FRANCIA
06.01.19 - 21:460

Parigi: caccia al pugile picchiatore

Si è mischiato con i gilet gialli. Le donne alla Bastiglia per una protesta femminile

PARIGI - Da pugile a picchiatore: è caccia all'ex campione di Francia che ha trasferito la sua abilità dal ring alla piazza dei gilet gialli, pestando un poliziotto a mani nude. Sempre più violenta - anche un poliziotto a Tolone è accusato di aver picchiato diversi manifestanti - la protesta non sembra poter sfociare nel dialogo auspicato da Macron. E debuttano le donne in gilet giallo, con una manifestazione carica di rivendicazioni ma pacifica alla Bastiglia, tra le note della Marsigliese ed un messaggio al presidente: 'Sei finito, le ragazze sono in piazza".

Pugile denunciato - Sullo sfondo di una violenza che le forze dell'ordine - all'ottavo appuntamento in piazza con i gilet gialli - non riescono assolutamente ad arginare, il personaggio del giorno è Christophe Dettinger, campione di Francia dei massimi-leggeri dal 2007 al 2008, un armadio di muscoli da 90 chili immortalato ieri sulla passerella della Senna mentre - a mani nude - picchiava un poliziotto infischiandosene del suo scudo e del suo casco. Poco dopo, irrefrenabile, va oltre la boxe e - sempre ripreso in un video - prende a calci un gendarme a terra.

Il pugile è stato denunciato ma non ancora rintracciato, nonostante il suo allenatore - Dettinter, 37 anni, si allena ancora in banlieue di Parigi - lo abbia invitato a costituirsi. La Federazione boxe lo ha sconfessato, il ministro dell'Interno Christophe Castaner gli ha annunciato che dovrà "rendere conto di questo attacco vile e intollerabile".

L'esasperazione aumenta la violenza, un altro video inchioda un poliziotto che - a Tolone - è stato ripreso mentre picchia diversi manifestanti, immobilizzandoli spalle al muro. Si accanisce in particolare a pugni contro uno di loro, che aveva in mano un collo di bottiglia rotta e che - riferiscono fonti dell'inchiesta interna - aveva appena danneggiato delle auto.


Keystone

Una protesta femminile - A dare oggi un'immagine diversa della protesta dei gilet gialli sono state le donne, che in mattinata - a centinaia - si sono riunite in diverse città della Francia. A Parigi erano alcune decine a gridare la loro protesta per la precarietà della loro vita e per la politica del governo che non gli permette di arrivare a fine mese. "Non una manifestazione femminista ma una protesta femminile", hanno ripetuto nei loro slogan le donne in giallo, cantando la Marsigliese e avvertendo il presidente "Macron sei finito, le ragazze sono in piazza".

Il tema dominante è la violenza, il dialogo auspicato da Macron con il suo "dibattito nazionale" sulle grandi priorità del Paese sembra avere ogni giorno meno sostenitori. Il dibattito dovrebbe cominciare il 15 gennaio ma se i gilet gialli non ci hanno mai creduto, l'idea sembra perdere terreno persino nel partito di maggioranza, La Republique en Marche. Sul piano del consenso verso i gilet gialli, i sondaggi che qualche settimana fa ondeggiavano fra il 70 e l'80% dell'opinione pubblica, segnalano un'adesione sempre minore: ormai è soltanto il 55% dei francesi ad auspicare che il movimento cominciato a metà novembre prosegua con i suoi appuntamenti settimanali in piazza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
FRANCIA
4 ore

Prima messa a Notre Dame... con gli elmetti

Canonici, volontari, operai del cantiere, impiegati della diocesi di Parigi hanno pregato insieme in una messa cantata e solenne

STATI UNITI
4 ore

Conti in rosso per la potente lobby delle armi

Un rosso da 10,8 milioni di dollari che preoccupa, vista l'imminente apertura della campagna elettorale per il 2020

STATI UNITI
7 ore

Rubato dal grembo della mamma, il bimbo è morto

Lo scorso 21 maggio aveva aperto gli occhi, ma la lesione cerebrale subita era troppo grave

ITALIA
11 ore

Cinema italiano in lutto, è morto Franco Zeffirelli

Il regista è spirato nella sua casa romana sulla via Appia. Aveva 96 anni ed era malato da tempo

STATI UNITI
16 ore

Il Trump Hotel di Washington frutta 4 milioni ad Ivanka

La figlia del presidente e il marito Jared Kushner hanno realizzato complessivamente fra i 28,8 e i 135,1 milioni di dollari di guadagni nel 2018

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report