Keystone
STATI UNITI
15.06.18 - 07:260

Trump approva la stretta sul Made in China

Non è ancora chiaro quando il provvedimento entrerà in vigore

WASHINGTON - Donald Trump ha approvato dazi su una lunga lista di prodotti Made in China per un valore di circa 50 miliardi di dollari. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando però come non sia ancora chiaro quando la stretta entrerà in vigore.

La decisione - presa per punire Pechino accusata di rubare tecnologie alle aziende Usa e di violare i diritti sulla proprietà intellettuale - sarà annunciata nelle prossime ore e rischia di scatenare una guerra commerciale tra Usa e Cina senza precedenti e dagli esiti imprevedibili.

Il presidente americano - racconta il Wsj - ha preso la decisione dopo un vero e proprio vertice con i suoi più stretti consiglieri della Casa Bianca e con alcuni dei massimi responsabili della sicurezza nazionale, del Tesoro e del dipartimento al commercio. Una riunione durata circa 90 minuti in cui sono state confermate tariffe del 25% su un lungo elenco di beni che la Cina esporta in Usa e che verrà resa nota nelle prossime ore. La lista stilata originariamente dagli esperti - secondo le bozze circolate nelle scorse settimane - riguardava circa 1.300 categorie di prodotti Made in China, a partire da quelli tecnologici.

Pechino ha già minacciato a suo tempo il varo a sua volta di un pacchetto di dazi su beni Made in Usa anche in questo caso per un valore di 50 miliardi di dollari, compresi aerei e i semi di soia. Ma Trump ha già minacciato dazi su altri 100 miliardi di dollari di prodotti cinesi, oltre a una stretta sugli investimenti di Pechino negli Usa che dovrebbe essere annunciata il 30 giugno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
STATI UNITI
42 min

La foto shock di un papà e una bimba affogati nel Rio Grande indigna il mondo

Per molti si tratta di uno scatto-simbolo proprio come fu quello di Aylan, ma per l'emergenza migrazione fra Messico e States

STATI UNITI
1 ora

San Francisco rende illegali le sigarette elettroniche

Perché fra i giovani sarebbero diventate alla stregua di «un'epidemia», uno schiaffo all'industria e a Juul che ha sede proprio nella città

STATI UNITI
2 ore

AbbVie si compra il Botox e crolla in Borsa

L'operazione non ha per nulla convinto Wall Street dove i titoli della casa farmaceutica americana hanno perso il 16.37%

STATI UNITI
4 ore

Un pannello in ricordo di un presunto rapimento alieno

Lo ha posato la città di Pascagoula, nel Mississippi, in ricordo di un fatto che sarebbe avvenuto nel 1973

ZIMBABWE
11 ore

Lo Zimbabwe torna alla moneta nazionale dopo 10 anni

Dal 2009 il Paese utilizzava dollari americani, sterline britanniche e rand sudafricani. Ma le preziose valute straniere con il tempo sono diventate sempre più rare

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report