambini devono crescere in fretta e bene» si è difeso l'uomo in aula. I suoi difensori hanno sostenuto la tesi che l'uomo non volesse mortificare il figlio, ma che fosse motivato da un genuino desiderio educativo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report