keystone
STATI UNITI
14.07.18 - 08:160
Aggiornamento : 11:26

Weinstein: «Offrivo lavoro per sesso»

Immediata la reazione del suo avvocato, che smentisce la frase incriminante

LOS ANGELES - «Sì, offrivo lavoro in cambio di sesso, ma così facevano e fanno tutti. Però mai e poi mai mi sono imposto con la forza a nessuna donna». Questa la frase incriminata e comparsa sul britannico Spectator, pericolosissima per il produttore di Hollywood Harvey Weinstein.

L'uomo è accusato di abusi sessuali e stupro ed è libero su cauzione. Immediata la reazione del suo avvocato, Ben Brafan, che interviene a stretto giro smentendo che il suo assistito l'abbia mai pronunciata, non in questi termini quantomeno.

La vicenda viene ricostruita così dalla rivista Variety, ma parte da un intervento di Taki Theodoracopulos sullo Spectator, che sulla rivista britannica tiene una rubrica, e il quale pure si corregge, affermando che potrebbe aver male interpretato le parole di Weinstein.

L'avvocato di Weinstein, Ben Brafan, afferma che quella pubblicata dallo Spectator era intervista esclusiva ma «un incontro fra vecchi amici». «Ero presente - ha detto, si legge su Variety - Harvey e Taki non hanno discusso del caso, né io avrei consentito che lo facessero. Si è parlato di vecchia Hollywood e del contrasto con la cultura europea, e credo che Taki vede Harvey in quella vecchia luce. Weinstein non ha detto nulla circa lo scambio di ruoli in film per favori sessuali. Avete la mia parola che Harvey non l'ha detto», è la dichiarazione di Brafan.

Quindi il commento di Theodoracopulos: «Dopo 41 anni da commentatore allo Spectator credo che potrei aver male interpretato la conversazione che Harvey Weinstein ha tenuto con me il mese scorso a New York», ha scritto. «È stato un mio errore. Parlavamo di Hollywood e posso aver capito male alcune cose sui metodi di quel posto. Non ho avuto nulla a che fare con il titolo del mio articolo e spero di non aver danneggiato il suo caso, dopo tutto si era trattato di una visita tra amici».

La frase imputata a Weinstein è stata infatti riportata nel titolo dell'articolo, nel quale il noto giornalista 81enne fa riferimento a Weinstein come a un «vecchio amico». Theodoracopulos ha inoltre ripetutamente difeso Weinstein nella sua rubrica e ha paragonato il movimento #MeToo alla inquisizione spagnola.

Nell'articolo dello Spectator si fa riferimento anche a Rose McGowan e Asia Argento, due delle donne che hanno accusato Weinstein.

TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Bagarre tra esperti: «Coronavirus come l’influenza? Una scemenza»
Si scontrano in rete i virologi Maria Rita Gismondo e Roberto Burioni. Le vittime salgono a 5
VIDEO
GIAPPONE
2 ore
Coronavirus: Sony presenta i suoi nuovi smartphone in streaming
L'Xperia 1 II avrebbe dovuto essere lanciato al Mobile World Congress di Barcellona, poi annullato
ITALIA
3 ore
Treni pendolari e metro mezzi vuoti a Milano
Sono i primi effetti delle ordinanze sul Coronavirus
ITALIA
6 ore
Effetto coronavirus, l’Amuchina venduta online a peso d’oro
Prodotti introvabili nelle farmacie italiane e prezzi alle stelle in rete. Il Codacons: «Speculazione vergognosa»
FOTO
ITALIA
15 ore
Code alle casse e scaffali vuoti: è l’onda del coronavirus
A Milano e in altre città lombarde la gente sta facendo scorta di cibo e di disinfettanti. I carrelli sono pieni
ITALIA
15 ore
Italia terza al mondo per numero di contagi
«Prima o poi bisognerà controllare le frontiere se l'epidemia diventa fuori controllo» ha precisato Marine Le Pen
FOTO E VIDEO
ITALIA
17 ore
«Qui a Codogno abbiamo paura, ma vince la solidarietà»
La testimonianza di un'abitante del comune del Lodigiano, isolato per i prossimi 14 giorni: «È una situazione pesante»
ITALIA
18 ore
C'è una terza vittima del coronavirus. Un contagio a Milano
La paziente era ricoverata in oncologia a Crema. Italia terza al mondo per i contagi
ARABIA SAUDITA
19 ore
Coronavirus: G20 pronto a misure per limitare l'impatto economico
«La ripresa globale resta debole e i rischi al ribasso sull'outlook persistono», fa notare l'organizzazione
ITALIA
22 ore
Il virus chiude la scuola e i carnevali, anche quello di Venezia
In Lombardia e Piemonte niente lezioni (nemmeno all'università), serrate le porte pure di musei e chiese
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile