Archivio Keystone
ITALIA
12.07.18 - 13:190

Migranti, 600 vittime dopo lo stop alle navi delle Ong

La denuncia arriva da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranée che rilanciano l'appello a «fermare queste vergognose morti»

ROMA - Oltre 600 persone, tra cui neonati e bambini, sono annegate o disperse nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale nelle ultime 4 settimane, da quando cioè sono state bloccate le navi di soccorso delle organizzazioni non governative. La denuncia arriva da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranée che rilanciano l'appello a «fermare queste vergognose morti».

Stando ai dati diffusi da Msf e Sos Mediterranée, le 600 vittime delle ultime quattro settimane rappresentano «la metà di tutte le morti registrate quest'anno».

«Le decisioni politiche dell'Europa nelle ultime settimane hanno avuto conseguenze letali - spiega Karline Kleijer, responsabile delle emergenze per Msf -. È stata presa la decisione a sangue freddo di lasciare annegare uomini, donne e bambini nel Mediterraneo. È vergognoso e inaccettabile. Invece di ostacolare deliberatamente un'assistenza medica e umanitaria salvavita a persone in pericolo, i Governi europei devono attivare un sistema dedicato di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale».

«L'Europa ha la responsabilità di queste morti sulla propria coscienza - le fa eco Sophie Beau, vicepresidente di SOS Mediterranée -. I Governi europei devono reagire immediatamente e garantire che il diritto internazionale marittimo e umanitario, che prescrive l'obbligo del soccorso in mare, sia pienamente rispettato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile