Fotolia
FRANCIA
22.08.18 - 17:480
Aggiornamento : 18:31

Jihadista rilasciato per un errore del giudice istruttore

L'uomo è sospettato di avere partecipato al progetto di un attentato nel 2014 a Lione

PARIGI - Oualid B., un jihadista sospettato di aver partecipato al progetto di un attentato nel 2014 a Lione, centro della Francia, è uscito dalla prigione in cui era rinchiuso a causa di un errore del giudice istruttore che ha dimenticato di prorogare la sua detenzione provvisoria.

Il presunto jihadista, in attesa di processo a novembre, è uscito di carcere in aprile dopo un errore della magistratura, di cui ha dato notizia il Canard Enchainé ma che è stato confermato oggi dal ministero della Giustizia. Oualid B. deve essere processato al fianco di Reda Bekhaled e dei suoi fratelli per un attentato pianificato a Lione nel 2014 e per l'organizzazione di una filiera di foreign fighters in Siria.

Oualid B. era in carcere dall'agosto 2016, da quando - il 3 aprile - ha potuto lasciare la prigione, è in libertà ma «sotto stretto controllo giudiziario», secondo il ministero. A maggio, però, è stato nuovamente fermato per guida senza patente al di fuori della zona a lui consentita dalla libertà vigilata. Condotto immediatamente in tribunale, è stato di nuovo rilasciato nonostante la procura chiedesse 10 mesi di detenzione dopo che nella memoria del suo cellulare sono state rinvenute immagini di jihadisti armati.

La vicenda ha destato molto scalpore all'interno della magistratura e la guardasigilli Nicole Belloubet ha ordinato un'inchiesta interna. Il giudice istruttore colpevole della dimenticanza sarebbe stato invitato a dimettersi ma avrebbe rifiutato, secondo il settimanale satirico.

TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
6 ore

Una trappola tesa al momento giusto blocca la Brexit

Il voto decisivo atteso per oggi sul deal è saltato ed ora è muro contro muro fra Parlamento e Governo

REGNO UNITO
10 ore

Stop a Johnson, Westminster rinvia la Brexit

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento che obbliga il premier a chiedere un rinvio all'UE

FOTO
REGNO UNITO
12 ore

Il popolo torna in piazza contro la Brexit

Un raduno colorato, fra slogan, cartelli, bandiere britanniche e dell'Ue e vessilli di partito

SIRIA
13 ore

Ankara accusa i curdi di violare il "cessate il fuoco"

«In 36 ore hanno compiuto 14» violazioni». Ma la Turchia assicura che è in atto un coordinamento con gli Stati Uniti

REGNO UNITO
13 ore

Brexit, l'esito resta incerto

È partito il dibattito vero e proprio sull'accordo. Si vota su due emendamenti: una nuova proroga e referendum bis

REGNO UNITO
16 ore

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

STATI UNITI
18 ore

Boeing 737 Max, la società sapeva

Una serie di sms tra dipendenti nel 2016 indica che la società era consapevole del rilevante problema del sistema di controllo automatico del volo

FOTO
SPAGNA
18 ore

Le proteste serali fanno 182 feriti e 54 arresti

Tra le persone fermate e poi rilasciate anche un fotoreporter del quotidiano El Pais, «immobilizzato a terra da una mezza dozzina di agenti e portato in un furgone di polizia»

ITALIA
1 gior

La provocazione di Grillo: «E se togliessimo il voto agli anziani?»

Il fondatore del M5s scatena un pandemonio con la sua dichiarazione. Calderoli: «Nemmeno Erdogan». Salvini: «Togliamo il voto a lui»

SIRIA
1 gior

Fragile tregua in Siria, sul confine cadono ancora le bombe

Il cessate il fuoco concordato ieri da Turchia e Stati Uniti ha subito ripetute violazioni: i raid di Ankara non si fermano. Erdogan però nega: «Disinformazione»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile