keystone
STATI UNITI
14.07.18 - 08:160
Aggiornamento : 11:26

Weinstein: «Offrivo lavoro per sesso»

Immediata la reazione del suo avvocato, che smentisce la frase incriminante

LOS ANGELES - «Sì, offrivo lavoro in cambio di sesso, ma così facevano e fanno tutti. Però mai e poi mai mi sono imposto con la forza a nessuna donna». Questa la frase incriminata e comparsa sul britannico Spectator, pericolosissima per il produttore di Hollywood Harvey Weinstein.

L'uomo è accusato di abusi sessuali e stupro ed è libero su cauzione. Immediata la reazione del suo avvocato, Ben Brafan, che interviene a stretto giro smentendo che il suo assistito l'abbia mai pronunciata, non in questi termini quantomeno.

La vicenda viene ricostruita così dalla rivista Variety, ma parte da un intervento di Taki Theodoracopulos sullo Spectator, che sulla rivista britannica tiene una rubrica, e il quale pure si corregge, affermando che potrebbe aver male interpretato le parole di Weinstein.

L'avvocato di Weinstein, Ben Brafan, afferma che quella pubblicata dallo Spectator era intervista esclusiva ma «un incontro fra vecchi amici». «Ero presente - ha detto, si legge su Variety - Harvey e Taki non hanno discusso del caso, né io avrei consentito che lo facessero. Si è parlato di vecchia Hollywood e del contrasto con la cultura europea, e credo che Taki vede Harvey in quella vecchia luce. Weinstein non ha detto nulla circa lo scambio di ruoli in film per favori sessuali. Avete la mia parola che Harvey non l'ha detto», è la dichiarazione di Brafan.

Quindi il commento di Theodoracopulos: «Dopo 41 anni da commentatore allo Spectator credo che potrei aver male interpretato la conversazione che Harvey Weinstein ha tenuto con me il mese scorso a New York», ha scritto. «È stato un mio errore. Parlavamo di Hollywood e posso aver capito male alcune cose sui metodi di quel posto. Non ho avuto nulla a che fare con il titolo del mio articolo e spero di non aver danneggiato il suo caso, dopo tutto si era trattato di una visita tra amici».

La frase imputata a Weinstein è stata infatti riportata nel titolo dell'articolo, nel quale il noto giornalista 81enne fa riferimento a Weinstein come a un «vecchio amico». Theodoracopulos ha inoltre ripetutamente difeso Weinstein nella sua rubrica e ha paragonato il movimento #MeToo alla inquisizione spagnola.

Nell'articolo dello Spectator si fa riferimento anche a Rose McGowan e Asia Argento, due delle donne che hanno accusato Weinstein.

TOP NEWS Dal Mondo
PARIGI
1 ora

Si paga 50 cent pure per una fetta di limone. È polemica

Oltre al pagamento dell'acqua una turista ha dovuto pagare pure per le fettine di limone. Indignazione in rete.

STATI UNITI
2 ore

Facebook e Whatsapp non sono in vendita

Lo ha reso noto il senatore Josh Hawley dopo un incontro sulla futura regolamentazione di internet con Mark Zuckerberg

STATI UNITI
2 ore

Due sparatorie a Washington: un morto e 8 feriti

I due fatti sono avvenuti a circa mezzora di distanza l'uno dall'altro. Non è al momento chiaro se siano collegati

REGNO UNITO
15 ore

«Contro tutti i tabù» apre a Londra il Vagina Museum

Sarà in zona Camden Market si occuperà di salute, prevenzione ma anche promozione culturale. La fondatrice: «Basta con la vergogna»

FOTO
GERMANIA
17 ore

Huawei svela il Mate 30, il primo telefono colpito dal bando di Trump

Lo smartphone, che incorpora tecnologie tra le più avanzate sul mercato e che molto probabilmente snobberà Google

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile