CANADA
02.09.18 - 11:150
Aggiornamento : 16:37

C'è uno scandalo abusi anche nel mondo del balletto classico

Bruce Monk, insegnante del celebre Royal Winnipeg Ballet, per 30 anni avrebbe circuito le sue studentesse minorenni scattando loro foto di nudo e rivendendole sul web

TORONTO - Una storia di abusi trentennale ai danni di ragazze spesso e volentieri minorenni,  che venivano immortalate nude o seminude e i cui scatti venivano venduti online. È questo lo scandalo che ha recentemente investito una delle più rinomate istituzioni del balletto classico al mondo, il Royal Winnipeg Ballet in Ontario, Canada.

Sono diverse le ex-ballerine riunite in una class-action deposta a novembre 2016 e che è stata approvata da una corte dell'Ontario a fine giugno 2018. Accusato principale è Bruce Monk un insegnante dell'accademia di danza e fotografo, che collaborava con la scuola. Le prime voci riguardanti il comportamento inappropriato erano emerse sui media a cavallo fra il 2014 e il 2015 generando una cascata di denunce di abusi risalienti anche al 1984.

Monk, sostengono le sue vittime, avvicinava le studentesse adolescenti per la realizzazione di un portfolio fotografico. Dopo i primi scatti fatti in palestra però, l'uomo, chiedeva di spostarsi nel suo studio privato con la scusa di realizzare dei primi piani. Una volta lì, invece, quelle che venivano realizzate erano fotografie di nudo o seminudo delle ragazzine.

«Ricordo che una volta arrivati nel suo studio, lui ha chiuso la porta e mi ha detto in maniera lenta, gentile ma decisa di abbassarmi le spalline del tutù», ricorda Sarah Doucet ex-studentessa e prima firmataria della class-action, «avevo paura di contraddirlo, di farlo arrabbiare era comunque un insegnante della scuola, una persona con una grande autorità su di noi. Non so come ho fatto a uscire da quella porta, non ricordo».

Durante l'indagine ,aperta dalla polizia di Winnipeg in seguito alle numerose denunce si è poi scoperto che Monk, quelle stesse fotografie, le rivendeva online: «Pensare che da qualche parte, su qualche parete, c'è una foto della me adolescente nuda è un vero e proprio trauma».

La class-action civile segue una decisione di non entrare in materia della Corte penale della contea di Manitoba secondo la quale Monk non aveva infranto nessuna legge. «È la nostra unica chance, la mia unica chance, per far si che i colpevoli paghino», spiega Doucet che ora ha 46 anni, «gli ultimi 4 anni sono stati i più difficili della mia vita»

Fra gli accusati, ovviamente il docente-fotografo, ma anche l'Accademia: «Sono quelli che gli hanno messo in mano la macchina fotografica, quelli che hanno detto alle studentesse: "Vi fotograferà lui", hanno fatto sì che tutto ciò fosse possibile, per anni».

TOP NEWS Dal Mondo
RDC
1 ora

Battello affonda nel Fiume Congo: 36 dispersi

L'imbarcazione si dirigeva verso la capitale congolese Kishasa. È affondata in un punto di forti correnti

CINA
2 ore

Il bando Usa a Huawei alla fine potrebbe favorire l'hi-tech asiatico

Perché secondo gli esperti il continente potrebbe arrivare a un'indipendenza tecnologica: «Si creeranno due mondi diversi»

STATI UNITI
3 ore

Si fa da sé una maglia dell'Uni e a scuola lo bullizzano, l'ateneo gli offre una borsa di studio

È successo a un allievo elementare della Florida, il suo design è poi diventato pure un fenomeno di vendite online

STATI UNITI
6 ore

In California le università dovranno fornire la pillola del giorno dopo

Una svolta controtendenza rispetto alle nazioni più conservatrici verrà applicata dal 2023 e includerà anche altre opzioni per l'interruzione di gravidanza

STATI UNITI
10 ore

10 domande per fare bella figura al colloquio di lavoro

Una serie di quesiti che possono impressionare l'esaminatore e fargli capire che siete la persona giusta per l'incarico

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile