Keystone
+ 3
FRANCIA
02.12.18 - 10:160
Aggiornamento : 14:38

Gilet gialli, 133 feriti e 378 fermi: si pensa allo stato d'emergenza

La polizia ha parlato di un bilancio «molto pesante»

PARIGI - È di 133 feriti e di 378 persone fermate il bilancio della manifestazione di ieri dei gilet gialli a Parigi. La prefettura della capitale francese ha comunicato le cifre aggiornate, che comprendono nel conto dei feriti anche 23 appartenenti alle forze dell'ordine.

La polizia ha parlato di un bilancio «molto pesante» e decisamente più grave a quello registrato una settimana fa: nel corso della protesta del sabato precedente erano stati 24 i feriti e 101 i fermi.

Stato d'emergenza - Il governo studia tutte le opzioni per evitare nuove scene di rivolta e violenze come ieri a Parigi per la manifestazione dei gilet gialli. Secondo il portavoce dell'esecutivo, Benjamin Griveau, fra le piste seguite c'è anche quella dell'instaurazione dello stato d'emergenza.

Parlando ai microfoni di Europe 1, Griveaux ha detto che il ministro dell'Interno, Christophe Castaner, "ha ipotizzato lo stato d'emergenza". A fine mattinata, Emmanuel Macron, di ritorno dal G20 in Argentina, incontrerà Castaner e il premier Philippe per un punto della situazione.

Quel che resta dell'Arco del trionfo - Il presidente del Centro dei monumenti nazionali Philippe Bélaval ha twittato foto e video dall'interno dell'Arco del trionfo, occupato dai Gilet, documentandone la devastazione. Oltre a graffiti e imbrattamenti anche danni di una certa importanza a diversi monumenti: «Domani tutto rimarrà chiuso, speriamo di riaprire al più presto mentre gli esperti si metteranno al lavoro per restituire questo monumento alla Nazione». 

Macron all'Arco di Trionfo - Il presidente francese Emmanuel Macron, appena rientrato dal G20 in Argentina, si è recato all'Arco di Trionfo ed è rimasto alcuni minuti in raccoglimento davanti alla tomba del milite ignoto, dove arde sempre un braciere, poi ha verificato di persona i danni inferti all'Arco di Trionfo.

Il presidente era accompagnato dal ministro dell'Interno, Christophe Castaner, con il quale si riunirà in un vertice all'Eliseo al quale parteciperà anche il primo ministro, Edouard Philippe. Un gruppo di gilet gialli ha urlato «Macron, dimettiti» e ha successivamente intonato la Marsigliese.

Una vittima al blocco stradale - Un automobilista è rimasto ucciso stanotte ad Arles, nel sud della Francia, in un tamponamento provocato da un blocco stradale dei gilet gialli su una strada provinciale. Si tratta della terza vittima dall'inizio del movimento, due settimane fa. L'auto è finita verso le 2 del mattino su un tir bloccato in coda alla fila di veicoli ed è stata poi a sua volta tamponata. Il conducente è morto sul colpo.

«I poliziotti non sono robot» - Il sindacato di polizia Unsa ha chiesto che sia vietata la manifestazione di sabato 8 dicembre: «Basta tergiversare. Parigi è stata ancora una volta campo di gioco di un'orda di casseur vestiti con i gilet gialli». Gli agenti fanno notare che si tratta del quarto fine settimana di impegno straordinario per le forze di polizia a Parigi e nel resto della Francia: «I poliziotti non sono dei robot».

«Pronti a incontrare il governo» - Per la prima volta un collettivo di gilet gialli, che si presenta come «portavoce dei gilet gialli liberi», si rivolge al governo con un'apertura e si dice disponibile a un «primo appuntamento».

I 10 portavoci, fra cui Jacline Moraud - al cui appello sui social molti attribuiscono l'origine della protesta - offrono al governo «un'uscita dalla crisi». Le richieste «immediate e senza condizioni» sono: «blocco dell'aumento delle tasse sui carburanti e annullamento della sovrattassa sulla revisione obbligatoria dei veicoli».

Keystone
Guarda tutte le 7 immagini
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
6 min
Venezia in tilt a causa della marea da record
L'acqua ha raggiunto un metro e 87 cm, la seconda misura più alta nella storia della Serenissima subito dietro ai 194 centimetri del 1966
BOLIVIA
1 ora
La senatrice Anez nominata presidente ad interim
«Mi impegno ad assumere tutte le iniziative necessarie per pacificare il Paese»
ITALIA
12 ore
Vogliono estorcere denaro: si fingono dell'‘ndrangheta
I carabinieri hanno fermato cinque persone. La loro vittima è un albergatore del torinese
STATI UNITI
12 ore
Con Disney+ si entra nel vivo della guerra dello streaming
Dai film classici a quelli Pixar passando "Star Wars" e Marvel, il servizio offre un catalogo di spessore. E Netflix è sempre più sola
POLONIA / STATI UNITI
14 ore
Lager nazisti «attribuiti» alla Polonia: Varsavia e Netflix ai ferri corti
Alle autorità polacche non va proprio giù una mappa che compare nella nuova serie documentario "The Devil Next Door". Netflix: «Stiamo seguendo la questione»
FOTO
ITALIA
14 ore
Acqua alta a Venezia, allagata San Marco: «Sistema largamente insufficiente»
Danni alla basilica. L'allerta non è finita secondo il Centro Maree
TURCHIA
15 ore
Jihadista americano espulso resta "nella terra di nessuno"
È bloccato fra Grecia e Turchia, nella zona cuscinetto lunga pochi metri oltre il valico di frontiera di Pazarkule
CINA
17 ore
Spruzza soda caustica in asilo, 54 feriti
Due persone sono rimaste ferite gravemente, ma non risultano in pericolo di vita. Arrestato un 23enne
STATI UNITI
17 ore
Google: siti troppo lenti? Ecco il marchio della vergogna
La compagnia ha annunciato che il browser Chrome segnalerà la velocità dei siti visitati
FOTO
INDIA
18 ore
Torna l'incubo smog a Delhi
L'irrespirabile cappa che ricopre la città è «gravemente nociva per la salute»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile