Screenshot video
SVIZZERA / MALI
21.12.18 - 06:000
Aggiornamento : 09:42

Beatrice Stöckli: «La Svizzera ostacola la sua liberazione»

L'accusa in un video del gruppo jihadista che detiene la missionaria rapita in Mali nel gennaio 2016. Il DFAE chiede la messa in libertà «senza condizioni della persona sequestrata»

BERNA - Dopo svariati mesi di silenzio si torna a parlare di Beatrice Stöckli, la missionaria svizzera rapita in Mali il 7 gennaio 2016 da uomini di Al-Qaida nel Maghreb islamico.

Il gruppo Jama'at Nasr al-Islam wal Muslimin ha diffuso negli scorsi giorni un video nel quale un portavoce, con il volto reso irriconoscibile, legge una dichiarazione che fa il punto della situazione degli ostaggi nel Sahel. L'organizzazione jihadista ha nelle sue mani, oltre a Stöckli, la volontaria francese Sophie Pétronin, il rumeno Iulian Ghergut, la religiosa colombiana Gloria Narváez Argoti e il dottor Kenneth Arthur Elliott, australiano. 

Nel video - riferisce KIbaru, sito d'informazione del Mali - il portavoce se la prende con Svizzera, Francia e gli altri paesi di provenienza dei cinque ostaggi (anche con il Vaticano, che sta trattando la liberazione di Narváez Argoti per conto della Colombia), accusandoli di non stare facendo nulla per agevolare la loro messa in libertà e anzi, aver ostacolato le trattative. Il gruppo jihadista si rivolge quindi direttamente alle famiglie dei rapiti, invitandoli a cercare canali alternativi per trattare la liberazione dei loro congiunti. In cambio Jama'at Nasr al-Islam wal Muslimin pretende il pagamento dei riscatti e la liberazione di alcuni dei propri guerriglieri, detenuti nelle carceri delle nazioni della regione del Sahel.

La posizione svizzera - Da noi contattato, il Dipartimento federale degli Affari esteri (DFAE) ha spiegato di essere a conoscenza del video pubblicato dal gruppo. La posizione elvetica è la stessa, ferma e irremovibile, degli ultimi anni: «La Svizzera chiede la liberazione senza condizioni della persona sequestrata». Il Centro di gestione delle crisi del DFAE aveva immediatamente creato una task force congiunta con la Fedpol e il Servizio d'informazioni della Confederazione, allo scopo di liberare Stöckli - che era già stata brevemente rapita quattro anni prima - il più presto possibile. La rappresentanza svizzera a Bamako è in contatto con le competenti autorità maliane.

Negli anni i sequestratori hanno diffuso alcune prove della permanenza in vita degli ostaggi e resoconti sommari del loro stato di salute. Pare che le condizioni di Sophie Pétronin siano peggiorate negli ultimi tempi. In merito alle condizioni attuali della donna basilese, «per motivi di protezione della personalità il DFAE non fornisce ulteriori informazioni».

Le autorità elvetiche sconsigliano i viaggi in Mali a partire dal 1° dicembre 2009 a causa dell'elevato rischio di rapimenti.

2 anni fa La svizzera rapita è ancora viva
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
18 min

La tecnologia che arrivata dalla Luna, anche per lo smartphone

Per ogni dollaro dei circa 25 miliardi spesi negli anni '60 per il programma Apollo le ricadute tecnologiche ne hanno prodotti tre

STATI UNITI
1 ora

Uccide la fidanzata e posta la foto del suo cadavere

Lo scatto è rimasto online per 12 ore. Il ragazzo è stato arrestato, mentre si scattava selfie

STATI UNITI
2 ore

Ikea saluta gli Usa, sposta la produzione in Europa

L'unica fabbrica americana si trova a Danville, in Virginia. Sospenderà le attività il prossimo dicembre

CROAZIA
3 ore

Incendio nella notte, evacuate diecimila persone

Colpita una zona boschiva vicino alla spiaggia di Zrce, dove era in corso un concerto di musica techno

ITALIA
4 ore

Sequestro armi nel Pavese, Salvini: «Volevano uccidermi». Arriva la smentita

Nell'hangar la Digos ha recuperato anche un missile aria-aria Matra

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report