Immobili
Veicoli
Keystone
ITALIA
23.11.18 - 11:540
Aggiornamento : 19:25

Le ossa trovate in Vaticano sono quelle di un uomo

Lo hanno rivelato gli esami svolti nei laboratori della scientifica

ROMA - Ventiquattro giorni per chiarire un giallo e confermare un mistero: la scomparsa di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori. Le ossa trovate sotto un pavimento di una dependance della Nunziatura Apostolica, il 30 ottobre scorso, non appartengono alle ragazzine scomparse nel 1983 a Roma.

la conferma arriva dai primi risultati delle analisi affidate dai pubblici ministeri della Procura, che sul caso indagano per omicidio, agli specialisti della Scientifica e al laboratorio Circe di Caserta. I resti sono di uomo e risalgono a prima del 1964. Certezze che escludono illazioni e ipotesi susseguite intorno alle ossa rinvenute nel corso di lavori di ristrutturazione a Villa Giorgina a Roma.

In base a quanto accertato lo scheletro completo trovato e 'assemblato' dalla Scientifica appartiene ad una persona di sesso maschile. «Abbiamo individuato su un femore tracce di Dna non completo e quindi inutilizzabile per eventuali comparazioni - spiega la procura - dove però è stato individuato il cromosoma maschile Y». Su età e data del decesso serviranno ulteriori esami che verranno svolti anche sugli altri frammenti trovati che però, in base a quanto si apprende, potrebbero addirittura avere una datazione precedente allo stesso scheletro.

Dal laboratorio Caserta, che ha lavorato sulla calotta cranica e sull'osso dell'avambraccio, arrivano conferme sulla datazione delle ossa che risalgono a oltre cinquanta anni fa. Un risultato ottenuto grazie all'analisi del Carbonio 14 e a quello che gli esperti chiamano "bomb effect", ovvero l'effetto causato dal divieto, sancito nel 1963, di effettuare i test nucleari nell'atmosfera: ciò altera drasticamente la presenza di radio carbonio su ossa e qualsiasi altro campione organico rinvenuto.

La vicenda era iniziata il 30 ottobre scorso dopo che gli operai di una ditta incaricata per lavori di ristrutturazione nell'edificio di via Po, sede della Nunziatura Apostolica, avevano notato resti ossei appena sotto un pavimento di una dependance. Il Corpo della Gendarmeria Vaticana ha avvisato i superiori della Santa Sede che, a loro volta, hanno contatto le autorità italiane e il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone.

La Scientifica ha effettuato una serie di sopralluoghi recuperando i resti sui quali sono stati avviate le procedure per cercare di identificare il sesso e l'epoca del decesso. La scoperta aveva subito fatto pensare alla vicenda delle due quindicenni romane scomparse nel nulla 35 anni fa. Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, in queste settimane ha avuto incontri a piazzale Clodio con gli inquirenti e ha nominato un consulente per una eventuale comparazione con il Dna. Oggi la nuova doccia fredda. «Questi sono i primi esiti degli esami: io vorrei aspettare la fine e poi vorrei avere il risultato dell'esame genetico con il Dna, che può dare la certezza sulla datazione», ha commentato Pietro Orlandi. Anche la sorella di Mirella Gregori, Maria Antonietta, vuole attendere gli esiti definitivi e dice di volere affidare anche degli accertamenti al genetista incaricato dalla famiglia.

Resta il fatto che, se le ossa non sono quelle di Emanuela o di Mirella, anziché chiudersi il mistero ora si moltiplica: di chi è il cadavere, forse degli anni '60, scoperto in terra vaticana? Al giallo delle due ragazze, che dura da 35 anni, ora se ne aggiunge un altro. Negli ambienti vaticani, dove fin dall'inizio si era nutrito scetticismo sul fatto che le ossa potessero essere quelle di Emanuela Orlandi, per settimane non si è nascosta l'irritazione per come il caso veniva trattato sul piano mediatico, recriminando su un danno d'immagine che Oltretevere è stato visto come "devastante". E ora, pur preferendo non esporsi in prima persona, non manca chi chiede chi potrà riparare al "fango" che sarebbe stato gettato sul Vaticano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
RUSSIA
2 ore
Peresvet e Zadira, cosa sappiamo delle armi laser di Mosca
Che funzione hanno? Come vengono impiegate? Sono state schierate nella guerra in corso in Ucraina? Facciamo il punto
FOTO
GERMANIA
3 ore
Spari in una scuola tedesca, un ferito grave
L'autore del gesto sarebbe già stato fermato dalla polizia
MONDO
5 ore
Nel mondo ci sono 38 milioni di sfollati interni
Fuggono da guerre, violenze e dai cataclismi naturali, compresi quelli provocati dai cambiamenti climatici
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Due comandanti russi «licenziati per i loro fallimenti»
Vadim Shishimarin, il soldato russo a processo, ha detto di aver sparato a un civile dopo che gli era stato ordinato.
QATAR
8 ore
«La FIFA risarcisca i lavoratori per almeno 440 milioni»
Amnesty International chiede alla FIFA di risarcire chi ha subito violazioni dei diritti umani, e anche garanzie future
REGNO UNITO
14 ore
Il vaccino dopo il virus, per scongiurare il Long Covid
Secondo un ampio studio una dose in seguito all'infezione riduce del 13% il rischio di sintomi di lunga durata
ITALIA
16 ore
L'auto piomba nel cortile dell'asilo, morto un bimbo
Altri sei piccoli sono rimasti feriti nell'incidente e sono ricoverati in ospedale, di cui uno in prognosi riservata
SPAGNA
17 ore
Rilevati 20 casi di vaiolo delle scimmie, «basse probabilità di diffusione»
I tre focolai riguardano soprattutto uomini che si identificano come gay, bisessuali o uomini hanno rapporti con uomini
REGNO UNITO
20 ore
Inflazione alle stelle in Regno Unito, un inglese su quattro salta i pasti
Con un'inflazione superiore al 9% molte le famiglie, e le aziende, alla canna del gas. Londra però indugia
MOLDAVIA
1 gior
«Qualcuno vuole trascinarci in una guerra indesiderata»
La premier moldava Natalia Gavrilita su neutralità, le bombe in Transnistria e le tensioni nel Paese
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile